Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSaluteSanità › Sassari: l’Asl forma i suoi operatori sanitari
A.B. 16 settembre 2014
Gestire al meglio l’impatto di una cattiva notizia, questo uno dei principali punti toccati dalla serie di incontri formativi rivolti a medici, psicologi e infermieri, organizzati dal Servizio di Psicologia Ospedaliera e delle Emergenze
Sassari: l’Asl forma i suoi operatori sanitari


SASSARI - La comunicazione del decesso ad un familiare è senza dubbio uno dei compiti emotivamente più difficili per un operatore sanitario. Uno scenario di criticità richiede sia conoscenze tecniche da parte del medico, sia la padronanza di modalità comunicative adeguate in base ai diversi tipi di pazienti e alle diverse situazioni di emergenza.

Per questo motivo, il Servizio di Psicologia Ospedaliera e delle Emergenze, in collaborazione con il Servizio Formazione della Asl di Sassari, in questi giorni ha avviato una serie di incontri formativi rivolti a medici, psicologi de infermieri che prestano servizio nelle unità operative di Pronto Soccorso, 118, Medicina d’urgenza e dei reparti di degenza dei Presidi Ospedalieri di Sassari, Alghero ed Ozieri. Il corso dal titolo “La gestione emotiva e psicologica nella comunicazione di cattive notizie”, che si svolge nella sede del Villaggio San Camillo, ha l’obiettivo di fornire le competenze necessarie per gestire al meglio l’impatto che una notizia di morte o ferimento di una persona cara possono avere sulle reazioni dei familiari e sul loro successivo adattamento.

«Gestire al meglio la notizia di un evento drammatico e irreversibile, specie dinanzi alla tragicità improvvisa, è da considerarsi una reale forma di prevenzione secondaria nei confronti delle reazioni di lutto dei familiari», spiega il direttore del Servizio di Psicologia Ospedaliera e delle Emergenze Fabrizio Demaria. «Se la comunicazione è effettuata con poca sensibilità i familiari tenderanno a ricordare tale momento con ancora più rabbia e dolore, sia nei confronti degli operatori coinvolti sia nei confronti dell’amministrazione aziendale. Non solo - conclude Demaria - ma il tipo di relazione può giocare un ruolo importante tanto nella cura del malato quanto nel decorso del trattamento».

Nella foto: un momento dell’incontro
Commenti
9/12/2016
La denuncia è di Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, che commenta la deliberazione n. 67 del 28/11/2016 del neo direttore Generale della ASL di Sassari
9/12/2016
Chi intende emergere dall’illegalità, dimostrando quindi il cosiddetto ravvedimento operoso, deve recarsi prima presso gli sportelli informativi dell’Agenzia agricola regionale Laore e quindi presentare la pratica per l’avvio dell’attività di allevamento dei suini negli uffici Suap del proprio Comune di appartenenza. Sanzioni ridotte da 10mila a 430euro
© 2000-2016 Mediatica sas