Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaSicurezza › «Asinara, parco incompatibile con il carcere»
A.B. 20 ottobre 2014
Il sindaco di Sassari Nicola Sanna interviene sull´ipotesi di riaprire una struttura penitenziaria sull´isola parco
«Asinara, parco incompatibile con il carcere»


SASSARI – «E' necessario dare nuovo impulso alla gestione del parco nazionale dell'Asinara, perché il sito che ha caratteristiche uniche possa trovare una adeguata collocazione e apprezzamento nel panorama turistico e ambientale». Anche il sindaco di Sassari Nicola Sanna, domenica sull'isola parco in visita privata, prende posizione sull'ipotesi di un ritorno del carcere sull'isola dell'Asinara, per ribadire che «la scelta del parco è incontrovertibile e incompatibile con una struttura penitenziaria».

«Bisogna porsi il problema – riprende il primo cittadino di Sassari – di realizzare un programma che consenta un adeguato inserimento di abitanti per rivitalizzare l'isola, anche attraverso attività agro-pastorali sostenibili. Una presenza che consentirebbe anche manutenzioni periodiche delle strutture».

«Un territorio che va pensato come volano del turismo, per una buona economia delle comunità che si affacciano sul golfo dell'Asinara, perché oltre a essere un parco nazionale deve essere il parco dell'intero Nord Ovest Sardegna. Siamo convinti che sia necessario tutelare le risorse del territorio che sono, oltre che patrimonio di bellezza naturale, anche risorsa economica», conclude Nicola Sanna.

Nella foto: il sindaco Nicola Sanna in visita all’Asinara
Commenti
14/10/2017
La portavoce del Movimento 5 stelle nel Consiglio comunale di Sassari Desirè Manca chiede la convocazione urgente della Sesta Commissione consiliare, in riferimento alla grave situazione in cui versa la parte bassa del centro storico: «Le segnalazioni legate a episodi di degrado, violenza e disturbo mi arrivano ormai quotidianamente, fotografia di un quartiere ormai in balia di delinquenti, spacciatori e prostitute. Bisogna intervenire, subito e con decisione»
© 2000-2017 Mediatica sas