Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaCronaca › Sassari: ennesima truffa delle patenti smascherata
A.B. 5 settembre 2014
I due cittadini del Bangladesh si facevano dare le risposte esatte del test da un complice che comunicava con loro via bluetooth
Sassari: ennesima truffa delle patenti smascherata


SASSARI - Gli agenti della Squadra Mobile hanno smascherato l’ennesima truffa delle patenti. Al termine di lunghe e meticolose indagini eseguite con la continua partecipazione della Direzione dell’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile di Sassari, la Polizia ha fermato due cittadini del Banghadesh, rispettivamente di 32 e 29 anni. Il trucco era semplice quanto efficace. Per superare agevolmente l’esame di teoria della patente B, i due indagati si erano recati negli Uffici della Motorizzazione Civile di Sassari ed avevano chiesto di poter usare delle cuffie per la traduzione simultanea, concesse a chi non conosce bene la lingua italiana scritta, vi avevano infilato un piccolissimo auricolare audio/microfono collegato con il sistema bluetooth ad un telefonino cellulare che a sua volta comunicava all’esterno della sala esami con un’altra utenza cellulare. Con questo sistema, i complici, nascosti fuori dai locali della Motorizzazione Civile, ancora in corso di identificazione, potevano ascoltare il testo delle domande dei quiz e fornire la risposta esatta. La prova, composta da quaranta domande, si intendeva superata con una soglia di tolleranza di quattro errori.

Il tentativo di truffa è stato scoperto e sventato nel primo pomeriggio di giovedì, durante l’esecuzione della sessione di esame. I funzionari della Motorizzazione Civile ed i poliziotti che monitoravano da tempo alcune sessioni sospette, si erano accorti di un lieve lampeggio blu che traspariva dalla maglietta di uno degli indagati, tipico del segnale di un trasmettitore bluetooth. Sottoposti ad immediata perquisizione dalla Polizia, sono stati sorpresi con indosso l’apparecchiatura perfettamente in funzione. Mentre il trasmettitore era nascosto sotto gli indumenti, attaccato alla pelle con del nastro, il piccolo auricolare, applicato all’interno del padiglione auricolare, era ben occultato alla vista da una ciocca di capelli finta, sistema che rendeva quasi impossibile la scoperta dell’ingegnoso sistema fraudolento.

La prova di esame è stata immediatamente interrotta, mentre i restanti ignari candidati, poco più tardi, hanno potuto completare la sessione. A carico dei due cittadini extracomunitari, si procede per il delitto di tentata truffa aggravata ai danni dello Stato, in concorso con ignoti. Sono ancora in corso verifiche per l’identificazione dei complici.
Commenti
15/6/2018
Ieri mattina, gli agenti della Squadra Mobile di Sassari hanno denunciato in stato di libertà la responsabile del furto in appartamento di alcuni gioielli in oro. L´autrice del reato è un´amica della vittima
19:55
Le fiamme, le cui cause non sono ancora state accertate, sono divampate intorno alle 4 e hanno interessato prima una Bmw intestata ad un commerciante, poi il fuoco si è propagato sulla Porsche Macan di Conti
16/6/2018
Giovedì, a Loiri Porto San Paolo, al termine di accertamenti scaturiti da denunce/querele sporte da tre signore che vivono in località Enas, i Carabinieri della locale Stazione hanno depositato alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania un rapporto relativo alla denuncia in stato libertà di una 38enne collaboratrice domestica
16/6/2018
Questa mattina, i Carabinieri della Stazione di Tempio Pausania sono riusciti ad identificare due donne che l’8 giugno, dopo essersi impossessate di undici bottiglie di liquore ed averle nascoste in una borsa, sono uscite dal negozio senza pagare
12:00
L´uomo è risultato gravato dalla misura di sicurezza dell’allontanamento dal territorio italiano che l’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Cagliari aveva emesso nel marzo del 2013
11:45
Il ragazzino dallo scorso 13 maggio aveva fatto perdere le sue tracce, dopo essere scappato dalla Casa di Accoglienza “La Casetta di Donata” di Siliqua. Rintracciato dai carabinieri ad Alghero, dove abita il padre
15/6/2018
Settimana impegnativa per i militari della locale Capitaneria di porto, che hanno proseguito i loro controlli. Individuata una società che noleggiava abusivamente natanti nell´Area marina protetta di Tavolara-Capo Coda Cavallo
© 2000-2018 Mediatica sas