Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaCronaca › Sassari, violenza sulle donne: parlarne a scuola
S.I. 25 novembre 2014
Nel protocollo si parla di programmi di informazione e sensibilizzazione sul tema e di coinvolgimento degli istituti scolastici di ogni ordine e grado in rete con i centri antiviolenza
Sassari, violenza sulle donne: parlarne a scuola


SASSARI - La Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia nel maggio 2013, individua nella prevenzione la prima misura da attivare per promuovere il cambiamento nei comportamenti che portano alla violenza sulle donne, le ragazze e le bambine. Investire sul futuro è, dunque, l’imperativo con il quale misurarsi. A partire dalle scuole e agendo sui i programmi scolastici, con l’introduzione di ore di educazione alla parità di genere.

Il percorso può essere particolarmente efficace e produrre cambiamenti significativi e veloci se effettuato su ragazzi e ragazze che non hanno ancora strutturato nella loro mente idee e stereotipi che giustificano la violenza sulle donne, ossia prima dell’adolescenza, tra gli 11 e i 14 anni. Lo dimostrano i dati di un questionario somministrato in una scuola media di Milano lo scorso anno, nell’ambito della campagna InDifesa (nata dalla collaborazione tra la Ong Terres des Hommes e il centro Soccorso Rosa dell’ospedale san Carlo). Su 250 studenti (maschi e femmine in egual misura) oltre il 17% ritiene che “un uomo non maltratta senza motivo, la donna avrà sicuramente fatto qualcosa per provocarlo”. Non solo.

Per quasi il 54%, la violenza domestica è il frutto di una perdita momentanea di controllo. Il 20% è convinto che la violenza interna a una coppia è una cosa privata e le altre persone non dovrebbero interferire. Stereotipi (se l’è cercata), giustificazioni (è stato un raptus, la gelosia), qualunquismo (sono fatti loro) che offrono un quadro allarmante. E tuttavia il quadro si è modificato radicalmente al termine del percorso educativo intrapreso grazie alla campagna InDifesa, che prevedeva incontri con studenti, insegnanti e genitori per insegnare il rispetto tra uomini e donne e la possibilità di risolvere i conflitti in modo non violento. Che lo strumento educativo sia uno dei mezzi fondamentali per contrastare il fenomeno della violenza di genere è ribadito anche nel protocollo Anci – Di.R.e (Donne in Rete contro la violenza, network che riunisce oltre 60 centri antiviolenza in Italia), cui il Comune di Sassari ha aderito formalmente l’11 giugno 2013.

Nel protocollo si parla di programmi di informazione e sensibilizzazione sul tema e di coinvolgimento degli istituti scolastici di ogni ordine e grado in rete con i centri antiviolenza per un’Amministrazione come quella di Sassari, che vanta l’esperienza di un progetto antiviolenza di lunga data come il Progetto Aurora – sottolineano dall’associazione noiDonne 2005 – quello della prevenzione a favore delle fasce d’età più giovani può essere un terreno nel quale spingersi e sperimentare misure inedite. E’ una questione di risorse, certo, ma anche di volontà e cambio di prospettiva.
Commenti
18/1/2017
Nel tardo pomeriggio di ieri, gli agenti della Sezione Volanti ha denunciato in stato di libertà per tentato furto un giovane, già noto alle Forze dell´ordine, residente in un centro dell’hinterland sassarese
18/1/2017
Il Tribunale del riesame di Sassari ha accolto l’istanza di dissequestro dell’azienda agricola di Surigheddu e Mamuntanas. La prima battaglia in Aula è stata vinta dai 14 allevatori che utilizzano le terre del Demanio
12:09
I militari della Tenenza della Guardia di finanza, hanno scoperto una truffa milionaria ai danni della Comunità europea per contributi pubblici indebitamente percepiti da un´impresa di Portoscuso
11:22
Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, l´abitazione di un 42enne di iglesias, in località Sa Stoia, è stata obiettivo di alcuni colpi d'arma da fuoco sparati contro la porta e la finestra
15:00
L´inchiesta risale al 2012 ed è legata alla contestata terapia ideata dal neurologo Giuseppe Dore, di 46 anni, di Ittiri. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, abuso d´ufficio, maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona e omicidio colposo
18:42
Questa mattina, alla fermata Ctm di Piazza IV novembre, un giovane ha provato ad entrare dalla porta centrale del bus senza biglietto e, alle rimostranze del controllore, lo ha prima preso per il collo e poi ha tolto un coltello da tasca. I Carabinieri della locale Compagnia lo hanno arrestato per lesioni, minacce e resistenza
18/1/2017
A bordo del traghetto attraccato a Livorno sono intervenuti i volontari del 118 col medico, che nulla hanno potuto fare se non constatarne il decesso. All´origine della morte, probabilmente, un arresto cardiaco
18/1/2017
Un uomo si è finto il maresciallo dei Carabinieri di Carloforte per farsi pagare via Poste Pay 140euro per un telefono cellulare mai arrivato a destinazione
19/1/2017
L´udienza davanti al Gup è stata fissata per il prossimo 20 febbraio. I reati contestati sono quelli di peculato, falso ideologico, falso materiale e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente
18/1/2017
Ieri sera, il proprietario del punto vendita di Via Gramsci, a Quartu Sant´Elena, è riuscito a disarmare ed a far scappare il ladro
17/1/2017
Il padre e il comandante dell´imbarcazione saranno processati per la morte di Letizia Trudu, la bambina di 11 anni uccisa nell´estate del 2015 dall´elica dello yacht dal quale si era tuffata assieme al padre e alla sorellina nelle acque di Santa Margherita di Pula
© 2000-2017 Mediatica sas