Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariEconomiaLavoro › -440 lavoratori a Sassari: è record nell’Isola
D.C. 18 gennaio 2015
La provincia del Nord-Ovest della Sardegna è quella che presenta il maggior numero di lavoratori in uscita, seguita da Cagliari, Oristano e Nuoro. La crisi maggiore nel settore edile
-440 lavoratori a Sassari: è record nell’Isola


SASSARI - Continua l’emorragia di posti di lavoro in Sardegna. Nel primo trimestre del 2015 nell’isola si perderanno altri 650 posti di lavoro: i lavoratori in uscita saranno 4.820 a fronte di 4.170 nuove assunzioni. Il dato, in controtendenza rispetto a quello nazionale, è evidenziato dalla “Cna Sardegna”, che commenta il monitoraggio trimestrale effettuato dal Sistema informativo “Excelsiordi Unioncamere” e Ministero del Lavoro, che a livello nazionale lascia intravedere una ripresa dell’occupazione con la creazione complessiva di 8.400 nuovi posti di lavoro. Questa ripresa sembra infatti essere ancora molto lontana in Sardegna e nel resto del Mezzogiorno.

Nell’isola, a livello provinciale, il dato peggiore è previsto a Sassari con 1.750 lavoratori in uscita contro i 1.310 in entrata (-440). Segue Cagliari che, a fronte di 2.020 assunzioni, vedrà 2.160 lavoratori abbandonare il mercato (-140), mentre a Nuoro si registrano 20 posti in meno e a Oristano 50. La Cna Sardegna ha poi analizzato anche i dati contenuti in una recente ricerca sulla imprenditoria straniera effettuata da “Unioncamere” e “InfoCamere”, che relega la Sardegna agli ultimi posti in Italia per la presenza di imprenditori stranieri.

Sulla base dei dati del registro delle imprese delle Camere di commercio isolane, Sassari è la provincia sarda che registra il maggior numero di imprese guidate da stranieri: il 5,1 percento delle oltre 13mila aziende. Segue Nuoro con il 3,9 percento delle quasi 7mila imprese, chiudono Cagliari (2,5 percento su oltre 14mila) e Oristano (2,4 percento su 3.264). Numeri particolarmente bassi rispetto ad una media italiana che arriva quasi al 13 per cento di imprese guidate da stranieri. Una situazione grigia quella dell’occupazione in Sardegna dovuta, secondo Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna, al calo del 40 percento degli investimenti, specie nel settore edilizio.

«La Regione Sardegna sblocchi subito la legge sull’edilizia – è stato quindi l’appello della Cna Sardegna - approvi con urgenza la legge finanziaria e concentri tutte le risorse disponibili su un grande piano del lavoro. La decisione di varare un piano per le opere pubbliche con l’accensione di un mutuo per 600 milioni di euro prevista dalla finanziaria per il 2015 va nella giusta direzione, a condizione che i cantieri vengano avviati con celerità e le risorse immesse immediatamente nel circuito economico».

Nella foto: Pierpaolo Piras
Commenti
26/2/2017
Il sindaco di Sassari, insieme a numerosi primi cittadini del nord ovest della Sardegna, partecipa al consiglio comunale straordinario aperto a Olmedo, convocato per la questione della miniera di bauxite e dei lavoratori
26/2/2017
Così il vicecapogruppo di Forza Italia commenta l’incontro di Olmedo di sabato mattina. «Non è possibile accettare che l’assessore continui ad affrontare la crisi con stilemi burocratici e formali. Occorre – secondo l’ex sindaco di Alghero - mettere in campo gli strumenti della politica»
25/2/2017
«Crollo dei contratti a tempo indeterminato e aumento oltre la media nazionale dei voucher venduti in Sardegna certificano il fallimento del centrosinistra al Governo nazionale e in Sardegna su lavoro e occupazione». Lo denunciano Bruno Murgia e Paolo Truzzu, parlamentare e consigliere regionale di FdI-An, commentando i dati Aspal ed Inps
25/2/2017
Luca Velluto non perde le redini della Femca-Cisl di Sassari e viene riconfermato segretario durante i lavori del quinto congresso provinciale che si è svolto ieri e giovedì nella sala conferenze dell’hotel Libissonis
30/1/2017
Gli operai hanno convocato per martedì mattina, alle 9.30, un´assemblea davanti ai cancelli della miniera. Nel mirino ancora le istituzioni regionali
© 2000-2017 Mediatica sas