Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziecagliariCulturaManifestazioni › Civiltà e Mediterraneo: mostra a Cagliari
Red 4 dicembre 2017
La grande mostra è in programma nel 2018 e servirà a suggellare l´intesa tra i musei promossa dalla Regione autonoma della Sardegna
Civiltà e Mediterraneo: mostra a Cagliari


CAGLIARI - «Una grande mostra che riporti al centro del contesto mediterraneo la Sardegna e il suo patrimonio archeologico e la creazione di nuove attività di relazione e scambio coi grandi musei che abbiamo coinvolto in questa due giorni su ‘Le civiltà e il Mediterraneo’»: sono questi, per l’assessore regionale del Turismo Barbara Argiolas, i principali risultati dell’evento promosso dall’Assessorato che, con un convegno all'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari (al quale ha partecipato anche il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru) e con due visite al complesso nuragico di Barumini e al Museo archeologico di Cagliari, ha messo a confronto direttori e curatori di alcuni importanti musei europei e del bacino mediterraneo come, tra gli altri, l’Ermitage di San Pietroburgo, il Museum for pre and early history museum, il Mann di Napoli ed il Bardo di Tunisi. Nella prima parte della mattina, gli studiosi sono stati ospitati dalla Fondazione Barumini. Una guida li ha accompagnati attraverso il villaggio nuragico e la reggia di su Nuraxi, illustrando la storia del sito diventato Patrimonio dell’umanità nel 1997 e rispondendo a domande e curiosità degli specialisti, impressionati dalla magnificenza del sito e dal grande lavoro di scavo e valorizzazione compiuto negli anni. Seconda e conclusiva tappa al Museo Archeologico nazionale ospitato all’interno della Cittadella dei musei: con la guida del direttore del complesso Roberto Concas, il percorso di visita ha avuto il suo culmine con i Giganti di Mont’e Prama, il complesso scultoreo divenuto negli ultimi anni il simbolo della antica civiltà nuragica. Le statue ed il lavoro di restauro hanno suscitato la meraviglia e l’ammirazione della delegazione di studiosi.

Il progetto “Le civiltà e il Mediterraneo”, spiega l’esponente della Giunta regionale, «è la prima attività voluta dall’Assessorato del Turismo, con l’obiettivo di rilanciare il turismo culturale come elemento strategico nelle politiche per le nuove stagionalità che stiamo mettendo in atto grazie all’utilizzo dei fondi Por. Insieme all’ambiente, i beni culturali e archeologici sono la nostra risorsa più importante e rappresentano quella Sardegna più vera che vogliamo presentare al mondo. L’esperienza non si esaurisce oggi. L’agenda dei prossimi mesi è già in definizione e vedrà prima di tutto la firma di un’intesa con l’Ermitage e il rafforzamento delle collaborazioni stabilite coi grandi musei in questo primo appuntamento». Infatti, la valenza non è solo culturale, puntualizza Argiolas: «Il patrimonio storico e archeologico – dichiara - può dare una spinta importante allo sviluppo economico dei territori e aiutarci a incrementare i flussi turistici, soprattutto verso le zone interne. Dalle relazioni del convegno di ieri sono emersi tanti elementi utili in questa direzione: le istituzioni museali, i custodi della nostra eredità storica, messi in rete con gli enti locali e gli attori territoriali, possono mettere in moto politiche di valorizzazione e nuova fruizione che hanno poi una ricaduta effettiva sotto il profilo economico e occupazionale».

Il prossimo traguardo è quello dell’esposizione, prevista a Cagliari nell’autunno 2018. «La scelta temporale e quella spaziale non sono casuali – spiega l’assessore regionale – perché l’autunno è una stagione che ha grandi potenzialità turistiche ancora da sviluppare e Cagliari perché è idealmente la porta della Sardegna. Come nel convegno sono state esplorate le geografie mediterranee e i punti di contatto tra le civiltà che sono sorte nell’arco dei millenni, così vogliamo che la mostra metta al centro il meglio del nostro patrimonio ma li contestualizzi anche nelle relazioni e negli scambi che hanno interessato il Mediterraneo fin dalle epoche più antiche. Ma soprattutto, sarà una mostra che si porrà come crocevia e punterà alla presentazione e valorizzazione di tutto il territorio regionale e delle tante testimonianze antiche che lo costellano». La due giorni “Le civiltà e il Mediterraneo” è stata organizzata dall’Assessorato regionale del Turismo, in collaborazione con il Museo statale Ermitage di San Pietroburgo, il Mibact-Polo museale della Sardegna, la Fondazione Sardegna, il Comune di Cagliari, con il supporto di Ermitage Italia e l’organizzazione di Villaggio globale international.
Commenti
13/12/2017
Sarà il cantautore toscano il protagonista del Capodanno in piazza. Ma Pelù e i suoi Bandidos non saranno gli unici artisti ad animare la notte di San Silvestro. Sarà una serata adatta a un vasto pubblico, per gusti ed età. Sul palco saliranno anche il gruppo sardo MariaMarì ed il dj Davide Merlini, in grado di spaziare con il suo dj set dagli Anni Sessanta ad oggi
17:45 video
«Sarà un incontro nel segno dell’ospitalità e della festa, con un ruolo da protagonisti riservato ai giovani, che avranno l´opportunità di confrontarsi sulle valenze culturali dei territori e sulle straordinarie ricadute che queste possono avere sullo sviluppo turistico»
© 2000-2017 Mediatica sas