Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesardegnaPoliticaSanità › «Rete bocciata, attentato all´Autonomia»
S.O. 13 settembre 2018
«La bocciatura da parte del Ministero della Salute della legge di riordino della Rete ospedaliera rappresenta un gravissimo attentato all´autonomia della nostra Regione». Lo dichiara il presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau intervenendo in merito al parere espresso dal Ministero della Salute sulla legge di riordino della Rete ospedaliera
«Rete bocciata, attentato all´Autonomia»


SASSARI - «La bocciatura da parte del Ministero della Salute della legge di riordino della Rete ospedaliera rappresenta un gravissimo attentato all'autonomia della nostra Regione». Lo dichiara il presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau intervenendo in merito al parere espresso dal Ministero della Salute sulla legge di riordino della Rete ospedaliera.

«Alla nostra isola – sottolinea Ganau – che pur paga in proprio i costi della santità, viene impedito di utilizzare quegli spazi di discrezionalità, previsti nel DM 70 cui si fa riferimento nel parare ministeriale, in modo da rendere compatibile il sistema sanitario regionale con le peculiari caratteristiche orografiche e demografiche della Sardegna. Il provvedimento del Consiglio regionale, a differenza di quanto strumentalmente sostenuto da alcuni in questi mesi, ha garantito la presenza dei presidi di riferimento in tutto il territorio, prevedendo una razionalizzazione dell'intero sistema ed un rafforzamento dei servizi offerti nella stragrande maggioranza dei casi».

«Per questo, aldilà di alcune piccole modifiche tecniche, la proposta deve essere difesa come la più adatta ad offrire risposte adeguate alle richieste sanitarie nella nostra Regione. E sia chiaro a tutti – aggiunge ancora Ganau – che la piena applicazione del DM 70 attuerebbe la condizione di un pesante ridimensionamento dei servizi sanitari offerti nei territori e la chiusura degli ospedali di Iglesias, Guspini, Isili, Muravera, Bosa, La Maddalena, Tempio, Ozieri, Ghilarza e Lanusei. Mi auguro – conclude - che la difesa delle scelte del Consiglio diventi una battaglia di tutti i sardi in grado di superare le differenze politiche e di schieramento».
Commenti
24/9/2018
All´Argentiera l´acqua non è adatta al consumo umano diretto come bevanda e per la preparazione degli alimenti. Può essere utilizzata previa bollitura e per tutti gli usi igienici compresa l´igiene personale. Invece, è stato revocato il divieto di consumo diretto per la zona del centro storico
16:17
Dopo le ultime analisi compiute dal Dipartimento di Prevenzione-Servizio Igiene degli alimenti e della nutrizione della Ats, l´acqua nel quartiere sassarese, in particolare nelle vie Massaia, Cadamosto, Magellano, Marco Polo ed Amdusen, è stata dichiarata di nuovo potabile
24/9/2018
Domenica 30 settembre, il Gils con i suoi volontari, rilancia anche in Piazza d´Italia, dalle 9 alle 14, il suo appuntamento istituzionale contro la sclerodermia
8:07
Peste suina africana: individuati a Lotzorai e Girasole due allevamenti illegali. Sanzionati i titolari ed abbattuti diciotto capi. Altri due maiali di ignota proprietà depopolati a Posada
24/9/2018
«Non esiste alcuna emergenza in Sardegna. I controlli sulle donazioni di sangue sono stati estesi al mese di ottobre», hanno dichiarato all´unisono l´assessore regionale alla Sanità Luigi Arru e l´Unità di crisi
24/9/2018
Quasi cinquecento i cittadini che si sono presentati in piazza per difendere la sanità sarda e dire “no” alla chiusura dell´ospedale. «Basta speculazioni, al primo posto c´è la salute delle persone», hanno dichiarato i portavoce di Caminera Noa Alessia Etzi e Giovanni Fara
© 2000-2018 Mediatica sas