Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziecagliariPoliticaPolitica › Le Città metropolitane si confrontano con Erriu
Red 14 aprile 2018
«Ruolo determinante, purchè sia inclusa nei confronti di tutto il territorio», sottolinea l´assessore regionale degli Enti locali. L’assessore ha ricordato che quando un ente di secondo livello è dotato di funzioni fondamentali da svolgere, deve avere anche il personale e le necessarie dotazioni finanziarie per poterle gestire
Le Città metropolitane si confrontano con Erriu


CAGLIARI - «Dobbiamo verificare se la Sardegna può essere un luogo di sperimentazione, visto che abbiamo l’unico caso nazionale di una Città metropolitana che non coincide con la perimetrazione della vecchia Provincia». Lo ha dichiarato l’assessore regionale degli Enti locali Cristiano Erriu intervenendo al convegno “Verso nuovi paesaggi istituzionali-Amministrare e pianificare le Città metropolitane”, organizzato dalla Scuola di formazione dell’Ordine degli ingegneri di Cagliari nell’aula magna della Facoltà di Architettura.

«Abbiamo deciso di strutturarla con modalità differenti - ha proseguito Erriu - Abbiamo superato il problema dei confini che la legge nazionale fa coincidere con quelli delle province, mentre in Sardegna abbiamo deciso di riperimetrarli pensando alla città metropolitana come luogo caratterizzato da forti elementi di densità urbana e dalla conseguente necessita di adeguati strumenti di governo. In questo modo, abbiamo superato le criticità che invece interessano le altre tredici Città metropolitane le quali mostrano ampie aree rurali al loro interno. Alle Province storiche sono rimaste funzioni di coordinamento, ma non quella della pianificazione strategica e della pianificazione territoriale generale che invece sono prerogative delle Città metropolitane».

Dalla riflessione sulle nuove configurazioni di governo sovralocale emerge che le quattordici Città metropolitane d’Italia proseguono nel percorso di consolidamento, amministrativo ed istituzionale, avviato dopo l’approvazione della legge Delrio e, in Sardegna, con la legge regionale n.2/2016, con alcune difficoltà incontrate fin dalla loro costituzione e non superate del tutto. Le modalità organizzative e gli assetti amministrativi, infatti, richiedono la condivisione di una serie di linee d’intervento e un serrato confronto per evitare di ripetere errori già commessi da altre realtà in Italia.

L’assessore ha ricordato che «quando un ente di secondo livello è dotato di funzioni fondamentali da svolgere, deve avere anche il personale e le necessarie dotazioni finanziarie per poterle gestire. Per le Province si pone oggi un problema serio di adeguatezza, date le forti limitazioni a cui sono sottoposte sul piano organizzativo e su quello finanziario. Similmente, ritengo sia altrettanto importante dotare le Unioni di Comuni di gambe e braccia per poter essere realmente operative».
Commenti
19/3/2019
Per la scelta dell’indicato alla carica di sindaco di Sassari, il modello da applicare dovrebbe essere lo stesso che ci ha consentito eleggere Christian Solinas alla Presidenza della Regione Sardegna. Modello che preveda l’istituzione di un tavolo politico che stabilisca i confini della coalizione; la definizione di una piattaforma programmatica che individui priorità e tempistiche sulle questioni più urgenti da affrontare; la regolamentazione dei rapporti tra le varie forze che sostengono il progetto; l’individuazione dei criteri e delle caratteristiche ideali della personalità che dovrà guidare la coalizione
20/3/2019
Così l'esponente di Forza Italia Marco Tedde commenta la notizia data da Abbanoa di una sua vittoria in un procedimento avviato nei suoi confronti dall’Antitrust per pratiche scorrette e aggressive contro consumatori e piccole imprese sarde poste in essere nel periodo novembre 2017 – novembre 2018
20/3/2019
Fadda vs Manconi: sproloquio fuori dal tempo. Il portavoce sassarese scelto ad Alghero da Marco Tedde in sostituzione di Delogu, bersaglio della piccante replica del consigliere comunale: «Forza Italia ad Alghero è davvero alla frutta secca»
© 2000-2019 Mediatica sas