Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaPolitica › Centro Democratico: partito decapitato
S.I. 7 novembre 2014
Il direttito e il Coordinamento Provinciale del Centro Democratico, in totale una decina di rappresentanti, lasciano il partito di Roberto Cappelli e Roberto Desini
Centro Democratico: partito decapitato


SASSARI – Bufera nel Centro Democratico. Nino Marginesu, Francesca Dettori, Peppina Nurra, Mauro Oggiano, Giovanni Manca, Giuseppe Pettinaro, Antonio Lo Monaco, Alessando Sechi, Antonello Biasetti e Pier Giuseppe Idini, ovvero il Direttivo e Coordinamento Provinciale, lasciano il partito.

Dopo i buoni risultati ottenuti sin dalla costituzione dello stesso contribuendo con la percentuale di voti nelle competizioni elettorali più alta in Sardegna che ha consentito l’elezione di un deputato, Capelli, di un consigliere regionale, Desini, fanno sapere che «lascianon definitivamente il partito. Ricordano anche che la loro «presenza di tutti questi dirigenti nelle diverse liste e nelle rispettive competizioni elettorali, aveva fatto sì che si raggiungesse il quorum elettivo».

«In una riunione di direttivo provinciale dopo il periodo estivo si fece presente all'onorevole Capelli commissario regionale del Centro Democratico e al consigliere regionale Desini che nessuno dei componenti il direttivo volevano né incarichi né posti di sottogoverno nell’eventualità che il partito venisse impegnato a livello regionale , ma fossero partecipi delle scelte di coloro che avrebbero rappresentato il Cd cioè persone professionalmente ed eticamente idonee , e che non ci fossero ne parenti né familiari di alcuno dei dirigenti e rappresentanti istituzionali».

«Nel confronto non fu sollevata alcuna osservazione nè di Capelli né Desini. Dopo dieci giorni l’on. Capelli commissariava il Direttivo provinciale e il Coordinatore provinciale, da questo una presa d’atto da parte del Coordinatore Provinciale e di tutto il direttivo, successivamente in una affollata assemblea di tutti gli iscritti e simpatizzanti, la decisione di abbandonare il partito».

Nella foto Roberto Cappelli
Commenti
29/7/2016
I rappresentanti degli otto Comuni - Sassari, Alghero, Castelsardo, Porto Torres, Sennori, Sorso, Stintino e Valledoria - hanno firmato l´atto costitutivo della Rete metropolitana del Nord Sardegna
10:24 video
Il presidente della Regione Francesco Pigliaru e il presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi hanno firmato a Sassari, nell´Aula Magna dell´Università, il Patto per la Sardegna. Renzi, come ha ricordato il sindaco Nicola Sanna, è il secondo premier che viene in visita a Sassari (il primo fu Alcide De Gasperi nell’immediato secondo dopoguerra). Presenti tutte le massime istituzioni
19:57
Così il vice capogruppo di Forta Italia in consiglio regionale commenta l’arrivo di Renzi a Sassari per la firma del patto per la Sardegna alla presenza del Presidente Francesco Pigliaru
11:06
Il portavoce nazionale del Movimento 5 Stelle e vicepresidente della Camera, insieme alla parlamentare sarda Emanuela Corda, si presenterà per sollecitare l´Agenzia delle Entrate nell´applicazione della legge 228
28/7/2016
Il premier dovrebbe fare due tappe, una in Prefettura l´altra all´Università. Il Patto per la Sardegna, tra continuità territoriale aerea, treni ed energia, vale circa 2,5 miliardi di euro
28/7/2016
La frenesia di chiudere l’argomento in tempi troppo rapidi e senza far tesoro delle eccezioni e delle riflessioni suggerite praticamente da tutte le forze esterne alla Maggioranza, dentro e fuori il Consiglio Comunale, fa sorgere il sospetto che il sindaco e la sua Maggioranza, non riuscendo a dimostrare a convenienza della proposta, stiano perseguendo obiettivi diversi da quelli che vanno sbandierando. E forse ne sapremo di più quando sapremo a chi sarà affidato il servizio di riscossione esterno dei tributi algheresi
29/7/2016
Un ritrovato quoziente di ragionevolezza conduce il consigliere Pais e il gruppo consiliare di Forza Italia di guadagnare le posizioni dell’Udc, anche ad oltre sei anni di distanza dal disatteso programma di interventi a favore della famiglia approvato dal consiglio comunale nel 2010 e rimasto lettera morta, così come i precedenti atti in materia di sostegno alla famiglia
28/7/2016
E’ noto infatti che, pur essendo quest’ultima una società sana e con i conti in regola, la Giunta in carica, dovendo portare a compimento un “regolamento di conti” non finanziari ma legato a guerre politiche interne alla maggioranza, decide di far “saltare per aria” la Secal
© 2000-2016 Mediatica sas