Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaSicurezza › Finanza: i reparti di Sassari tirano le somme
A.B. 16 marzo 2016
Tante le attività operative svolte sul territorio nel 2015. Dal contrasto alle truffe sui fondi pubblici ed all’illegalità nella Pubblica amministrazione, alle frodi fiscali ed al sommerso, dalla criminalità economico-finanziaria agli interessi patrimoniali ed imprenditoriali delle organizzazioni criminali, fino ai traffici illeciti via terra e per mare
Finanza: i reparti di Sassari tirano le somme


SASSARI - La Guardia di Finanza del nord Sardegna, in linea con le direttive fissate dall’Autorità di Vertice e dal Comando Regionale Sardegna, ha proseguito nel 2015 l’azione a tutela dell’economia legale per garantire allo Stato, all’Unione Europea, alle Regioni ed agli Enti locali le risorse pubbliche destinate al benessere della collettività ed al sostenimento delle politiche di sviluppo economico e sociale. Per questo, l’obbiettivo è stato quello di continuare nel percorso costante del miglioramento della qualità complessiva dell’attività del Corpo, assicurando una sempre maggiore concretezza dei risultati conseguiti, per tutelare le imprese ed i professionisti che rispettano la legge e le cui prospettive di sviluppo sul mercato sono seriamente compromesse dalla concorrenza sleale di chi opera nell’illegalità. La strategia messa in campo ha agito su tre leve principali: l’attività investigativa (ossia lo sviluppo in tutto il territorio provinciale delle oltre 590 deleghe d’indagine pervenute dalla Magistratura ordinaria e dalla Corte dei Conti, di cui oltre 400 portate a conclusione), l’esecuzione di quaranta piani operativi (per l’aggressione sistematica e organizzata ai più gravi fenomeni di illegalità economico-finanziaria nelle diverse aree del Paese, attraverso l’esercizio degli autonomi poteri d’intervento attribuiti al Corpo dalla legge) e l’azione di contrasto ai grandi traffici illeciti (via terra o per mare e il concorso al dispositivo di ordine e sicurezza pubblica nazionale).

Contro l’evasione e le frodi fiscali, anche di tipo organizzato, sono state concluse oltre 200 indagini di polizia giudiziaria, cui si aggiungono 806 interventi ispettivi, tra verifiche e controlli, a tutela del complesso degli interessi erariali comunitari, nazionali e locali. Questi servizi si sono basati su un’attenta selezione preventiva e mirata degli obiettivi, supportata dal ricorso alle oltre 40 banche dati e applicativi disponibili, dall’intelligence e dal controllo economico del territorio. L’esito di tale attività ha consentito di scoprire 110 evasori (tra totali e paratotali) denunciare 89 responsabili per reati fiscali (emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta, occultamento di documentazione contabile) ed individuare 59 lavoratori in “nero” o irregolari, nonché di sanzionare 26 datori di lavoro. Particolare attenzione è stata volta all’evasione fiscale internazionale, attuata attraverso molteplici condotte, che vanno dalla fittizia residenza all’estero alle organizzazioni stabili d’impresa non dichiarate in Italia. Sono state sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie per il recupero delle imposte evase nei riguardi di responsabili di frodi fiscali per oltre 18milioni di euro ed avanzate proposte di sequestro per altri 9milioni. Infine, scoperte 81 violazioni nel campo delle imposte sulla produzione e sui consumi: 76 soggetti verbalizzati, di cui tre denunciati responsabili di reati in materia di prodotti energetici.

Durante l’anno passato, l'azione del Corpo è stata focalizzata sulle frodi all’erogazione di incentivi pubblici, comunitari e nazionali, preordinati al sostegno o al rilancio delle attività economiche della Sardegna. Eseguiti 69 interventi, tra indagini di Polizia giudiziaria, accertamenti su richiesta della Conti ed attività di iniziativa attivate con i poteri di polizia economica finanziaria. In particolare, i controlli delle Fiamme Gialle hanno consentito di scoprire indebite percezioni/richieste di fondi pubblici, comunitari e nazionali per oltre 6,5milioni di euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di otto soggetti; individuare truffe nel settore previdenziale ed al Sistema Sanitario Nazionale per oltre 110 mila euro e verbalizzate 27 soggetti; rilevare danni erariali e sprechi per 470mila euro nell’ambito di 13 accertamenti svolti. Inoltre, sono stati denunciati 31 responsabili per reati contro la Pubblica Amministrazione (corruzione, concussione, peculato, abuso d’ufficio, turbativa degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, ecc.). Effettuati 76 controlli sulla sussistenza dei requisiti previsti per l’erogazione di prestazioni sociali agevolate e per l’esenzione ticket sanitario, con percentualità di irregolarità pari al 62percento.

Per tutelare il sistema economico dalle infiltrazioni criminali, che alterano le regole di funzionamento dei mercati e della concorrenza, sono state svolte 22 indagini patrimoniali, che hanno consentito di avanzare proposte di sequestro per quasi 2milioni di euro. Sono state approfondite 53 segnalazioni di operazioni sospette ed eseguite quattro ispezioni e controlli antiriciclaggio, relative al rispetto degli obblighi previsti dalla specifica normativa. L’azione di contrasto agli illeciti economici ha permesso di denunciare sei responsabili di reati bancari, societari e fallimentari. Un ulteriore ambito di rilevamento impegno per la Guardia di Finanza è stata la lotta alla contraffazione, al falso made in Italy ed alla commercializzazione di prodotti non sicuri o dannosi per la salute. La tutela del mercato dei beni e servizi è necessaria non solo per assicurare l’incolumità dei cittadini, ma anche per fa crescere l’economia sana del Paese e proteggere lo spirito d’iniziativa e l’inventiva delle imprese italiane. Nel 2015, sono stati eseguiti 75 interventi, denunciati 53 responsabili all’Autorità Giudiziaria e sequestrati più di 187mila prodotti contraffatti. L’attività operativa svolta nel settore dei giochi e delle scommesse ha consentito con 22 interventi, di denunciare all’Autorità Giudiziaria due responsabili ed amministrativamente 25 soggetti. Sul fronte del contrasto allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti, sono stati sequestrati oltre 49chilogrammi tra hashish e marijuana, 1,5chilogrammi di cocaina e circa un chilogrammo di eroina, verbalizzate 282 persone (23 arrestate, 44 denunciate all’Autorità Giudiziaria e 215 segnalate alla Prefettura).
Commenti
30/5/2016
Giovedì e venerdì, anche la Riviera del Corallo ha ospitato la Giornata nazionale della sicurezza in mare, con la realizzazione di un progetto scolastico ad hoc
31/5/2016
Resteranno per un periodo di sessanta giorni. Ad attenderli a Lampedusa i colleghi delle altre motovedette d´altura che costituiscono la 7/a Squadriglia Motovedette Guardia Costiera
30/5/2016
All´alba di sabato, la motovedetta di soccorso d’altura Cp273 della Capitaneria di Porto–Guardia Costiera di Olbia, al comando del primo maresciallo Emiliano Nicolai, ha mollato gli ormeggi per fare rotta verso sud e raggiungere Lampedusa dove, per i prossimi due mesi, garantirà l’attività di soccorso ai migranti
30/5/2016
A promuovere un corso di "Educazione stradale e prevenzione" presso la scuola media Il Brunelleschi è il Rotary club international Porto Torres che si avvarrà della collaborazione di istruttori esperti come Paolo Pinna dell’Aci e del Corpo di Polizia locale
© 2000-2016 Mediatica sas