Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCulturaUniversità › Laura ad honorem per lo scrittore Alberto Ongaro
S.I. 21 ottobre 2014
Aprirà la cerimonia il Magnifico Rettore dell´Università degli Studi di Sassari, prof. Attilio Mastino, seguito dal saluto del Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali, Gavino Mariotti.
Laura ad honorem per lo scrittore Alberto Ongaro


SASSARI - Giovedì 23 ottobre alle ore 11.00 nell'Aula Magna di piazza Università, l'Università degli Studi di Sassari, su proposta del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali, conferirà la Laurea magistrale ad honorem in Filologia, Industria Culturale e Comunicazione allo scrittore Alberto Ongaro . Aprirà la cerimonia il Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Sassari, prof. Attilio Mastino, seguito dal saluto del Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali, Gavino Mariotti. Al Professore Ordinario di Letteratura italiana, Aldo Maria Morace, sarà affidato il compito di illustrare la proposta del conferimento della laurea ad honorem, seguita dalla Lectio Doctoralis, dal titolo “Il mestiere dello scrittore”, tenuta dallo scrittore Alberto Ongaro.

E' prevista la partecipazione dell'Associazione Coro dell'Università di Sassari diretto da Laura Lambroni. Alberto Ongaro è nato a Venezia nel 1925. Ha vissuto per lungo tempo nell'America del Sud, e poi a Londra, in qualità di inviato speciale e di corrispondente dall'estero per conto del settimanale l'Europeo. Dal 1979 risiede a Venezia, dove si è dedicato totalmente alla scrittura narrativa. Le sue opere sono tradotte negli Stati Uniti, in Inghilterra, in Francia e nell'America Latina. È stato, per molti anni, soggettista di fumetti (famosa la sua collaborazione con Hugo Pratt); e ha firmato anche qualche sceneggiatura per il cinema. I diciotto romanzi che ha scritto, a partire dal 1965, lo hanno imposto all'attenzione del pubblico e della critica più avvertita e consapevole, dalla quale è indicato come il maggior narratore vivente.

Da uno dei suoi romanzi, La partita, che vinse il premio Super-Campiello nel 1986, è stato ricavato un film di buon successo con Faye Dunaway; ma quello più famoso, e più emblematico della sua arte, è La Taverna del Doge Loredan (1980), caratterizzato dal gusto dell'intreccio, dal gioco dell'avventura e dall'incrocio dei tempi e dei piani narrativi e dal divertissement di una scrittura fluida e vetrina. Dopo quell'esito memorabile, la narrativa di Ongaro ha continuato, di volta in volta, a indagare il mistero (anche metafisico) che si cela dietro i fatti e gli eventi della vita quotidiana, traducendolo in raffinato gioco metaromanzesco, sino al recentissimo e delizioso Athos (2014), che rimodula inventivamente il personaggio dumasiano.



Nella foto Alberto Ongaro
Commenti
23/3/2017
Il rettore dell´Università degli studi di Sassari è risultato il più votato durante l´assemblea straordinaria che doveva decidere l´elezione dei quattro membri della giunta della Conferenza dei rettori delle Università italiane
16:03
Dopo il grande successo del Matricola Day di ottobre, l´Associazione Scienze politiche, l´Associazione studenti Economia e l´Elsa Sassari hanno dato vita alla festa di primavera degli studenti dell´Ateneo turritano, giunta alla sua terza edizione
23/3/2017
Questa mattina, il team di #React è stato ricevuto a Montecitorio. Gli studenti dell’Università di Cagliari che contrasta l’estremismo ed il linguaggio violento sul web sono stati indicati dal ministro dell’Università Fedeli agli studenti delle scuole italiana come esempio virtuoso. Un mese fa, il premio a Washington, nel Facebook global digital challenge
24/3/2017
Il premio Nobel per la medicina centrò il prestigioso riconoscimento con i suoi studi sulla memoria dei neuroni. Il 27 marzo, alle ore 10.30, terrà in Rettorato una Lectio magistralis sul riduzionismo nell’arte e nelle neuroscienze. Nel pomeriggio, in cittadella di monserrato, lezione sull’abuso di farmaci
24/3/2017
Il premio Nobel per la medicina centrò il prestigioso riconoscimento con i suoi studi sulla memoria dei neuroni. Il 27 marzo, alle ore 10.30, terrà in Rettorato una Lectio magistralis sul riduzionismo nell’arte e nelle neuroscienze. Nel pomeriggio, in cittadella di monserrato, lezione sull’abuso di farmaci
© 2000-2017 Mediatica sas