Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariAmbienteAmbiente › Smog: aria pulita in Sardegna. Azoto: Sassari sotto controllo
Red 12 gennaio 2017
Presentato "Il Nuovo Piano di qualità dell´aria della Sardegna". I superamenti hanno riguardato in gran parte i livelli di polveri sottili (Pm10), ossidi di azoto e ozono
Smog: aria pulita in Sardegna
Azoto: Sassari sotto controllo


SASSARI - «Solo due volte, nel 2011 e nel 2014, sono state superate le soglie d'inquinamento atmosferico previste dalle norme, ma in generale la qualità dell'aria in nell'Isola è buona». Lo ha affermato l'assessora della Difesa dell'ambiente, Donatella Spano, che ha presentato "Il Nuovo Piano di qualità dell'aria della Sardegna". Il precedente risaliva al 2005. Il Piano, che avrà validità fino al 2020, classifica il territorio in zone omogenee: l'Agglomerato di Cagliari, la Zona Urbana (Sassari e Olbia), Industriale (Assemini, Capoterra, Sarroch, Portoscuso, Porto Torres), la Zona rurale e quella Ozono (tutta la Regione).

I superamenti hanno riguardato in gran parte i livelli di polveri sottili (Pm10), ossidi di azoto e ozono. Quanto alle polveri, nel 2011 i superamenti sono stati 39 su 35 consentiti dalla legge, 40 nel 2014. Sorgenti principali di polveri sottili sono i caminetti, le stufe domestiche, le piccole caldaie. Fra le sorgenti di No2: attività portuale, trasporto su strada, attività industriali e centrali termoelettriche. I dati registrati dalla rete di monitoraggio regionale nel 2015 confermano comunque la necessità di attenzione in alcune zone: l'agglomerato di Cagliari, l'area di Assemini, quella di Portoscuso e l'area urbana di San Gavino Monreale.

Mentre per i livelli di ozono: l'area urbana di Sassari, di Sarroch, l'area centro settentrionale della zona rurale. Nel Nuovo Piano presentato sono previste misure tecniche: la sostituzione di caminetti e stufe tradizionali con sistemi ad alta efficienza nel settore del riscaldamento domestico; razionalizzazione del trasporto urbano, interventi in ambito portuale. Mentre le misure non tecniche vanno dalle campagne di sensibilizzazione, per accrescere la consapevolezza dei cittadini sulle conseguenze delle abitudini inquinanti, alla promozione dell'utilizzo di prodotti a km 0, ma anche il mantenimento di una rete di monitoraggio efficiente.
Commenti
21/4/2018
I carabinieri della compagnia di Porto Torres guidati dal capitano Romolo Mastrolia in collaborazione con i militari dei Noe - Nucleo operativo ecologico - hanno denunciato un portotorrese e due cittadini rom per abbandono di rifiuti pericolosi all’interno del campo nomadi
21/4/2018
Atto storico del Comune di Alghero che tenta di chiudere una vergogna aperta pluridecennale, con insediamenti abusivi sulla costa di Porto Conte. Nonostante la prescrizione nel processo, rimane la lottizzazione senza autorizzazione e il dirigente pubblica l´atto con cui vengono annesse al patrimonio pubblico le 133 piazzole
19:14
«Il Wwf, vista l’ordinanza d’ingiunzione pubblicata nell’albo Pretorio del Comune di Alghero, plaude all’azione intrapresa dal dirigente del settore Demanio del Comune di Alghero Guido Calzia che mira ad acquisire al patrimonio comunale l’area di Sant’Imbenia nel Comune di Alghero», dichiara il delegato Wwf per la Sardegna Carmelo Spada
20/4/2018
A Parigi il percorso individuato è il riconoscimento del corallo come patrimonio dell’umanità. Dopo Alghero, anche la cittadina in provincia di Napoli ha proposto la candidatura della lavorazione artigianale del corallo e del cammeo di Torre del Greco a patrimonio immateriale dell´Umanità Unesco”
© 2000-2018 Mediatica sas