Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotizienuoroCronacaArresti › Droga a Nuoro: sgominata baby gang
Red 4 aprile 2018
Alle prime luci dell’alba, è scattata l’operazione della Squadra Mobile che ha portato all’arresto di tre minorenni di Nuoro ed Orgosolo, in esecuzione alla misura cautelare in carcere o dell’obbligo della permanenza in casa emessa dal Tribunale dei minorenni di Sassari su richiesta della Procura della Repubblica
Droga a Nuoro: sgominata baby gang


NUORO - Sgominata a Nuoro dalla Polizia di Stato una baby gang con un ruolo di primo piano nel mercato della produzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Alle prime luci dell’alba, è scattata l’operazione della Squadra Mobile che ha portato all’arresto di tre minorenni di Nuoro ed Orgosolo (due 17enni ed un 16enne), in esecuzione alla misura cautelare in carcere o dell’obbligo della permanenza in casa emessa dal Tribunale dei minorenni di Sassari su richiesta della Procura della Repubblica. Coltivazione di marijuana, spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina e marjuana), detenzione di materiale esplosivo ed estorsione, questi i reati a vario titolo contestati dal Procuratore della Repubblica dei minorenni di Sassari Elena Pitzorno.

Le indagini, iniziate circa un anno fa grazie alla denuncia di un “cliente” della banda, vittima di estorsione, hanno fatto emergere l’esistenza di una fiorente attività di spaccio di droga al minuto tra Nuoro ed Orgosolo, che aveva tra i principali protagonisti i tre giovani minorenni arrestati. Rilevante il giro d’affari gestito dagli indagati, potendo essi contare su un vasta clientela tra i giovani del luogo, molti dei quali minorenni, oltreché sulla disponibilità di ingenti quantitativi di droga soprattutto marijuana da loro stessi coltivata nelle campagne di Orgosolo. Malgrado la loro giovane età, i membri del sodalizio operavano come esperti criminali con peculiare efferatezza, ponendo in essere vari stratagemmi per eludere i controlli delle Forze dell'ordine e soprattutto minacciando pesantemente anche di morte i “clienti” che erano in ritardo con i pagamenti.

Numerosi gli indizi di prova raccolti a loro carico nel corso dell’indagine, grazie anche ad alcuni sequestri di droga effettuati in flagranza della loro attività di spaccio, che hanno consentito alla competente Autorità giudiziaria di adottare in tempi brevissimi i provvedimenti restrittivi eseguiti questa mattina (mercoledì). Al termine dell’operazione, uno dei giovani è stato accompagnato all’Istituto penitenziario dei minori di Quartucciu, mentre gli altri due indagati sono stati riaccompagnati nelle loro abitazioni dove vi permarranno a disposizione dell’Autorità giudiziaria in stato di arresto con il divieto assoluto di comunicazione con l’esterno. In corso anche le perquisizioni domiciliari nei confronti dei giovani indagati alla ricerca di droga ed armi.
Commenti
17:06
I Carabinieri della Stazione di Nurri, da tempo impegnati in un’attività investigativa finalizzata alla repressione dei reati riconducibili agli stupefacenti, hanno tratto in arresto un 25enne della zona per il reato di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti
18:18
I Carabinieri della Stazione di La Maddalena sono intervenuti in un bar di Piazza XXIII febbraio, perché alcuni turisti avevano chiesto aiuto vedendo una brasiliana che, in evidente stato di ebrezza ed in preda all’ira, stava colpendo a calci tutti gli arredi del bar e se la stava prendendo anche con gli altri avventori, lanciandogli contro tutto ciò che trovava a portata di mano, fino a colpirne uno al volto con un fermatovaglioli
18/7/2018
La giovane algherese è stata notata dai militari in borghese mentre, ieri sera, si trovava in Piazza dei Mercati e, alla vista di altre pattuglie in divisa, si era allontanata velocemente
17/7/2018
I Carabinieri della Stazione di Mamoiada e di Olbia, con i colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Nuoro, hanno eseguito un ordine per l’esecuzione della carcerazione nei confronti di un mamoiadino, da anni domiciliato ad Olbia, che dovrà espiare la pena di dieci anni e sei mesi reclusione per reati di lesioni aggravate, minacce, violazioni di domicilio, violenza sessuale e porto illegale di armi
© 2000-2018 Mediatica sas