Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaAgricoltura › Nuovo Istituto Superiore di Agraria: studio, lavoro e sviluppo
Stefano Idili 20 gennaio 2015
Negli scorsi giorni si è svolto un interessante convegno del Partito Democratico ad Alghero riguardo le eccellenze dell´enogastronomia locale. Presenti assessori regionali e big democratici. Emersa un´importante progettualità condotta dalla dirigente di agraria di Sassari Rosanna Arru insieme alla Provincia
Nuovo Istituto Superiore di Agraria: studio, lavoro e sviluppo


SASSARI - Manca poco. All'incirca due mesi per sapere se potrà nascere l'Istituto Tecnico Superiore di Agraria. Un progetto molto importante per il territorio a cui stanno lavorando da tempo diverse persone. In primis la dirigente scolastica del Pellegrini di Sassari, e consigliere comunale, Rosanna Arru, ma non solo. Infatti in accordo con la Provincia, in particolare con gli assessori alla Programmazione Enrico Daga e alla Pubblica Istruzione Rosario Musmeci, si sta attuando uno sforzo per raggiungere l'obiettivo.

Di cosa si tratta? Nel 2012 il Governo centrale ha stabilito che possono nascere una nuova forma di istituti direttamente collegamenti al mondo del lavoro. Quello che accade da diversi lustri negli altri paesi europei. Il fulcro sono le fondazioni al cui interno ci sono le aziende di riferimento, la scuola e gli enti locali. I corsi durano due anni, sono per diplomati e valgono anche per ottenere dei crediti per gli studi universitari. Ma la cosa più importante è che questa tipologia di istituti è direttamente connessa al mondo del lavoro.

«Per adesso abbiamo firmato il protocollo d'intesa come lettera d'intenti da presentare al Ministero il quale decidere se dare il via libera - spiega Rosanna Arru - noi siamo fiduciosi e crediamo che la sinergia tra Sassari e Alghero, in particolare Santa Maria La Palma, sia un ottima scelta viste anche le notevoli possibilità del territorio alla luce della presenza di aziende di estremo valore, dell'aeroporto e di professionalità di alto livello». Un binomio tra il centro turritano e la borgata algherese indispensabile per avviare il progetto che richiede una doppia sede legale e dunque istituti agrari di Sassari e Santa Maria La Palma. In Sardegna dovrebbero nascere tre istituti: quello agrario, come detto, e poi nautica a Cagliari ed energie rinnovabili a Macomer. La Provincia deve predisporre il piano di dimensionamento e, come detto, il Ministero deciderà. La dirigente Arru, insieme all'assessore Daga e altri attori del territorio, hanno avuto come riferimento la Puglia, regione in cui questi istituti sono molto diffusi ed inoltre sono stati già fatti alcuni viaggi formativi in Toscana. Corsi, ad esempio, riguardo la promozione dei prodotti oleari oppure l'internazionalizzazione del vino e tanti altri.

Insomma una progettualità che potrebbe realmente cambiare il volto dello sviluppo del territorio che non può non essere indirizzato, almeno a livello formativo, verso i comparti enogastronomico e alberghiero. Scelte che devono trovare anche un tangibile sostegno da parte della Regione Sardegna anche in termini di finanziamento. Del resto questo è il futuro e non certo altre tipologie di corsi e dipartimenti universitari oramai superati e che producono solo disoccupati.


Nella foto il convegno del Pd sull'agro
Commenti
29/9/2016
Si sono individuati gli strumenti finanziari per far partire interventi che aiutino a governare il mercato e che si ripercuotano positivamente anche sull’andamento del prezzo del latte per la prossima stagione ormai alle porte
© 2000-2016 Mediatica sas