Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaAgricoltura › Allarme siccità dagli agricoltori: bacini a secco nel sassarese
S.I. 14 gennaio 2015
Il livello dell’acqua all’interno dei bacini del Cuga, del Temo e del Coghinas è ai minimi storici. Nei prossimi giorni l’erogazione potrebbe subire delle forti restrizioni. Battista Cualbu: «A rischio buona parte dei raccolti»
Allarme siccità dagli agricoltori: bacini a secco nel sassarese


SASSARI - Il mondo dell’agricoltura del Nord Sardegna sta vivendo dei momenti di grande apprensione. Il livello dell’acqua all’interno dei bacini della Nurra è ai minimi storici e l’assenza delle piogge che ha caratterizzato le ultime settimane non sembra offrire una prospettiva confortante. Per questo, già dalle prossime settimane, il Consorzio di Bonifica della Nurra potrebbe restringere l’erogazione dell’acqua verso tutti i terreni agricoli.

I dati aggiornati allo scorso 30 novembre stabiliscono che: a fronte di una capienza di 26 milioni di metri cubi d’acqua, il bacino del Cuga ne contiene soltanto 11; il Temo è fermo a 33 milioni di metri cubi (di cui 10 sono destinati ai residenti di Alghero) a fronte di una capienza di 78 milioni; mente nel Coghinas il livello dell’acqua è fermo a 105 milioni di metri cubi su 223. «Questi numeri – afferma il presidente della Coldiretti Sassari, Battista Cualbu - descrivono una drammatica carenza d’acqua che potrebbe mettere a rischio buona parte dei raccolti».

Per contrastare il rischio di siccità non è stato avviato alcun programma di approvvigionamento delle risorse idriche e la Regione Sardegna non ha ancora istituito un tavolo di confronto con le associazioni di categoria del settore agricolo. «Le previsioni del tempo per le prossime settimane – conclude il presidente della Coldiretti Sassari, Battista Cualbu – non lasciano intravedere nessun miglioramento sostanziale. Forse è giunto il momento di riflettere con attenzione sulla gestione delle risorse idriche e sulle modalità di utilizzo delle dighe presenti sul nostro territorio, altrimenti rischieremo non solo di non poter irrigare i campi agricoli ma anche di non avere abbastanza acqua per soddisfare il fabbisogno dei cittadini».


Nella foto il bacino del Cuga
Commenti
25/6/2016
«Grazie alla Legge forestale abbiamo adesso uno strumento per valorizzare la produzione», dichiara l´assessore regionale Donatella Spano
25/6/2016
Nei mercati gialli, via alla Festa della frutta: produttori ed esperti sono a disposizione dei consumatori per dare i consigli e le informazioni del caso
25/6/2016
Centinaia di pagamenti legati al bando sui riproduttori bovini sono ancora congelati nelle casse dell’Argea dall’estate del 2013 e su tutto il territorio gallurese cresce il malcontento tra gli allevatori
© 2000-2016 Mediatica sas