Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSpettacoloCinema › Il Sardinia film festival a Sassari
Red 10 luglio 2018
Da questa sera, proiezioni al Teatro Civico, la masterclass con il grande montatore di “Ultimo tango a Parigi” e “Padre padrone” Roberto Perpignani. Domani, “Premio alla carriera” per il regista di “Tango & Cash” Andrej Konchalovskji. Venerdì il gran finale, con la proclamazione di tutti i vincitori
Il Sardinia film festival a Sassari


SASSARI - Il primo è il più grande esperto di montaggio vivente, l’altro è un regista russo che non ha bisogno di presentazioni, autore di pellicole di successo internazionale come “A 30 secondi dalla fine” e “Tango e Cash”. Roberto Perpignani ed Andrej Konchalovskji saranno i due grandi protagonisti della tappa sassarese del Sardinia film festival 2018, che da oggi (martedì), porterà al Teatro Civico di Sassari le proiezioni degli ultimi corti in concorso. Alle 10, a Palazzo di Città, Perpignani terrà una masterclass di “Lezioni di montaggio”. Un incontro decisamente imperdibile per gli appassionati e non solo, con un’icona del cinema che ha al suo attivo oltre centocinquanta film sia italiani, sia stranieri, capolavori che lo hanno portato a lavorare anche con Alfred Hitchcock ed Orson Welles, con il quale ha debuttato nel 1962 come assistente al montaggio.

Una delle pellicole più note è certamente “Ultimo tango a Parigi”, per la regia di Bernardo Bertolucci, con cui ha stretto un’intensa collaborazione dal 1964 al 1970. Per il pubblico sardo non può certo sfuggire “Padre padrone”, ispirato all’omonimo libro di Gavino Ledda, girato dai fratelli Paolo e Vittorio Taviani nel 1977. E proprio ai fratelli Taviani (Vittorio è scomparso ad aprile), il Sardinia film festival dedicherà uno speciale omaggio giovedì 12 luglio, con la proiezione, alle 21, dell’ultimo lavoro, “Una questione privata”. Altro grande protagonista del festival a Sassari sarà Konchalovskji, sceneggiatore, regista e produttore, autore di successi internazionali. Andrej Konchalovskij terrà un incontro con il pubblico domani, mercoledì 11, alle 18 al Teatro Civico ed alle 21 riceverà il Premio alla carriera.

Figlio d’arte (il padre è lo scrittore Sergej Michalkov ed il fratello il regista Nikita), Andrej ha iniziato a lavorare come sceneggiatore, per poi passare al cortometraggio, con cui è arrivato al Festival di Venezia, dove è stato premiato per “Il ragazzo e la colomba”. Nel 2014, ha vinto il Leone d'argento per la miglior regia alla Mostra del cinema di Venezia con “The Postman’s white nights”, per poi fare il bis due anni dopo con “Paradise”. Quest’ultimo film sarà proiettato per il pubblico del Teatro Civico domani, alle 21. L’incontro con il grande regista, rappresenta il culmine del focus che quest’anno è stato dedicato alla cinematografia russa da parte del Sardinia film festival, che ha già portato in Sardegna personaggi del calibro di Aleksandr Petrov ed Arthur Aristakisyan.

Tra gli eventi speciali più importanti, a Palazzo di Città, in collaborazione con Cinemanchio, giovedì, alle 16, si svolgerà il convegno a tema “Accessibilità e inclusione sociale”, al quale seguirà la proiezione, alle 18.30, con adattamento di ambiente autism friendly, di “Pets vita da animali” di Chris Renaud e Yarrow Cheney. Le proiezioni dei cortometraggi in concorso si terranno ogni sera, alle 21. Venerdì 13, alla stessa ora, è in programma il gran finale con la proclamazione dei vincitori della 13esima edizione.

Nella foto: Andrej Konchalovskji
Commenti
9:03
La Società Umanitaria di Alghero celebra l’anniversario dell’anno che ha cambiato il mondo con due documentari ed un film di finzione, una lezione aperta ed interventi nelle scuole
© 2000-2018 Mediatica sas