Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaLavoro › Aicop: operaio si sente male, protesta continua
S.I. 19 novembre 2014
«La situazione è insostenibile, chiediamo l´immediata convocazione di un incontro con gli assessori regionali del Lavoro e dell´Industria per risolvere la vertenza», è l´appello del dirigente dell´Ugl Sassari, Simone Testoni, a nome dei lavoratori dell´Aico-Aicop,
Aicop: operaio si sente male, protesta continua


SASSARI - Operaio si sente male ma sceglie di restare al fianco dei suoi colleghi per proseguire la battaglia. «La situazione è insostenibile, chiediamo l'immediata convocazione di un incontro con gli assessori regionali del Lavoro e dell'Industria per risolvere la vertenza», è l'appello del dirigente dell'Ugl Sassari, Simone Testoni, a nome dei lavoratori dell'Aico-Aicop, azienda sassarese specializzata nella realizzazione di manufatti prefabbricati per l'edilizia, che da tre giorni hanno proclamato lo sciopero della fame. «Oggi uno degli operai ha accusato un malore, è intervenuto il 118 ma ha rifiutato il soccorso e ha scelto di restare al fianco dei suoi colleghi per proseguire questa battaglia per la propria dignità», riferisce il sindacalista Testoni.

La cassa integrazione dei dipendenti Aico-Aicop è scaduta lo scorso 31 ottobre, ma loro non ricevono un centesimo da gennaio. Qualche giorno fa la doccia fredda, l'avvio delle procedure di mobilità e il rischio di ricevere da un momento all'altro la lettera di licenziamento, li ha spinti a occupare lo stabilimento aziendale di Cargeghe. Stanchi di essere circondati da una cortina di silenzio e indifferenza, gli operai hanno quindi proclamato lo sciopero della fame. La richiesta degli operai e della Ugl è chiara.

«Vogliamo lavorare, se i proprietari di Aicop-Aico non sono all'altezza si facciano da parte e ci lascino produrre - ribadiscono i dipendenti - invece stanno smantellando questa fabbrica, hanno venduto i macchinari e stanno lottizzando gli spazi, qui dentro opera già un'officina, mentre il piazzale esterno è diventato il parcheggio di una ditta di automezzi pesanti. Lo sciopero della fame andrà avanti a oltranza finché non verranno a dirci quale soluzione è stata trovata per la nostra richiesta di lavoro».

Nella foto Simone Testoni
Commenti
17:17
Venerdì sera, gli assessori regionali dell’Industria e della Difesa dell’ambiente hanno partecipato, in rappresentanza della Giunta regionale, alla manifestazione pubblica “Mai più divisi”
21/4/2018
La Giunta regionale presenterà al Mise l’istanza di riconoscimento della situazione di Crisi industriale complessa per il polo industriale di Ottana. Lo prevede una delibera approvata ieri dall’Esecutivo, su proposta della Presidenza, di concerto con l’Assessorato dell’Industria
© 2000-2018 Mediatica sas