Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaAmbiente › La commissione dice sì la piano di gestione del Sic lago di Baratz
S.I. 13 gennaio 2015
La quinta commissione consiliare Sicurezza e Ambiente questa mattina ha approvato a maggioranza (astenuti Manuel Alivesi e Antonello Sassu) l´aggiornamento del piano di gestione del sito di interesse comunitario “lago di Baratz-Porto Ferro”
La commissione dice sì la piano di gestione del Sic lago di Baratz


SASSARI – La quinta commissione consiliare Sicurezza e Ambiente questa mattina ha approvato a maggioranza (astenuti Manuel Alivesi e Antonello Sassu) l'aggiornamento del piano di gestione del sito di interesse comunitario “lago di Baratz-Porto Ferro”. Il piano adesso potrà approdare in consiglio comunale per la sua adozione. Il piano era già stato oggetto di discussione il 11 dicembre scorso quando, al Ceas del lago di Baratz, era stato illustrato l'aggiornamento del documento e le osservazione presentate da privati ed enti.

In quell'occasione, alla affollata riunione avevano partecipati i consiglieri della commissione Ambiente del Comune, i componenti della circoscrizione unica della Nurra, i rappresentanti dell'Università di Sassari, del Wwf e della guardia costiera di Alghero quindi i privati cittadini e titolari di aziende agricoli interne o limitrofe all'area del Sic e un rappresentante del Comune di Alghero, all'interno del quale ricade una parte del Sic. Questa mattina la commissione presieduta dalla consigliera Valeria Fadda ha ascoltato il funzionario del settore Ambiente, Pierpaolo Spanedda, che ha ricordato gli obiettivi fondamentali del piano che devono mirare alla conservazione e ripristino degli habitat, a favorire il recupero delle specie faunistiche, rimuovendo i fattori limitanti, a incrementare il livello delle conoscenze e a rendere il sito una risorsa economica per lo sviluppo sostenibile della comunità locale.

Su questo punto, l'assessore all'Ambiente Gianni Carbini ha ricordato proprio come alcune osservazioni presentate al piano di gestione siano state recepite mentre altre siano state recepite in parte e altre ancora non recepite. «Vorrei sottolineare – ha detto il rappresentante della giunta di Nicola Sanna – come siano state accolte le osservazioni di alcuni imprenditori agricoli che hanno i loro terreni all'interno o adiacenti al Sic, che si sono unite per manifestare all'amministrazione la volontà di collaborare, in una sinergia tra pubblico e privato, per la manutenzione delle aree verdi».

«L'accoglimento – ha aggiunto ancora l'assessore – potrà favorire il recepimento di fondi comunitari che possano agevolare lo sviluppo di attività imprenditoriali, così da favorire un nuovo tipo di turismo e valorizzare l'unico lago naturale della Sardegna». Anche la presidente della commissione in chiusura ha fatto presente l'importanza dell'aggiornamento del piano e le possibilità che possano scaturire per pubblico e privato dall'intercettare misure di finanziamento regionali e comunitarie.

Nella foto la commissione
Commenti
18:27
In futuro si potrebbe lanciare un “concorso” a chi utilizza peggio le isole ecologiche. Dovevano essere un fiore all’occhiello del ripensamento dei rifiuti sulla strada e invece sono diventati contenitori di degrado e sporcizia
22/3/2017
Parteciperanno oltre 300 studenti che accompagneranno i visitatori in luoghi, mostre e manifestazioni che si svolgeranno sabato 25 e domenica 26 marzo
23/3/2017
Lo chiedono i Riformatori Sardi in base al decreto pubblicato il 6 marzo scorso che detta “Disposizioni in materia di rifiuti prodotti da fumo e di rifiuti di piccolissime dimensioni”
23/3/2017
Domenica 2 aprile, la cooperativa algherese propone un´escursione sul complesso del Monte Limbara, nel territorio comunale di Tempio Pausania
23/3/2017
La decisione in seguito alla discussione del punto all’ordine del giorno nell’ultimo consiglio comunale richiesto dal consigliere sardista Davide Tellini
22/3/2017
«Migliore qualità dei dati e riduzione dei tempi», auspica l´assessore regionale della Difesa dell´Ambiente Donatella Spano, al termine della sperimentazione, durata due anni, del Modulo osservatorio rifiuti urbani
© 2000-2017 Mediatica sas