Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaCronaca › Comunità anziani, Orrù indagato. «Attacchi politici, sono estraneo»
S.I. 1 ottobre 2014
Il consigliere regionale del Psd´Az è stato denunciato dai carabinieri del Nas per aver affidato gli anziani della comunità alloggio "Giovanni XXIII" a personale senza l´idoneità e titoli professionali. Risposta dell'esponente sardista. "Attacchi da quando sono consigliere regionale"
Comunità anziani, Orrù indagato
«Attacchi politici, sono estraneo»


SASSARI - Il consigliere regionale del Psd'Az Marcello Orrù è stato denunciato dai carabinieri del Nas per aver affidato gli anziani della comunità alloggio "Giovanni XXIII" di Sassari, la cui proprietà risulta di un'associazione presieduta dallo stesso Orrù, a personale senza l'idoneità e titoli professionali. Secondo le prime indagini, la comunità è stata anche attivata senza autorizzazione regionale e non venivano compilate le schede di alloggiamento. La struttura, inoltre, è risultata essere sprovvista della certificazione antincendio. «Ritengo doveroso sopratutto nei confronti dei miei elettori e dei cittadini , gli unici davvero meritevoli delle mie spiegazioni, chiarire la mia posizione in merito alle notizie apparse sulla stampa circa una denuncia presentata dai Nas nei miei confronti circa presunte irregolarità nella gestione della comunità per anziani Giovanni XXIII di Viale Italia a Sassari». Così si apre la nota a firma del consigliere comunale Marcello Orrù in merito alla denuncia dei Carabinieri del Nas.

«Ci tengo a chiarire alcuni aspetti che ritengo essere fondamentali al fine di fornire: da tempo ormai il sottoscritto ha rinunciato a qualsiasi incarico all'interno dell' associazione Giovanni XXIII per cui è totalmente falso che ne sarei il presidente e poi – continua Orrù - la comunità è gestita da una cooperativa, la Servizi Europei il cui presidente è il signor Giacomo Pilo, a cui va tutta la mia solidarietà e che oggi fornisce occupazione a circa 35 persone tutte la cui professionalità e onorabilità è indiscutibile».

E poi l’esponente sardista punta i riflettori sull’aspetto politico: «La casa di accoglienza Giovanni XXIII svolge la sua attività da più di trent'anni con professionalità, dedizione e decoro. Fino a quando non sono stato eletto in Consiglio Regionale con quasi 4000 voti di cui 2000 nella città di Sassari la struttura non ha mai avuto alcun problema. Dal momento della mia elezione a consigliere, pur non avendo più alcun ruolo, nell'associazione Giovanni XXIII, si è scatenato l'inferno nei confronti della cooperativa che gestisce la struttura: controlli di ogni tipo da parte di Inps, Ispettorato del Lavoro e quant'altro, un vero e proprio assalto che non esito a definire di tipo "politico». «E’ veramente sconfortante ricevere certi attacchi che respingo al mittente e respingerò fermamente in tutte le sedi. Da oggi – chiude Orrù - non potrò altro che rafforzare il mio impegno politico nei confronti della famiglia, delle classi meno abbienti e delle imprese locali, cosi come ho fatto, a volta anche duramente, in questi primi mesi da consigliere regionale, battaglie che sono fortemente convinto siano all'origine degli attacchi nei miei confronti».



Nella foto: Marcello Orrù
Commenti
18:20
Protesta di un 44enne fotografo milanese, ma residente ad Olbia, davanti al tribunale di Tempio Pausania
27/9/2016
La donna si è persa ieri sera dopo essersi separata dal gruppo dei familiari con cui era partita in escursione, nei pressi di Cala Cartoe a Dorgali
27/9/2016
Il colpo non è riuscito e i tre rapinatori si sono dati alla fuga. Sulle loro tracce i carabinieri della Compagnia di Siniscola che hanno istituito posti blocco in tutta la zona
27/9/2016
Un bandito con il volto coperto e armato di pistola ha fatto irruzione nel negozio "Il tuo gioiello" e minacciando il titolare, un uomo di 50 anni, lo ha obbligato a consegnare l´incasso, circa 20 euro e vari gioielli e monili per un valore di mille euro
28/9/2016
Gli investigatori della Mobile hanno visionato i filmati delle telecamere presenti nella via di Cagliari dove sarebbe avvenuto il fatto, ma non è emerso nulla
© 2000-2016 Mediatica sas