Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSpettacoloDanza › Danza: Don Chisciotte a Sassari e Cagliari
Red 9 marzo 2018
Un classico sulle punte tra amore e poesia: sbarca nell´Isola sotto le insegne del Cedac, per la Stagione di danza 2017-18, nella versione del Balletto nazionale di Sofia. Debutto questa sera, in prima regionale, al Teatro Comunale di Sassari, per approdare sabato e domenica all´Auditorium del Conservatorio di Musica “G.Pierluigi da Palestrina” di Cagliari
Danza: Don Chisciotte a Sassari e Cagliari


SASSARI - Il fascino del “Don Chisciotte”, un capolavoro della storia della danza ispirato al celebre romanzo di Miguel de Cervantes, nella mise en scène del Balletto nazionale di Sofia, in tournée nell'Isola sotto le insegne del Cedac, rivivrà sulla scena oggi (venerdì), alle 21, al Teatro Comunale di Sassari, per approdare sabato 10 marzo alle 21 (turno A) e domenica 11, alle 17 (turno B), all'Auditorium del Conservatorio di Musica “G.Pierluigi da Palestrina” di Cagliari, nel cartellone della Stagione di danza 2017-18, nell'ambito del Circuito multidisciplinare dello spettacolo in Sardegna.

Focus sulle (dis)avventure del famoso hidalgo innamorato dei libri per l'intrigante spettacolo che narra di un amore contrastato, tra fughe ed inseguimenti, allegre feste e l'imprescindibile combattimento contro i mulini a vento, finché anche grazie all'intervento del cavaliere errante si giungerà al lieto fine: la bella fanciulla che il padre vorrebbe dare in sposa ad un ricco pretendente riuscirà infatti con un piccolo stratagemma a convolare a nozze con il giovane di cui è invaghita, e perfino ad ottenere la benedizione del genitore. L'apparizione di Don Chisciotte, capitato insieme con il fido Sancho Panza nel villaggio in festa, cambia il destino dei due innamorati: inseguendo il miraggio della gloria, egli non potrà fare a meno di schierarsi dalla loro parte ed aiutarli a realizzare il loro sogno, non senza qualche “incidente di percorso” nella distanza che separa fantasia e realtà.

Il Balletto in un prologo e quattro atti con le coreografie di Vakhtang Chabukiani ispirate alla versione originale di Marius Petipa, acclamato maître de ballet dei Balletti Imperiali dello zar a San Pietroburgo ed alla rilettura di Alexander Gorsky per il Teatro Bol'šoj, e con le musiche dal compositore austriaco Ludwig Minkus ripercorre l'intricata vicenda, tra equivoci ed inganni, scambi di persona e giochi di specchi tra arte e vita.Tutta la magia di un immaginifico racconto sulle punte tra vertiginosi assoli e pas de deux per un viaggio nella Spagna descritta dallo scrittore tra elementi picareschi e l'eco degli antichi poemi cavallereschi, che risuona nella mente del bizzarro eroe, simbolo di guerre senza speranza sotto la spinta di un ideale. L'ardimentoso hidalgo, sempre pronto a battersi contro vere o presunte ingiustizie ed ipotetici nemici (giganti o saraceni, ovvero i mulini a vento e le greggi che egli prende per tali), mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella del suo scudiero, incarna il guerriero senza macchia e senza paura, difensore dei deboli e degli oppressi, e poco importa in fondo se le sue imprese appaiono agli occhi degli altri ridicole ed insensate.
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas