Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSaluteSanità › Spese pazze nella Asl di Sassari. Interrogazione in Regione
D.C. 8 settembre 2014
Meno 5milioni e 45mila euro è il bilancio con il quale la Asl di Sassari ha chiuso il 2013. Tra le cause del passivo anche le spese legali affidate all’avvocato Barbieri, che hanno spinto il capogruppo del Centro Democratico regionale Roberto Desini a presentare una interrogazione in Consiglio regionale
Spese pazze nella Asl di Sassari
Interrogazione in Regione


SASSARI - È stato pubblicato sul sito della Asl di Sassari il bilancio di esercizio 2013 dell’Azienda Sanitaria Locale, dal quale è emerso un passivo pari a 5milioni e 495mila euro. «Il miglior bilancio della storia della Asl in termini gestionali», ha commentato il direttore generale Marcello Giannico, nonostante il segno meno davanti all’ingente cifra, da lui però considerata nient’altro che «l’un percento del finanziamento regionale che viene riconosciuto ogni anno alla Asl di Sassari». Una soddisfazione tuttavia non condivisa dai memori dei risultati economici dello scorso anno (2012), dal lieve avanzo di 13mila euro o anche da chi è a conoscenza degli sprechi che hanno portato oggi a non far quadrare i conti.

Tra queste figure compare in primis il capogruppo del Centro Democratico in consiglio regionale, Roberto Desini, il quale ha annoverato tra le spese pazze dell’Azienda ospedaliera sassarese, gli onorari corrisposti all’avvocato Barberio del foro di Cagliari, legale prediletto dalla Asl, nonostante questa possegga al proprio interno un Ufficio legale, con diversi avvocati in organico. Secondo le dichiarazioni di Desini infatti, pare che dal 2012 ai primi mesi del 2014, siano stati liquidati a Barberio circa 21mila euro per pareri legali e circa 233mila euro per il pagamento degli onorari, per un totale di 254mila euro circa riferiti ai compensi per ben 22 incarichi ricevuti dalla Asl.

«I vertici della Asl di Sassari, ignorando le ripetute indicazione della Regione a limitarsi all’ordinaria amministrazione, continuano a fare un uso improprio delle risorse economiche e umane dell’Azienda - ha commentato a tal proposito Roberto Desini. In questo caso è palese l’anomalia messa in pratica dai massimi dirigenti della Azienda sanitaria sassarese, che nonostante possano disporre di un ufficio legale aziendale, e nonostante abbiano a disposizione una short list di avvocati creata proprio per costruire una rete di professionisti disponibili e affidabili cui assegnare eventuali incarichi esterni, hanno continuato a conferire mandati a un solo legale, con motivazioni carenti per giustificare tale scelta».

Una mancanza di chiarezza questa che ha spinto Desini a presentare un’interrogazione a risposta scritta in Consiglio, indirizzata al Presidente della Regione e all’Assessore regionale dell’Igiene, Sanità e Assistenza Sociale, per sapere se, alla luce di quanto denunciato, intenda far cessare «l’improprio utilizzo dei fondi regionali e provvedere affinché la Asl di Sassari operi nel rigoroso rispetto delle norme e nel produttivo impiego delle proprie risorse umane e finanziarie». Ora comunque il bilancio di esercizio 2013 passerà al vaglio dei revisori, attraverso un iter che dovrà portare all’approvazione del documento contabile dalla Regione, che, a quel punto, dovrà necessariamente dare delle risposte concrete sulle modalità gestionali della Asl di Sassari.


Nella foto: Roberto Desini, capogruppo del Centro Democratico regionale
Commenti
21:11
Nei prossimi giorni verrà annunciata la data dell´iniziativa, intitolata Sol-levante e programmata per luglio
16:23
«No al trasferimento di alcuni reparti del Centro traumatologico». Questa mattina, un corteo ha attraversato la città. Poi, una decina di persone ha poi occupato l´aula del Consiglio Comunale
27/5/2016
Ieri il sopralluogo della V Commissione all´ospedale civile di Alghero per verificare lo stato dei lavori all´interno della struttura. La corsa contro il tempo per concludere il nuovo reparto, ora la Regione deve mantenere le promesse sulla classificazione a 1° livello
27/5/2016
È rivolto ai Medici Dermatologi e agli Infermieri ospedalieri e territoriali delle Unità Operative di Dermatologia di tutte le ASL della Sardegna, agli Specialisti Dermatologi Convenzionati e ai Liberi Professionisti
26/5/2016
Stanziati 40milioni per le leggi a favore di talassemici, emofilici, emolinfopatici, nefropatici e persone affette da neoplasie maligne
© 2000-2016 Mediatica sas