Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSaluteSanità › Sassari: l’Asl forma i suoi operatori sanitari
A.B. 16 settembre 2014
Gestire al meglio l’impatto di una cattiva notizia, questo uno dei principali punti toccati dalla serie di incontri formativi rivolti a medici, psicologi e infermieri, organizzati dal Servizio di Psicologia Ospedaliera e delle Emergenze
Sassari: l’Asl forma i suoi operatori sanitari


SASSARI - La comunicazione del decesso ad un familiare è senza dubbio uno dei compiti emotivamente più difficili per un operatore sanitario. Uno scenario di criticità richiede sia conoscenze tecniche da parte del medico, sia la padronanza di modalità comunicative adeguate in base ai diversi tipi di pazienti e alle diverse situazioni di emergenza.

Per questo motivo, il Servizio di Psicologia Ospedaliera e delle Emergenze, in collaborazione con il Servizio Formazione della Asl di Sassari, in questi giorni ha avviato una serie di incontri formativi rivolti a medici, psicologi de infermieri che prestano servizio nelle unità operative di Pronto Soccorso, 118, Medicina d’urgenza e dei reparti di degenza dei Presidi Ospedalieri di Sassari, Alghero ed Ozieri. Il corso dal titolo “La gestione emotiva e psicologica nella comunicazione di cattive notizie”, che si svolge nella sede del Villaggio San Camillo, ha l’obiettivo di fornire le competenze necessarie per gestire al meglio l’impatto che una notizia di morte o ferimento di una persona cara possono avere sulle reazioni dei familiari e sul loro successivo adattamento.

«Gestire al meglio la notizia di un evento drammatico e irreversibile, specie dinanzi alla tragicità improvvisa, è da considerarsi una reale forma di prevenzione secondaria nei confronti delle reazioni di lutto dei familiari», spiega il direttore del Servizio di Psicologia Ospedaliera e delle Emergenze Fabrizio Demaria. «Se la comunicazione è effettuata con poca sensibilità i familiari tenderanno a ricordare tale momento con ancora più rabbia e dolore, sia nei confronti degli operatori coinvolti sia nei confronti dell’amministrazione aziendale. Non solo - conclude Demaria - ma il tipo di relazione può giocare un ruolo importante tanto nella cura del malato quanto nel decorso del trattamento».

Nella foto: un momento dell’incontro
Commenti
22/7/2016
L´isola è la prima ad aver recepito l’intesa della Conferenza delle Regioni sui percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per persone con malattie infiammatorie croniche dell´intestino e malattie reumatiche infiammatorie ed autoimmuni
22/7/2016
Quanti, al 31 dicembre 2015, erano in possesso del riconoscimento di handicap grave, potranno inoltrare istanza per la predisposizione di un piano personalizzato di sostegno
22/7/2016
«Il mancato pagamento delle prestazioni dell’Aias da parte delle aziende sanitarie regionali sta creando sconcerto e sconforto in 1240 dipendenti qualificati che lavorano nelle 43 strutture regionali e che aspettano cinque mensilità di retribuzione», dichiara Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale
22/7/2016
Nel giro di qualche settimana la rete sarà costituita dai presidi di soccorso e in totale da 11 defibrillatori posizionati in punti strategici della città e delle frazioni
21/7/2016
La denuncia è del coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, che annuncia la presentazione di un’interrogazione urgente in Consiglio regionale
22/7/2016
Quella che era una bandiera della giunta regionale è ormai un drappo lacerato dalla guerra tra le comari eccellenti del PD sardo e del centro-sinistra in generale. Si mira solo a porre il sistema sanitario sotto uno stretto controllo delle camarille politiche, con il copia e incolla di un modello già sperimentato e fallito in altre Regioni
21/7/2016
Lo ha dichiarato Stefano Tunis, consigliere regionale di Forza Italia, commentando il cospicuo numero di emendamenti presentato dalla giunta Pigliaru e dalla maggioranza
© 2000-2016 Mediatica sas