Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaPolitica › Corsa segreteria Pd, Angioni: «Partito dei cittadini»
S.I. 17 ottobre 2014
«Uno che sa fare. Ma senza fare tutto da solo», questo lo slogan utilizzato da Ignazio Angioni per la sua candidatura alla segreteria regionale al Partito Democratico
Corsa segreteria Pd, Angioni: «Partito dei cittadini»


SASSARI - Giovedì scorso, in un affollatissimo “Bandiera Gialla, a Sassari, Ignazio Angioni ha presentato la sua candidatura alla segreteria regionale del Partito Democratico, una corsa a tre che il prossimo 26 ottobre 2014 lo vedrà competere con Thomas Castangia e Renato Soru. All'incontro erano presenti diversi amministratori locali del nord Sardegna, partecipi e interessati soggetti che hanno a cuore il territorio e sono fondamentale parte in causa, assieme ai loro cittadini, di un processo di auspicata crescita e sviluppo. Un territorio che vuole far sentire la sua voce, che ha bisogno di far sentire la sua voce.

Ignazio Angioni, classe 1967, senatore della Repubblica dal 2013, dirigente Legacoop in aspettativa e figlio di operaio – sottolinea orgoglioso – ha scelto di entrare in campo e giocare la sua partita in vista del rinnovo della segreteria regionale PD. A sostenere la sua candidatura, fra i tanti, Francesca Barracciu e Siro Marrocu, Gavino Manca, Chicco Porcu ed elementi di spicco come Tore Cherchi, Tore Ladu e Giorgio Macciotta, area che partendo dagli ex Ds arriva sino a quella ex Popolare con l'appoggio dei “Giovani Turchi” di Rifare l’Italia. Uno che sa fare. Ma senza fare tutto da solo è lo slogan con cui Ignazio Angioni si presenta alla gente. Una dichiarazione chiara, esplicita. Un impegno che si è rafforzato negli anni e punta a rafforzarsi ulteriormente, nella piena presa di coscienza che il lavoro di chi sa fare ripaga degli sforzi fatti, con la consapevolezza che però è la squadra a vincere le partite e i personalismi spesso non sono la giusta via da seguire per raggiungere obiettivi comuni e prefissati. Senza andare contro a prescindere, senza puntare il dito sugli uomini o sugli errori, ma semplicemente ripartendo dall'esperienza fatta guardando con fiducia e impegno al futuro.

«Uno che sa fare, ma senza fare tutto da solo» certo, ma anche «Uno per molti», sintesi perfette e assolutamente non contrapposte del pensiero di Ignazio Angioni. L'obiettivo è mettersi al servizio dell'Isola e del Partito Democratico, non in opposizione a qualcuno ma rappresentando le più profonde e vere istanze legate alla partecipazione, alla collegialità, alla trasparenza per un partito che ha il dovere di riprendere e rinsaldare il suo rapporto con i cittadini. Il senatore Ignazio Angioni non va all'attacco, non ha nemici da combattere, tantomeno all'interno del suo stesso partito. «Il Partito - ha detto Angioni - deve essere dei cittadini, e non può né deve vivere e sviluppare il suo futuro sulla caccia alle streghe, sul puntare il dito sull'uno o sull'altro protagonista della scena politica. La politica da intendere come un susseguirsi di stagioni che nascono, si chiudono e si rinnovano. Non ci sono rivincite da prendere, aiutiamo e aiuteremo la Giunta del governatore Pigliaru, questo non è in discussione. Esiste l'esigenza di un Congresso straordinario per discutere di temi fondamentali come la semplificazione del PPR e l'investimento sulla formazione. Il primo è strumento da aggiornare per trasformarlo in motore di sviluppo per la Sardegna, non certo da considerare come un blocco per progetti nuovi. Sulla formazione invece, credo si dovrebbe rimodulare una posizione che in partenza ha cercato di superare alcuni elementi degenerativi, ma che oggi deve necessariamente offrire a lavoratori e aspiranti tali una formazione all'altezza, competitiva».


Nella foto Ignazio Angioni
Commenti
13:12
La presenza tra i banchi del consiglio comunale del gruppo, nulla ha a che vedere con l´appoggio dell´Unione Popolare Cristiana all´azione amministrativa della maggioranza algherese
23/5/2017
Fra un´intromissione in Giunta, un intervento approssimativo in aula, un intercalare colorito e un´interpretazione da circolo del Giogantinu delle norme e dei regolamenti si è sbarazzata dell´antagonista Conticelli, ha occupato lo spazio lasciato libero dal vice sindaco Sassu (scappato a suo tempo a gambe levate dalla cionfra wheeleriana), è riuscita a fuori la Palmas dopo diversi tentativi insediando un proprio burattino al suo posto
23/5/2017
Scelta anche la nuova direzione regionale formata da 75 membri, tra loro Renato Soru. Il neo segretario, nel corso del suo primo discorso, parla di unità: bisogna ripartire dalla riapertura dei circoli
23/5/2017
Le consigliere comunali di Alghero, Marina Millanta ed Elisabetta Boglioli, pronte ad annunciare il nuovo gruppo al presidente dell´assemblea Matteo Tedde. Con loro il delegato in giunta, Gavino Tanchis
23/5/2017
Tra i 75 membri della nuova direzione regionale del Partito democratico solo un algherese. Si tratta di Alma Cardi, l´ex assessora al Turismo ai tempi dell´amministrazione guidata dal sindaco Stefano Lubrano. Succede a Giuliano Spanedda
23/5/2017
A Palazzo Ducale visita di una delegazione turca a Sassari per un confronto sulle buone pratiche con l´istituto comprensivo del centro storico. All´incontro era presenta anche la dirigente dell´istituto comprensivo San Donato, Patrizia Mercuri
© 2000-2017 Mediatica sas