Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotizieportotorresCulturaRiti › Confraternita Beata Vergine in pellegrinaggio all´Asinara
M.P. 9 giugno 2018
Lunedì il simulacro della patrona di Stintino sarà portato sull´isola “madre”. A Cala d´Oliva l´arcivescovo di Sassari celebrerà la messa e poi omaggio ai defunti nel cimitero della piccola borgata asinarese
Confraternita Beata Vergine in pellegrinaggio all´Asinara


STINTINO - A sei anni dall'ultimo pellegrinaggio, la Confraternita della Beata Vergine della Difesa torna a Cala d'Oliva, sull'isola dell'Asinara, con il piccolo simulacro della Madonna, patrona di Stintino. Lunedì 11 giugno saranno tanti gli stintinesi che si recheranno sull’isola “madre” per rendere omaggio agli antenati che ancora riposano nel piccolo cimitero di Cala d’Oliva.

In occasione del terzo pellegrinaggio nella storia del sodalizio stintinese, a portare la bandiera della Confraternita sarà il priore Gavino Assaretti, il cui incarico scadrà a metà settembre prossimo. Prima di lui, nel 2012, era stato Eleuterio Demontis a guidare i confratelli a Cala d'Oliva e, ancora prima, nel 1999 Giuseppe Benenati che quest'anno, come nel 2012, in veste di presidente della Confraternita, si è impegnato perché l’evento potesse ripetersi.

L'evento, organizzato dal sodalizio stintinese, in collaborazione con la parrocchia stintinese dell'Immacolata Concezione con il parroco don Andrea Piras, quindi l'Archidiocesi di Sassari, ha ottenuto il patrocinio dal Comune di Stintino. Prima della partenza, il sindaco Antonio Diana con assessori e consiglieri comunali, quindi autorità civili e militari e cittadini si ritroveranno alle 15, nella chiesa parrocchiale di Stintino. Alle 15,30 si salperà dal porto Mannu alla volta di Cala d'Oliva.

Alle 17 circa è previsto l’approdo a Cala d’Oliva dove, nella chiesa dell'Immacolata Concezione, sarà celebrata la messa presieduta dall'arcivescovo di Sassari monsignor Gianfranco Saba. «Sotto la sapiente guida dell'arcivescovo – si legge nell'invito realizzato dalla Confraternita – vivremo una straordinaria giornata, ripercorrendo insieme i luoghi in cui tutto ebbe fine e nuovo inizio».

Al termine della funzione religiosa i “pellegrini” faranno visita al cimitero di Cala d'Oliva, per deporre una corona di fiori in suffragio degli asinaresi, tra questi anche alcuni che furono membri della Confraternita, e che riposano in terra di Asinara. Nel piazzale del porto, al termine della cerimonia, si terrà un rinfresco “alla stintinese”. Alle 18,30 circa si lascerà l’isola per far rientro a Stintino.

Il viaggio sarà quindi un ritorno al passato, un tuffo nei ricordi e nei racconti degli anziani. Un “pellegrinaggio” denso di significato per gli stintinesi che su quell’isola desiderano tornare ogni anno, anche per rendere omaggio a quei parenti che ancora riposano nel cimitero dell’Asinara. Isola che nel 1885 furono costretti a lasciare per fare spazio a un lazzaretto e a una colonia penale.
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas