Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › L´aplomb della Piredda: report e zero polemiche
M.V. 5 giugno 2018
«Un anno intenso con molte novità». Speranza Piredda, presidente della neonata Commissione Pari Opportunità del Comune di Alghero ripercorre il percorso avviato dal marzo del 2017 e parla dei progetti futuri. Nessuna polemica sul passato e il recente addio di sei membri. Ringraziamenti per tutte
aplomb della Piredda: report e zero polemiche


ALGHERO - «Mi sento di ringraziare indistintamente tutte le componenti della Commissione che in questo primo anno di attività hanno dimostrato passione e impegno, dedicando il proprio tempo alla collettività. E' proprio grazie al lavoro di tutte se è stato possibile elaborare progetti e proposte di sicuro impatto positivo sul territorio e i cittadini. Perché una città più giusta, che valorizza l'universo femminile col solo impegno a garantire pari opportunità tra generi, nel lavoro come nello svago, è simbolo di ricchezza sociale». Pari "opportunità" è anche questo ad Alghero: Così la presidente Speranza Piredda risponde con "fiori" alle "cannonate" lanciate solo qualche giorno fa proprio al suo indirizzo da alcune ex commissarie che annunciavano le proprie dimissioni [LEGGI].

«Trasparenza, collegialità, operatività. Sono i fondamenti con cui la neonata Commissione Pari Opportunità del Comune di Alghero ha operato nel suo primo anno di attività. Riunioni a porte aperte, verbali regolarmente approvati, convocazioni, resoconti e informazioni sulle attività svolte costantemente pubblicati nell'apposita pagina dedicata sul sito istituzionale dell'Ente» è la risposta indiretta a chi parlava di scarsa democrazia interna. Composta da 21 membri grazie alla deroga regolamentare che ha consentito l'accoglimento di tutte le domande pervenute, la Commissione, voluta con forza dalla Giunta guidata dal sindaco Mario Bruno e dal Consiglio comunale, si riunisce regolarmente dal mese di marzo 2017 con cadenza mensile, portando avanti le attività con quattro gruppi di lavoro, ciascuno con una propria referente interna: Cultura ed Eventi, Lavoro e Diritti, Salute, Violenza di genere.

«E' grazie all'impegno ed alla costanza dei gruppi di lavoro se si è giunti alla definizione di un programma d'intenti costituito da numerosi progetti, alcuni dei quali già realizzati, ma molti candidati, approvati e di prossima attuazione». Fondamentale la collaborazione instaurata con il Comitato Unico di Garanzia del Comune di Alghero, l'Ufficio delle Politiche Familiari e gli altri organi di Parità provinciali, con i quali si sono affrontati tutti i temi rientranti nell'ampia sfera della conciliazione vita-lavoro, fino all'organizzazione della conferenza nazionale che ha visto ospiti la Consigliera di Parità Provinciale, dott.ssa Maria Antonietta Sale e la Consigliera di Parità Nazionale, dott.ssa Francesca Bagni Cipriani, che ha esposto gli aggiornamenti sull'evoluzione della Risoluzione Europea in materia.

Importante anche l'adesione al progetto che l'Azienda Tutela della Salute della Sardegna ha presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, volto alla prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, anche in attuazione della Convenzione di Istambul. Tra i progetti in itinere, cui la Commissione ha dato supporto e assistenza collaborando con associazioni del territorio ed enti nazionali, spiccano l'imminente apertura dei baby pit-stop in città, il progetto Allattamento al seno, l'Interruzione volontaria di gravidanza, il Progetto Endometriosi e la realizzazione del Centro Documentazione Donna.

Nella foto: Speranza Piredda, presidente Commissione Pari Opportunità Comune di Alghero dal marzo 2017
Commenti
19/9/2018
Dimissioni dalla presidenza della Commissione Ambiente, Parco naturale, Riserva marina, ecologia e sanità, servizio idrico integrato per il consigliere comunale algherese
19/9/2018
La città di Alghero negherà piazze e luoghi pubblici per manifestazioni neofasciste e di stampo razzista. Lo prevede la delibera della Giunta comunale guidata dal sindaco Mario Bruno, ma CasaPound non ci sta e parla di presunti vizi costituzionali
© 2000-2018 Mediatica sas