Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaCronaca › Di Nolfo e Ledda, Ex-Q murato. «Una vergogna per Sassari»
S.I. 24 settembre 2014
Il muro di blocchetti che mette definitivamente fine all’esperienza del centro culturale Ex-Q sta creando una serie di polemiche. Su facebook tante le voci contrarie. Interventi critici contro la Provincia di Sassari da parte dell’ex-consigliere comunale algherese Valdo Di Nolfo e del presidente dell’associazione Ex-Q, Antonio Ledda
Di Nolfo e Ledda, Ex-Q murato
«Una vergogna per Sassari»


SASSARI – Non è certamente un muro di silenzio quello che segue l’intervento della Provincia a chiusura definitiva dell’Ex-Q [LEGGI]. Tante persone sono intervenute, in particolare su facebook, e altrettante hanno manifestato il loro sdegno inviando alla nostra redazione alcuni commenti. Sono Valdo Di Nolfo, ex-consigliere comunale algherese, più votato nel centro catalano alle penultime elezioni, e il presidente dell’associazione Ex-Q Antonio Ledda ad esprimere la loro disapprovazione e a raccontare quanto accaduto. Era la sera del 27 maggio 2010, quando lui, insieme ad un altro gruppo di persone, furono tra i primi ad entrare nell’ex-Questura. Ieri il muro che mette definitivamente fine all’esperienza del centro Culturale.

«La foto degli operai della Provincia che murano l'entrata dell'Ex-Q – dice Di Nolfo - la dice lunga sulla visone della cultura da parte di chi amministra la provincia, ma anche la città di Sassariì e i territori limitrofi». «Quello stabile la provincia lo ha volontariamente lasciato per anni nel degrado finché un gruppo di libere persone ha deciso di occuparlo e restituirlo ai cittadini attraverso il linguaggio più alti, la cultura e l'arte. Ora – continua l’esponente di sinistra -, dopo anni di attività autogestita, la Provincia stessa decide di toglierlo dalle mani lungimiranti degli occupanti e di restituirlo al degrado».

«L'ex-Q per anni ha sfornato progetti culturali importanti, laboratori
autogestiti, mostre, sala prove, concerti, l'Ex-Q è stato un grande esempio di controcultura dal basso, libera e vera, l'Ex-Q è stato anche il luogo di raccolta più importante della Sardegna durante l'alluvione dello scorso inverno, l'Ex-Q è un esempio che la politica dovrebbe stimolare invece di affossare! Quel muro – chiude Di Nolfo - è una vergogna, è il simbolo dell'attenzione della Provincia alla libera circolazione di cultura dal basso».

Antonio Ledda, anch’esso molto duro, si sofferma sull’iter che ha portato alla fine del centro culturale. «In cambio dell'abbandono da parte degli occupanti dello stabile, la presidente della provincia aveva detto che ci avrebbe aiutato a individuare un altro spazio per il proseguimento del progetto Ex Q, riconoscendo in maniera ufficiale il valore che questo progetto nella pratica aveva dimostrato, aiutandolo a svilupparsi in maniera riconosciuta e libera». «Le motivazioni della richiesta di sgombero - continua Pinna - sono state la vendita dello stabile per fare cassa e l'allontanamento da parte della provincia dalla responsabilità riguardo alle problematiche sulla sicurezza che comportava l'occupazione in quello stabile dichiarato inagibile».

«La trattativa sull'individuazione doveva avvenire in concertazione
tra il collettivo, il comune e la provincia, così non è stato dato che
nulla si sa riguardo al proseguimento del progetto ex q, mentre ora
rimane un muro, probabilmente eretto per evitare vandalismi in uno
stabile nuovamente abbandonato, ma che simbolicamente dice tanto. Ci chiediamo - chiude il presidente dell'associazione Ex-Q per quanto quello stabile rimarrà murato e abbandonato e per quanto i progetti nati dal basso, carichi di contenuti culturali e sociali e che rispecchiano le esigenze dei cittadini rimarranno ignorati».

Nella foto: Antonio Ledd e Valdo Di Nolfo
Commenti
25/7/2016
Il 36enne Emanuele Secci, accusato di omicidio colposo per la morte di due donne dopo l´incidente avvenuto giovedì sulla Sassari-Alghero, dovrà presentarsi alla Polizia Giudiziaria due volte alla settimana. Il pm aveva chiesto gli arresti domiciliari
20:13
Gli agenti della Squadra mobile di Nuoro hanno notificato a un 36enne residente a Orotelli, ma domiciliato a Nuoro, una ordinanza di custodia cautelare che lo obbliga a presentarsi ogni giorno da carabinieri o polizia per la firma
24/7/2016
Indagini in corso per tentare di risalire alle cause della morte. Sul posto carabinieri e polizia. Poco prima del ritrovamento l´uomo era stato notato nel luogo di una lite
25/7/2016
Blitz dei Carabinieri nella notte tra domenica e lunedì. Sequestrate quattro piante più 1,8chilogrammi di marijuana già essiccata
24/7/2016
Nuovo sbarco di migranti questa mattina a Cagliari a bordo della Siem Pilot. Sono 619 uomini, 121 donne e 182 minori, nove dei quali sotto i 10 anni
25/7/2016
I nuovi avvisi di conclusione indagini sostituiscono il precedente del 2014. Sotto accusa, tra gli altri, l´ex vicesindaco Carlo Careddu e l´ex assessore comunale ai Lavori pubblici Davide Bacciu. Tra gli otto in attesa di archiviazione, anche l´ex sindaco Gianni Giovannelli e l´assessore all´Ambiente Gesuino Satta
11:00
I due malviventi hanno messo a soqquadro l´abitazione riuscendo a trovare solo cento euro. L´anziano è riuscito a liberarsi i piedi e a raggiungere la casa di un vicino che gli ha poi tolto il bendaggio alle mani
25/7/2016
Il nubifragio di domenica ad Alghero, oltre alla conta dei danni fa riemergere prepotentemente le vecchie problematiche della città. La lettera aperta del geometra Raffaele Cadinu che punta il dito sulle opere «mal realizzate» del passato
© 2000-2016 Mediatica sas