Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaArresti › Sassari: risolto il caso Ziranu
A.B. 25 febbraio 2015
Nel giro di poche ore, la Polizia di Stato ha individuato e denunciato la responsabile dell’aggressione all’Associazione Beato Francesco Ziranu
Sassari: risolto il caso Ziranu


SASSARI - Nel pomeriggio di Martedì, dopo articolate indagini, gli agenti della Polizia di Stato hanno denunciato in stato di libertà una 41enne cittadina nigeriana, ritenuta responsabile dell’aggressione perpetrata il giorno prima contro il responsabile dell'associazione "Beato Francesco Ziranu". Importante è stato il contributo fornito dagli specialisti del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, che ha consentito, in tempi brevissimi, di identificare la donna mediante comparazione dattiloscopica delle impronte latenti rinvenute sulla scena del crimine.

La straniera è stata rintracciata a Sassari, nel terminal dei pullman extraurbani, mentre si accingeva a lasciare la città per rientrare verosimilmente nel suo Paese di origine. Dalla ricostruzione dei fatti, sembrerebbe che l’autrice del clamoroso gesto abbia agito, non mossa da intenti di tipo razziale o religioso, ma soltanto in un momentaneo stato di accesa alterazione e confusione.
Commenti
16:02
Altri due arresti messi a segno dai Carabinieri della Compagnia di Carbonia, che hanno così concluso l´operazione Arruga
21/7/2016
Quattro nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere per la rapina del bancomat perpetrata presso l’aeroporto di Alghero lo scorso 19 settembre 2015. Tutti i dettagli in una conferenza stampa svoltasi stamane
19:14
Una piantagione di canapa indiana, con 1600 arbusti e dotata di un impianto automatico di irrigazione, è stata individuata dalla Polizia in località Su Canale vicino al cantiere della Olbia-Sassari
21/7/2016
Un funzionario in servizio all´Ufficio Tutela del Paesaggio di Sassari-Olbia è stato arrestato per concussione dagli agenti del Nucleo investigativo del Corpo forestale della Sardegna
21/7/2016
Un 37enne di Olbia e un ungherese di 36 anni sono ritenuti i responsabili dell’organizzazione di un vasto giro di prostituzione, realizzato reclutando in Ungheria giovani e ignare ragazze che, una volta giunte in Italia, sono state ridotte in schiavitù, anche mediante violenza, e costrette a prostituirsi
© 2000-2016 Mediatica sas