Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariEconomiaEdilizia › Mattone rende sempre meno. Sassari si salva, seconda in Italia
S.A. 12 gennaio 2015
Nel capoluogo turritano la somma di Imu, Tasi, imposte sui redditi e spese di gestione si rivela un po’ più leggera in termini relativi. E´ quanto emerge dall´indagine del Sole-24 ore
Mattone rende sempre meno
Sassari si salva, seconda in Italia


SASSARI - Investire in un appartamento da dare in affitto a Sassari conviene ancora. E'quanto emerge dall'indagine condotta dal quotidiano il Sole-24 ore che ha messo a confronto i canoni medi cittadini rilevati da Nomisma, rapportandoli alla casa-tipo così come risulta in catasto, sia a livello di rendita, sia a livello di superficie. I dati rivelano che con la cedolare secca o senza, il capoluogo del nord Sardegna è il secondo in classifica se si calcola la percentuale del ritorno sul capitale investito per l'acquisto della casa.

Sul fronte cedolare secca Sassari, con il 3,20%, segue solo Livorno. Questo grazie a una bassa percentuale di spese e imposte. Su un canone lordo di 11.102 euro, costi e tassazione si fermano al 38% (la media nazionale è del 42%). Ma Sassari è messa bene anche senza cedolare secca: con il prelievo ordinario, Imu e Tasi, i costi si fermano al 57%. E il ritorno assicurato al proprietario dell'immobile è del 2,24%.

Segue a distanza Cagliari: con la cedolare secca la tassazione è del 41% (comunque sotto la media nazionale) mentre senza cedolare si va al 60%. Con ritorni economici rispettivamente del 2,81% e dell'1,93%. A Nuoro va leggermente meglio: 40% con la cedolare secca e 59% senza. Con un vantaggio per i proprietari del 2,50% e dell'1,73%. Oltre la media nazionale invece è Oristano: 43% di costi con la cedolare secca e 61% senza, con ritorni sul capitale ridotti rispettivamente al 2,39% e all'1,62%.
Commenti
17:40
«Un atto necessario - l´ha definito in Aula l´assessore all´Urbanistica, Cristiano Erriu - in quanto il termine della scadenza al 31 dicembre 2017 era ormai prossimo, e in attesa della discussione del ddl sull´urbanistica dovevamo consentire alle imprese del settore edile di proseguire la loro attività con un minimo di pianificazione»
6:59
Durissimo l´intervento del gruppo ambientalista sulle palazzine di Alghero. «Il titolo abilitativo per il secondo edificio non poteva esser rilasciato, perché in assenza di autorizzazione paesaggistica. E’ ora di finirla con lo sdoganare pure speculazioni edilizie in danno del territorio con procedimenti che di legalità hanno una mera parvenza»
12/12/2017
Le autorizzazioni edilizie rilasciate ad Alghero a due passi dal mare per la realizzazione di palazzine da 5 piani in zona Calabona al centro della polemica. Il PdS chiede chiarezza
© 2000-2017 Mediatica sas