Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotizieportotorresCulturaScuola › Legalità: ciclo di incontri all´istituto Brunelleschi
M.P. 3 aprile 2018
Il 26 marzo ha avuto inizio il ciclo di incontri con i carabinieri, presenti gli alunni della scuola media, il luogotenente Giuseppe Denegri comandante della stazione di Porto Torres, con il carabiniere scelto Porcu, hanno presentato quelli che sono i compiti della Benemerita, un corpo di polizia di prossimità con funzioni generali e altamente specializzato che opera sia sul territorio italiano che a livello internazionale
Legalità: ciclo di incontri all´istituto Brunelleschi


PORTO TORRES -I carabinieri sono stati accolti da Alessandro Pinna, vicario dell’Istituto comprensivo 1, che ha portato i saluti a nome della dirigente Anna Rita Pintadu e di tutti i docenti, ricordando l’impegno della scuola, in linea con le indicazioni stabilite dal Miur (Ministero istruzione università e ricerca) e con quanto programmato nel piano dell’offerta formativa dell’Istituto comprensivo 1 di Porto Torres, è impegnata da tempo in attività didattiche, informative e formative volte a promuovere nei giovani la consapevolezza e la cittadinanza attiva e responsabile, la collaborazione, il rispetto e la costruzione di una comunità più giusta e democratica.

Tutto ciò anche attraverso forme di collaborazione e accordi con la polizia locale, la Polizia Forestale, la guardia costiera, i vigili del fuoco e tutte le altre istituzioni e associazioni di volontariato impegnate nel territorio. Il 26 marzo ha avuto inizio il ciclo di incontri con i carabinieri, presenti gli alunni della scuola media, il luogotenente Giuseppe Denegri comandante della stazione di Porto Torres, con il carabiniere scelto Porcu, hanno presentato quelli che sono i compiti della Benemerita, un corpo di polizia di prossimità con funzioni generali e altamente specializzato che opera sia sul territorio italiano che a livello internazionale.

La lezione conversazione dei carabinieri con gli alunni, anche con l’ausilio di un breve filmato, si è sviluppata cercando di sensibilizzare i giovani su quelle che sono le vecchie e le nuove insidie. Dall’uso e abuso delle droghe, degli alcolici alle ludopatie e dipendenza dall’uso eccessivo delle tecnologie digitali – telefoni cellulari, pc, tablet – che sono uno strumento utile ma possono nascondere pericoli a seconda dell’impego che viene fatto. Il Comandante Denegri e l’agente Porcu hanno messo in guardia gli alunni sull’uso illecito degli strumenti di comunicazione. Le offese online, le telefonate moleste, il cyberbullismo sono perseguibili come veri e propri reati che, nel caso dei minori di 14 anni, comportano la segnalazione degli stessi alla magistratura e la responsabilità diretta dei genitori o tutori dei giovani che devono rispondere dei reati commessi.

Il comandante Denegri ha ricordato inoltre agli alunni i rischi per cui i minori, nel caso specifico, potrebbero diventare vittime di forme di adescamento e ricatti a sfondo sessuale ed economico da parte di criminali malintenzionati, raccomandando prudenza nell’inserimento di immagini personali e dati anagrafici e password. E soprattutto ha fatto un riferimento agli adulti, ai genitori i quali son tenuti a vigilare le attività dei propri figli e a contingentare l’uso degli strumenti informatici, tenendo sempre aperto il dialogo e la collaborazione con i ragazzi, e con le istituzioni.
Commenti
12:18
Giovedì mattina, in materia di integrazione dei richiedenti asilo, l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu incontrerà gli studenti dell´Istituto “Galileo Ferraris”
© 2000-2018 Mediatica sas