Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariEconomiaLavoro › -440 lavoratori a Sassari: è record nell’Isola
D.C. 18 gennaio 2015
La provincia del Nord-Ovest della Sardegna è quella che presenta il maggior numero di lavoratori in uscita, seguita da Cagliari, Oristano e Nuoro. La crisi maggiore nel settore edile
-440 lavoratori a Sassari: è record nell’Isola


SASSARI - Continua l’emorragia di posti di lavoro in Sardegna. Nel primo trimestre del 2015 nell’isola si perderanno altri 650 posti di lavoro: i lavoratori in uscita saranno 4.820 a fronte di 4.170 nuove assunzioni. Il dato, in controtendenza rispetto a quello nazionale, è evidenziato dalla “Cna Sardegna”, che commenta il monitoraggio trimestrale effettuato dal Sistema informativo “Excelsiordi Unioncamere” e Ministero del Lavoro, che a livello nazionale lascia intravedere una ripresa dell’occupazione con la creazione complessiva di 8.400 nuovi posti di lavoro. Questa ripresa sembra infatti essere ancora molto lontana in Sardegna e nel resto del Mezzogiorno.

Nell’isola, a livello provinciale, il dato peggiore è previsto a Sassari con 1.750 lavoratori in uscita contro i 1.310 in entrata (-440). Segue Cagliari che, a fronte di 2.020 assunzioni, vedrà 2.160 lavoratori abbandonare il mercato (-140), mentre a Nuoro si registrano 20 posti in meno e a Oristano 50. La Cna Sardegna ha poi analizzato anche i dati contenuti in una recente ricerca sulla imprenditoria straniera effettuata da “Unioncamere” e “InfoCamere”, che relega la Sardegna agli ultimi posti in Italia per la presenza di imprenditori stranieri.

Sulla base dei dati del registro delle imprese delle Camere di commercio isolane, Sassari è la provincia sarda che registra il maggior numero di imprese guidate da stranieri: il 5,1 percento delle oltre 13mila aziende. Segue Nuoro con il 3,9 percento delle quasi 7mila imprese, chiudono Cagliari (2,5 percento su oltre 14mila) e Oristano (2,4 percento su 3.264). Numeri particolarmente bassi rispetto ad una media italiana che arriva quasi al 13 per cento di imprese guidate da stranieri. Una situazione grigia quella dell’occupazione in Sardegna dovuta, secondo Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna, al calo del 40 percento degli investimenti, specie nel settore edilizio.

«La Regione Sardegna sblocchi subito la legge sull’edilizia – è stato quindi l’appello della Cna Sardegna - approvi con urgenza la legge finanziaria e concentri tutte le risorse disponibili su un grande piano del lavoro. La decisione di varare un piano per le opere pubbliche con l’accensione di un mutuo per 600 milioni di euro prevista dalla finanziaria per il 2015 va nella giusta direzione, a condizione che i cantieri vengano avviati con celerità e le risorse immesse immediatamente nel circuito economico».

Nella foto: Pierpaolo Piras
Commenti
19:26
Il consigliere regionale di Forza Italia Edoardo Tocco interviene sulla vertenza relativa ai lavoratori della Tim Telecom Italia a Cagliari. Oltre duecento lavoratori vedono a rischio il loro futuro
19:59
La Guardia di Finanza ha pubblicato il bando di concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di venti tenenti del ruolo tecnico-logistico-amministrativo del Corpo
3/12/2016
«Da gennaio, nuovi servizi alle nostre imprese», dichiara il presidente della Confapi Sardegna Mirko Murgia. Oltre alla consulenza dedicata al programma per la competitività delle micro, piccole e medie imprese, lo sportello si occuperà anche dell’Audit energetico, il cui bando è stato lanciato qualche giorno fa dalla Regione
1/12/2016
Questo pomeriggio, Villa Devoto ha ospitato l´incontro che ha visto la presenza del ministro Carlo Calenda, dei rappresentanti della Regione, del Piano Sulcis, di Invitalia e dei sindacati. «Passi avanti concreti grazie a sinergie con il Governo», ha dichiarato il presidente Francesco Pigliaru
© 2000-2016 Mediatica sas