Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaPolitica › Sindaco sulla graticola: Bella Dentro sta con Sanna
S.I. 17 gennaio 2015
«Prendiamo atto con stupore della lettera aperta dei 10 consiglieri comunali del PD al Sindaco Nicola Sanna, una lettera della quale non condividiamo nè il contenuto nè il metodo». Così dalla lista civica Bella Dentro. A parlare è il presidente Tore Boeddu che risponde alle critiche del Partito Democratico
Sindaco sulla graticola: Bella Dentro sta con Sanna


SASSARI - «Prendiamo atto con stupore della lettera aperta dei 10 consiglieri comunali del PD al Sindaco Nicola Sanna, una lettera della quale non condividiamo nè il contenuto nè il metodo». Cosi dalla lista civica Bella Dentro. A parlare è il presidente Tore Boeddu che risponde alle critiche del Partito Democratico. «Le questioni sollevate meritano un approfondimento, ma sopratutto un confronto differente avrebbe dovuto coinvolgere su questi temi la coalizione, che tutta insieme ha contribuito al risultato delle amministrative della città di Sassari. Altrimenti verrebbe facile pensare che queste argomentazioni siano solo un pretesto per rivendicazioni interne al partito di maggioranza: il rimpasto della giunta. Questo metodo non ci piace perchè non rispetta la volontà dei cittadini che ci hanno votato perchè dessimo un segno di cambiamento rispetto alle vecchie logiche della politica».

«Non siamo d'accordo sul merito perchè le argomentazioni portate sono deboli e perfino pretestuose: il presunto ritardo dell' adozione del PUC, dimenticando che le commissioni si sono insediate solo a settembre e che per un mese lo stesso PD ha messo in dubbio che si dovesse approvare in Consiglio Comunale. Le critiche feroci alla ZTL, una sperimentazione di soli tre mesi, quando la precedente è durata 3 anni e tutti in campagna elettorale abbiamo affermato e sottoscritto che andava rivisitata. L'obiettivo di attrarre i pedoni in centro e puntare alle isole pedonali, lo condividiamo ancora? Per non parlare delle obiezioni all'ipotesi di aprire la casa dello studente alla Caserma La Marmora, tutti in campagna elettorale abbiamo affermato e sottoscritto nel programma, che riportare gli studenti al centro fosse una scelta strategica per il rilancio del centro storico. Se il PD non è più d'accordo vorremmo saperlo, conoscerne le ragioni, gli interessi generali che intende salvaguardare, e insieme a noi lo vorrebbero sapere anche i cittadini che ci hanno votato. Ci dichiariamo quindi disponibili a conoscere le eventuali proposte alternative del PD , ma non da un comunicato stampa, ma nei luoghi e nelle sedi deputate come avevamo iniziato a fare dalla fine dell'estate sui grandi temi che affliggono la ns Città e il ns territorio: dalla crisi complessiva dell'apparato produttivo, alle nuove povertà, dallo spopolamento del centro storico alla disoccupazione e alla dispersione scolastica. Abbiamo bisogno perchè la Città cresca e migliori, di condividere obiettivi strategici che coinvolgano l’intero territorio del nord Sardegna e perchè Sassari possa rivendicare il ruolo di guida».

«Ribadiamo, non condividiamo nel merito ed nel metodo la nota cosi come l’ultimatum posto al Sindaco. Ci aspettiamo che il PD, soprattutto ora che ha eletto i suoi organismi dirigenti, dimostri di essere il partito del sindaco che governa la città di Sassari, svolgendo il suo ruolo di partito di maggioranza della coalizione, affrontando con responsabilità ed equilibrio, i nodi interni non risolti, nell'interesse generale dei cittadini. Con i tagli alle risorse annunciati dal Governo e dalla Regione, con la crisi sempre più forte, la città ha necessità di una Amministrazione coesa e fortemente impegnata nelle emergenze. Abbiamo vinto le elezioni con un grande consenso basato sul programma del Sindaco Nicola Sanna, abbiamo votato un programma di mandato che non dimentichiamo che tutti siamo impegnati a contribuire a realizzare.
Siamo convinti che alla fine il senso di responsabilità dei 10 consiglieri prevarrà a meno che gli obbiettivi che si vogliono perseguire siano davvero altri: far cadere il Sindaco».
Commenti
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
© 2000-2016 Mediatica sas