Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSportBasket › EuroLega: esordio amaro per la Dinamo
Antonio Burruni 17 ottobre 2014
Il Banco di Sardegna gela la Cec Nagomy Arena di Novgorod con un ottimo avvio, ma poi cede al ritorno del Nizhny, che rovina l'esordio dei ragazzi di coach Sacchetti nella massima competizione europea per club
EuroLega: esordio amaro per la Dinamo


SASSARI – Il Banco di Sardegna gela la Cec Nagomy Arena di Novgorod con un ottimo avvio, ma poi cede 88-86 al ritorno del Nizhny, vicecampione di Russia, che rovina l'esordio dei ragazzi di coach Meo Sacchetti nell'EuroLega, la massima competizione europea di pallacanestro maschile per club.

E’ in corso di svolgimento alla “Cec Nagomy Arena” di Novgorod la prima partita della storia della Dinamo Sassari in EuroLega. Il Banco di Sardegna esordisce sul parquet del Nizhny, squadra vicecampione di Russia. Compagine nuova per la manifestazione quella ospite, se si pensa che solo Logan e Cusin hanno già esperienze nella più importante manifestazione europea per club.

PRIMO QUARTO. Partenza sprint della compagine sassarese, che vola subito sullo 0-9 in suo favore, che diventa +10 (1-11) con Cusin. La Dinamo capisce che è il momento buono per staccare gli avversari e le bombe di Brooks e Sanders fanno male: 7-22. Ennesima palla non lavorata bene dai russi, Logan firma il +17 (7-24), va in doppia cifra (12 punti per lui) e coach Bagatskis è già costretto a chiamare il time-out. Antonov prova a rianimare i suoi con due triple consecutive, che fanno arrivare le due squadre alla prima sirena sul 15-26 Dinamo.

SECONDO QUARTO. Si riparte con la tripla di Todic (21-32), ma ora c’è match tra le due squadre. Una bomba di Golovin riporta i locali sul -7 (27-34) ed un altro attacco sprecato dai sassaresi convince coach Sacchetti a chiamare il time-out. Sanders suona la carica con la tripla del 27-37. Dyson ha a disposizione due tiri liberi: mette il primo, sbaglia il secondo, ma è il più lesto di tutti ad andare a rimbalzo, segnando il canestro del 27-40. Ancora Antonov trascina i russi, che con un 10-0 parziale (37-40) riaprono il match e costringono Sacchetti al secondo time-out. Al rientro in campo, Logan da 2 e Dyson con una bomba dall’angolo, riportano la Dinamo sul +8 (37-45). Kinsey riporta il Nizhny a -5 (42-47). Khvostov subisce fallo da Brian Sacchetti e fa uno su due dalla lunetta, che vale il 43-47 a 20” dall’intervallo lungo. Le due squadre provano ancora a muovere il risultato, ma rientrano negli spogliatoi per il riposo di metà gara con quattro lunghezze di differenza.

TERZO QUARTO. Al rientro dall’intervallo lungo, il Novgorod trovano un altro parziale, stavolta di 7-0, che li porta per la prima volta in vantaggio (50-47). Parakhouski risponde a Dyson (52-49) e coach Sacchetti chiama il time-out. Thompkins firma il +5. Brooks trova due punti dalla lunetta, ma poi la Dinamo spreca l’occasione per riagganciare i russi, che scappano sul +6 (59-53). Sul 61-55, viene fischiato un tecnico a Jack Devecchi e per Rochestie c’è il libero del +7. A 2’38” dalla fine del terzo periodo, il tecnico stavolta è fischiato a Rochestie, ma Logan spreca il libero del -5 e si rimane sul 62-57. La schiacciata di Lawal vale il -4 (63-59). Kinsey viene lasciato libero di caricare la bomba e non si fa pregare: 66-59. Sul -7, la Dinamo chiude il periodo con la schiacciata del 66-61 firmata ancora da Lawal. Questa tra Sosa e Lawal è una delle assi che stanno funzionando di più per la compagine sassarese, che inizia gli ultimi dieci minuti indietro di cinque lunghezze.

QUARTO QUARTO. Devecchi trova il -3, ma poi spreca la tripla dell’aggancio. Cinque punti consecutivi di Rochestie riportano i russi sul +8 e Parakhoski completa l’opera, con il canestro del 75-65. La Dinamo fa troppa fatica: sia in difesa (dove non riesce a fermare la fisicità russa), che in attacco (troppi tiri sprecati per fretta). Coach Sacchetti chiama un time-out, ma non serve ed il contropiede di Kinsey vale l’82-74. Sanders piazza la bomba del -5 (82-77), Kinsley cerca di tenere le distanze dalla lunetta, ma la tripla di Logan rende vivi gli ultimi istanti di gioco (84-80). I russi iniziano l’ultimo minuto sul +6, ma in 20”, la Dinamo si rifà sotto, con Brooks che timbra l’84-82. I sassaresi devono ricorrere ora al fallo sistematico per non concedere troppo agli avversari. Dyson risponde a Thompkins e a 10” dalla fine c’è il time-out di coach Sacchetti, con i locali sul +2. Logan manda in lunetta Kinsey ed esce per cinque falli e per i russi è 88-84. Dyson riporta i sassaresi sul +2 (e forse accusa un malanno muscolare, ma ora non si può mollare niente). Ancora time-out Sassari. Sulla rimessa, Todic costringe l’avversario all’errore e stavolta è Bagatskis a chiedere lo stop a -4”5 dalla fine. Si torna in campo, la Dinamo ha la palla dell’over-time, ma la penetrazione di Dyson muore sul ferro e fa festeggiare i padroni di casa, che si impongono per 88-86.

NIZHNY NOVGOROD-BANCO DI SARDEGNA DINAMO SASSARI 88-86:
NIZHNY NOVGOROD: Baburin, Viktorov, Parakhouski, Antonov, Khvostov, Popov, Kinsey, Rochestie, Savelyev, Krivosheev, Thompkins, Daniels. Coach Ainars Bagatskis.
BANCO DI SARDEGNA DINAMO SASSARI: Logan, Sosa, Sanders, Devecchi, Lawal, Chessa, Dyson, Brian Sacchetti, Vanuzzo, Brooks, Todic, Cusin. Coach Meo Sacchetti.
ARBITRI: Ankarali (Turchia), Vojinovic (Serbia), Pastusiak (Polonia).
PARZIALE: 15-26, 43-47.

Le Partite della Prima Giornata:
Efes Istanbul-Unics Kazan 82-76
Nizhny Novgorod-Banco di Sardegna Dinamo Sassari
Real Madrid-Zalgiris Kaunas
Commenti
24/9/2016
Si chiude con una vittoria la preseason del Banco di Sardegna Sassari, che sul parquet del PalaRuffini di Torino conquista il trofeo battendo 72-88 i padroni di casa della Fiat
© 2000-2016 Mediatica sas