Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaPolitica › A Sassari nasce una sezione tutta rosa del Psd´Az
S.I. 10 novembre 2014
Presentata a Sassari la nuova sezione del PSd’Az intitolata a Marianna Bussalai. Proposta la ricostituzione dell’Associazione Donne Sardiste, creata nel 1949 da Margherita Bellieni. È intervenuto il capogruppo in Consiglio Regionale Christian Solinas
A Sassari nasce una sezione tutta rosa del Psd´Az


SASSARI - Una novità assoluta per il Partito Sardo: una sezione tutta al femminile, «che raccoglierà i suoi frutti perché saranno donne le protagoniste». È stata salutata così la nascita della nuova sezione sassarese del Psd’Az intitolata a Marianna Bussalai, presentata sabato pomeriggio in un’affollatissima sala convegni dell’Hotel Grazia Deledda in viale Dante. L’iniziativa si rifà al patrimonio culturale e umano che “Mariannedda ‘e sos Battor Moros” ha lasciato in eredità. Sardista, scrittrice, poetessa e collaboratrice assidua del quotidiano del Partito Sardo d’Azione “Il Solco” fino al 1926, Marianna Bussalai si impegnò per l’autonomia e l’indipendenza della Sardegna, perché si diceva convinta che proprio l’indipendenza fosse il primo dei diritti di un popolo. La sua esistenza fu breve e segnata dalla malattia: nacque a Orani nel 1904 e morì prematuramente nel febbraio del 1947, pochi mesi prima che l’Assemblea Costituente approvasse l’articolo 116 della Costituzione che comprendeva la Sardegna tra le Regioni a Statuto Speciale.

«Siamo convinte e convinti che con le donne, partendo dalla nostra specificità, potremo affermare meglio i nostri ideali sardisti», ha detto Carla Puligheddu, del direttivo della sezione, introducendo la presentazione. Sono intervenute le dirigenti della sezione, dalla segretaria Caterina Orecchioni, che ha ripercorso la vita di Marianna Bussalai, a Silvia Schiavini, che si è soffermata sul paese di Orani; e poi le altre componenti del direttivo, Francesca Piras, Eleonora Mulas e Luisa Piras, che hanno citato diversi brani e riflessioni della Bussalai. Hanno portato il loro saluto militanti e dirigenti di tutta la Sardegna. Tra queste Rosanna Ladu, che ha proposto la ricostituzione dell’Associazione donne sardiste, promossa nel 1949 da Margherita Bellieni.

Alla presentazione della sezione ha partecipato il capogruppo del PSd’Az in Consiglio regionale Christian Solinas. «Le donne devono partecipare di più alla vita del nostro partito. Tornati a casa non dobbiamo disperdere il seme di questo incontro, facciamo che germogli e che in ogni territorio ci siano donne che possano impegnarsi in politica», ha detto Solinas. «Viviamo un momento di profondo smarrimento: sfido chiunque a dirmi se ha ben chiaro quale sia la rotta verso cui si sta dirigendo questa regione», ha proseguito.

«Sono dell’opinione che la crisi vada affrontata dalla testa, dagli strumenti più in alto, non dalla coda. Dobbiamo andare a riscrivere la Statuto: negli anni, noi sardisti abbiamo presentato un ddl sull’assemblea costituente ma anche una bozza. Le donne devono partecipare a questo processo», ha concluso Solinas. Un saluto è stato rivolto ai catalani, che domenica si sono espressi favorevolmente sull’indipendenza da Madrid (e in sala le bandiere gialle e rosse richiamavano il legame ideale con le istanze della Sardegna).

Nella foto il gruppo di donne alla guida della sezione del Psd'Az
Commenti
27/9/2016
Nicola Sanna presidente e Mario Bruno vice. Lunedì si è insediata l´assemblea della nuova realtà amministrativa
27/9/2016
Lo scrivono in una nota congiunta Psd´Az, Ncd e Patto Civico: «al cimitero pare non ci siano più loculi». E solo «ieri è arrivata in commissione con due anni di ritardo, la variante al PRG del cimitero»
28/9/2016
L´ex presidente della Regione Autonoma della Sardegna è stato condannato a due anni e sei mesi nel processo per il crac della Sept Italia, società specializzata nella produzione di vernici con sede a Cagliari fallita nel 2010. Nove anni di carcere ed interdizione perpetua dai pubblici uffici per il sindaco di Carloforte Marco Simeone
© 2000-2016 Mediatica sas