Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaArresti › 130 piante di cannabis sequestrate. Arrestato un operaio sassarese
A.B. 22 agosto 2014
Il 38enne operaio accudiva una piantagione di cannabis nei terreni di proprietà, a Biancareddu e Fiumesanto. Dopo il patteggiamento, è stato condannato ad un anno e sei mesi
130 piante di cannabis sequestrate
Arrestato un operaio sassarese


PALMADULA – Ieri mattina, nell’agro sassarese, nelle località Biancareddu e Fiumesanto, i Carabinieri del Comando Provinciale di Sassari hanno arrestato un 38enne operaio sassarese, sorpreso dai militari della Stazione di Palmadula mentre accudiva una piantagione di cannabis nei terreni di proprietà.

L’attività, investigativa, che aveva preso il via qualche tempo prima, dopo lunghi appostamenti e pedinamenti, ha permesso di documentare che la piantagione illegale era servita da un impianto di irrigazione a goccia, che distribuiva l’acqua. L’intera struttura permetteva di limitare al massimo spostamenti e movimenti, che avrebbero potuto attirare l’attenzione delle Forze dell’ordine. Complessivamente, sono state trovate e sequestrate 130 piante di cannabis indica, di altezza compresa tra i 50 ed i 160 centimetri.

L’ arrestato, dopo le formalità di rito, è stato riaccompagnato a casa propria, in regime di arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo. Oggi il giudice di Sassari, nel convalidare l’arresto lo ha condannato, con la formula del patteggiamento, ad un anno e sei mesi di reclusione.
Commenti
16:04
Ieri notte, i Carabinieri della Stazione di Sorso hanno arrestato una 50enne residente nella cittadina della Romangia, per tentato omicidio aggravato
24/9/2016
I Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia, dalle prime ore di questa mattina, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti individui, di cui due italiani e due originari della Repubblica Domenicana, i quali, in concorso tra loro, hanno organizzato un intenso traffico di stupefacenti tra la Spagna e la Gallura, sfruttando delle donne che venivano impiegate per effettuare il trasporto con l’utilizzo di ovuli introdotti nel loro corpo
© 2000-2016 Mediatica sas