Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSpettacoloConcerti › Nuova stagione lirica a Sassari. Il sipario si alza il 10 ottobre
A.B. 1 ottobre 2014
Il sipario si alzerà venerdì 10 ottobre, al Teatro Comunale di Sassari. Il cartellone allestito proporrà un percorso a cavallo tra l´Ottocento ed il primo Novecento, con due opere particolarmente care ai melomani sassaresi come Carmen e Madama Butterfly, e due novità: La scala di seta di Gioachino Rossini e Adriana Lecouvreur di Francesco Cilèa
Nuova stagione lirica a Sassari
Il sipario si alza il 10 ottobre


SASSARI - Un omaggio alle donne, un viaggio alla scoperta dell´universo femminile, attraverso il racconto delle passioni, degli amori e dei drammi interiori di alcune delle figure più singolari e popolari tra quelle celebrate dai grandi compositori attraverso i loro capolavori. Sarà questo il filo rosso della settantunesima stagione lirica dell´Ente Concerti “Marialisa de Carolis”, che si aprirà venerdì 10 ottobre al Teatro Comunale di Sassari. Il cartellone allestito quest´anno proporrà un percorso a cavallo tra l´Ottocento e il primo Novecento, con due opere particolarmente care ai melomani sassaresi come “Carmen” e “Madama Butterfly”, e due novità: “La scala di seta” di Gioachino Rossini ed “Adriana Lecouvreur” di Francesco Cilèa.

La stagione lirica sassarese è stata presentata mercoledì mattina nella sala conferenze di Palazzo Ducale, dal presidente dell´Ente Concerti Alessandro Bisail, dal vicepresidente Antonello Mattone e dal direttore artistico Marco Spada. A fare gli onori di casa sono stati il sindaco di Sassari Nicola Sanna e l´assessore comunale alla Cultura, Monica Spanedda. Nell’occasione, è stato spiegato come i tagli abbiano imposto all´Ente un lavoro eccezionale, pur di allestire una stagione all´altezza del proprio blasone e di una platea appassionata e competente come quella sassarese. «Quella di quest´anno è una stagione davvero miracolosa, se si considera che sino a dieci giorni fa non c´era neanche la certezza di poterla effettivamente realizzare - ha dichiarato Bisail - Fortunatamente il ridimensionamento del contributo statale è stato molto contenuto, e questo garantirà comunque un cartellone di tutto rispetto, mentre la Regione è passata dai 763mila euro del 2010 ai 433mila di quest´anno, cui si assomma anche il taglio di 100mila euro da parte della “Fondazione Banco di Sardegna”». Dello stesso parere Mattone, «la stagione lirica è un´impresa che produce lavoro ed economia in un territorio in grave crisi - ha spiegato - al di là di qualsiasi altro aspetto, meriterebbe più protezione solo per questo. Nessuno nega il ruolo fondamentale dell´ente lirico di Cagliari, ma forse la Regione potrebbe pensare a dedicare anche a noi un finanziamento autonomo serve un contributo fisso, che garantisca più stabilità e certezze alla nostra offerta culturale». Non meno critico Spada: «Se questa situazione si dovesse protrarre ulteriormente, non sarò più disposto a firmare una stagione lirica. Il 28 luglio ci siamo ritrovati nelle condizioni di dover rivoluzionare il cartellone rinunciando alla musica sinfonica, il cui ritorno a Sassari era stato un grande successo dell´Ente e mio personale, e a dire addio all´ambizioso progetto di Salome, una nuova produzione originale».

