Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaSanità › Asl e Aou: insediati nuovi commissari a Sassari
S.A. 30 dicembre 2014
Asl e Aou in stretta sinergia per cambiare la sanità sassarese. Questa mattina si sono insediati ufficialmente i due commissari nominati dalla Regione
Asl e Aou: insediati nuovi commissari a Sassari


SASSARI - Si sono insediati questa mattina i commissari della Asl e dell’Aou di Sassari. Agostino Sussarellu e Giuseppe Pintor, nella sede della Direzione della Asl in via Catalocchino, hanno voluto incontrare i giornalisti per illustrare il percorso sinergico che le due aziende dovranno compiere nei prossimi mesi in base alla legge regionale n. 23 del 17 novembre 2014. Asl e Aou dovranno lavorare congiuntamente, in accordo con l’Università con la quale sussiste piena sintonia, per porre le basi della futura riforma del sistema sanitario regionale che vede come priorità l’incorporazione nell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari del presidio ospedaliero SS. Annunziata, attualmente facente capo all'Asl n. 1 di Sassari. «Uno degli obiettivi più complessi e già previsti nel testo della riforma» ha spiegato Agostino Sussarellu, commissario dell’Azienda Sanitaria Locale che ha illustrato gli obiettivi che la Regione ha conferito ai commissari.

Si tratta di sviluppare alcuni pilastri prioritari: l’umanizzazione delle cure, la valorizzazione delle risorse umane, il miglioramento del governo clinico attraverso la formazione continua e mirata degli operatori sanitari, lo sviluppo di una rete territoriale che faciliti la comunicazione tra gli operatori del settore, l’Università, le istituzioni locali, le associazioni e gli ordini professionali. «Sarà una sfida per un cambiamento in positivo al quale dobbiamo credere e partecipare tutti come squadra dell’area territoriale del nord Sardegna che è parte del Sistema Regione» ha proseguito Giuseppe Pintor Commissario dell’Aou di Sassari.

Il progetto che i commissari dovranno portare avanti prevede il miglioramento sia qualitativo che del ventaglio delle prestazioni attraverso una attività di razionalizzazione che porterà benefici concreti. L’Azienda Sanitaria Locale per la realizzazione del processo di riforma dovrà predisporre un piano di riorganizzazione e riqualificazione dei servizi sanitari nonché uno specifico progetto di scorporo e di riconversione al fine di individuare le attività da trasferire nel territorio. «Non verrà chiusa nessuna struttura ma anzi potenziata l’assistenza territoriale in maniera più appropriata per dare la massima risposta possibile alle esigenze della popolazione»” ha rassicurato Agostino Sussarellu. «Sarà un percorso condiviso nel quale l’ospedale dovrà aprirsi verso l’esterno e lavorare in maniera integrata con l’Università, il territorio e le autorità locali perché solo facendo sistema si potranno dare risposte concrete ai bisogni di salute della popolazione» ha concluso Pintor.

Nella foto: Pintor e Sussarello
Commenti
22/7/2016
L´isola è la prima ad aver recepito l’intesa della Conferenza delle Regioni sui percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per persone con malattie infiammatorie croniche dell´intestino e malattie reumatiche infiammatorie ed autoimmuni
22/7/2016
Quanti, al 31 dicembre 2015, erano in possesso del riconoscimento di handicap grave, potranno inoltrare istanza per la predisposizione di un piano personalizzato di sostegno
22/7/2016
«Il mancato pagamento delle prestazioni dell’Aias da parte delle aziende sanitarie regionali sta creando sconcerto e sconforto in 1240 dipendenti qualificati che lavorano nelle 43 strutture regionali e che aspettano cinque mensilità di retribuzione», dichiara Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale
22/7/2016
Quella che era una bandiera della giunta regionale è ormai un drappo lacerato dalla guerra tra le comari eccellenti del PD sardo e del centro-sinistra in generale. Si mira solo a porre il sistema sanitario sotto uno stretto controllo delle camarille politiche, con il copia e incolla di un modello già sperimentato e fallito in altre Regioni
22/7/2016
Nel giro di qualche settimana la rete sarà costituita dai presidi di soccorso e in totale da 11 defibrillatori posizionati in punti strategici della città e delle frazioni
© 2000-2016 Mediatica sas