Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziealgheroSaluteSanitàRianimazione ad Alghero dal 2018
M.N. 10 ottobre 2017
In attesa del voto finale dell´Aula di via Roma, il presidio ospedaliero di Alghero-Ozieri incassa il riconoscimento di Dea di Primo livello. Una conquista non scontata per la città e il territorio, raggiunta grazie alla caparbietà dei sindaci, commissioni sanità e operatori
Rianimazione ad Alghero dal 2018


ALGHERO - In attesa del voto finale, adesso è ufficiale. Consiglieri regionali del territorio e giunta, con l'assessore Arru in testa, mantengono la promessa: Il presidio ospedaliero di Alghero-Ozieri incassa il riconoscimento di Dea di Primo livello dal 2018 e senza alcun monitoraggio. Si avvieranno così i lavori per l'apertura della Rianimazione, obbligatoria per i presidi così catalogati.

Il Consiglio approva il capitolo 5 “Rimodulazione dei presidi ospedalieri rispetto ai territori di riferimento” (27 voti favorevoli e 23 contrari) e rimanda l'approvazione definitiva di Proposta di ridefinizione della rete ospedaliera alla seduta di mercoledì. Tra gli emendamenti approvati, quello della maggioranza di Centrosinistra che ridefinisce il presidio del nord ovest in Dea di Primo livello (26 voti favorevoli e 16 contrari).

«Le comunità locali - ha detto in aula Luigi Ruggeri (Pd) che ha presentato l'emendamento sostenuto da tutti i gruppi di maggioranza - hanno proposto una serie di specializzazioni per l’area di Alghero-Ozieri e l’indicazione è stata accolta con riferimento al complesso dei due stabilimenti, ferma restano la necessità della rianimazione da cui non si può prescindere, ma è un percorso che ha bisogno di un certo lasso di tempo e di passaggi amministrativi».

Inutile negarlo: per la città di Alghero, il territorio dell'ex Asl sassarese e tutto il Distretto socio-sanitario si tratta di una prima conquista se si considera la lunga battaglia che ha visto impegnati sindaci, commissioni sanità e operatori. In attesa di capire le disposizioni di legge, Alghero e Ozieri vedono riconosciuto un primo diritto, quello all'innalzamento dei livelli di assistenza.

Serve adesso capire se e quando, gli investimenti sull'edilizia ospedaliera che saranno sbloccati con l'approvazione definitiva della Rete ospedaliera (dovrà passare per il via libera del Governo) saranno destinati anche alla realizzazione del nuovo ospedale che la città di Alghero attende ormai da troppo tempo. Il vecchio piano infatti (giunta Soru), già prevedeva la nuova struttura alla Taulera.

Foto d'archivio
Commenti
23:10
Il volo con a bordo una bimba di 4 anni è partito da Alghero in direzione Ciampino, con destinazione finale l´ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma
22/10/2017
Il 42enne Mario Cabras, tra i migliori tennisti in carrozzina (è numero 8 d´Italia), è seguito dal Centro emofilia dell´Azienda ospedaliera universitaria di Sassari
10:02
Saranno aperti domani mattina, nella seconda stecca bianca delle cliniche di Viale San Pietro. A metà novembre, al via la riorganizzazione degli spazi per i day hospital di oncologia
23/10/2017
Venerdì mattina, i direttori dell´Azienda ospedaliera universitaria di Viale San Pietro hanno incontrato il direttore generale del Ministero della salute dell´Egitto Kawther Mahmoud Mahmoud
17:08
Il presidio Alghero-Ozieri è classificato, al momento, come presidio di base e solo dal 2018 diventerà presidio di primo livello, senza alcun riferimento al mese in cui ciò avverrà; la classificazione a presidio di primo livello è strettamente legata all’istituzione della Rianimazione; la funzione del presidio sarà comunque sottoposta ad attento monitoraggio. Anche questa volta ci stanno vendendo un’illusione
9:47
La Regione autonoma della Sardegna non contrarrà un mutuo per il ripianamento della spesa sanitaria per gli anni 2016/2017, rinunciando così all’anticipo di liquidità previsto nella Legge di stabilità approvata dal Consiglio dei Ministri
21/10/2017
«Opportunità per portare servizi di alta specialità a comunità più lontane», ha annunciato l´assessore regionale della Sanità Luigi Arru, durante il convegno “Telemedicina per la sostenibilità dei programmi regionali e di governo assistenziale”, organizzato da Sardegna.it, tenutosi ieri mattina a Cagliari
© 2000-2017 Mediatica sas