L´invito a un impegno di tutti per salvaguardare la lirica e garantirle un futuro è arrivato anche da due dei protagonisti più attesi della stagione, il mezzosoprano georgiano Nino Surguladze, che sarà protagonista della Carmen con cui si aprirà la stagione venerdì prossimo, ed il regista Andrea Cigni, per la quarta volta a Sassari, che firma la stessa opera inaugurale. «All´Ente Concerti va un grazie particolare a nome della città, perché nonostante i sacrifici prodotti dal ridimensionamento dei finanziamenti statali e regionali ha allestito un programma ricco di grandi classici, che la città e gli appassionati sapranno apprezzare», ha commentato il sindaco Sanna. «La qualità degli appuntamenti e dei protagonisti resta come sempre elevata - gli ha fatto eco l´assessore Spanedda - È importante e meritevole di attenzione anche il fatto che l´Ente Concerti, nonostante tutto, non abbia rinunciato ai propri progetti con le scuole dai quali dipende anche la formazione di un pubblico nuovo, in grado di comprendere e di preservare l´importanza della lirica». I quattro titoli che compongono il cartellone 2014 sono la miglior testimonianza di come l´Ente Concerti Marialisa de Carolis voglia continuare a operare nel segno della continuità con il passato più recente, senza abdicare alla propria missione e proseguendo nel caparbio impegno di portare sul palco del Teatro Comunale una rassegna ricca, originale e di qualità, nonostante le continue erosioni dei finanziamenti pubblici, mantenendo comunque inalterati rispetto allo scorso anno i prezzi di biglietti e abbonamenti. L´edizione 2014 della stagione lirica sassarese segna inoltre l´avvio della collaborazione con i Teatri del circuito lombardo, ed in particolare con il “Teatro Sociale” di Como, il “Teatro Fraschini” di Pavia ed il “Teatro Ponchielli” di Cremona, coproduttori dell´Ente de Carolis nell´allestimento di Adriana Lecouvreur, l´opera con cui venerdì 5 e domenica 7 dicembre calerà il sipario per quest´anno al Teatro Comunale.

Ad aprire la Stagione, il 10 ottobre (con replica il 12), sarà la Carmen di Georges Bizet, che manca da Sassari dal 2002. L´opéra-comique in quattro atti su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy è tratta dalla novella omonima di Prosper Mérimée. Il 31 ottobre (con replica il 2 novembre), il sipario si alzerà sulla Madama Butterfly, opera in tre atti di Giacomo Puccini su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, che andò in scena per la prima volta alla “Scala” di Milano il 17 febbraio 1904. L´allestimento presentato a Sassari è curato dalla Fondazione Teatro delle Muse di Ancona e dall´Associazione Arena Sferisterio di Macerata, per la regia di Arnaud Bernard che cura anche le scene. La scala di seta di Gioachino Rossini, in programma il 21 novembre (con replica il 23), è una novità assoluta per Sassari. Farsa comica in un atto su libretto di Giuseppe Maria Foppa, andò in scena per la prima volta il 9 maggio 1812. Adriana Lecouvreur, in scena il 5 dicembre (con replica il 7) è un´altra novità per Sassari. L´opera di Francesco Cilèa su libretto di Arturo Colautti esordì il 6 novembre 1902 al Teatro Lirico di Milano. Sono confermati anche quest´anno gli eventi di contorno alle Opere: le Tavole rotonde di presentazione, che richiamano ogni anno un buon numero di appassionati, e le Anteprime giovani, riservate ai ragazzi che l´Ente Concerti vuole avvicinare alla musica classica. Per una delle quattro opere, la Scala di seta, quest´anno l´Anteprima è prevista in orario curricolare, al mattino, per agevolare l´accostamento degli studenti alla lirica. Sarà inoltre possibile, su richiesta, organizzare per i più piccoli laboratori in collaborazione con le maestranze, mentre sono previsti (nelle scuole cittadine) concerti “a domicilio” di un quintetto di fiati che racconterà la fiaba in musica “Pierino e il lupo” di Sergej Prokofiev.

Nella foto: un momento della presentazione
Commenti
30/8/2016
Doppio appuntamento con Franca Masu domani a Nuoro Jazz: per la cantante algherese masterclass in mattinata alla Scuola Civica di Musica (ore 11) e concerto serale al Museo del Costume
© 2000-2016 Mediatica sas