Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaSanità › L´urlo del Nord-Ovest Sardegna «Modifiche sulla sanità Sassarese»
M.V. 14 marzo 2016
Oggi a Palazzo Ducale i sindaci del territorio chiedono alla Regione necessarie correzioni. Il prossimo 29 marzo si riuniranno le commissioni consiliari sanità dei Comuni di Ittiri, Ozieri, Thiesi, Alghero e Sassari che nel loro ordine del giorno avranno proprio le modifiche alla delibera regionale di definizione della rete ospedaliera sarda
urlo del Nord-Ovest Sardegna «Modifiche sulla sanità Sassarese»


SASSARI – L'obiettivo è quello di elaborare e condividere un documento che conterrà gli emendamenti da presentare alla commissione consiliare regionale Sanità, quindi al consiglio regionale, per apportare modifiche alla delibera della giunta regionale 6/15 del 2 febbraio. I rappresentanti del territorio del Nord-Ovest Sardegna che questa mattina, su invito del sindaco Nicola Sanna, si sono ritrovati nella sala consiliare dei Palazzo Ducale lo hanno ribadito chiaramente: la delibera di redifinizione della rete ospedaliera della Regione Sardegna deve essere rivista. Il concetto è stata da subito messo in luce dal sindaco di Sassari Nicola Sanna: «La riunione odierna è necessaria per ribadire, alla vigilia dell'esame della proposta di riordino della rete ospedaliera, che occorrono delle modifiche ritenute essenziali per il futuro del sistema sanitario nel nostro territorio e nella regione».

Correzioni che sono state proposte nei documenti ufficiali della conferenza socio-sanitaria del territorio dell'Asl di Sassari, dei consigli comunali del territorio che già in diverse occasioni si sono espressi con voto formale. «I tre livelli di organizzazione della rete nel nostro territorio – ha detto ancora Nicola Sanna – sono, sotto il profilo sanitario e della efficienza organizzativa ed economica, intimamente e strutturalmente integrati al livello di offerta adeguata che si vuole costruire nella nostra Isola. Un'offerta che a regime deve essere comparabile a quella del resto dell'Isola. Ma questa comparazione in termini di pari rilevanza e peso non ci appaiono adeguati». «Le scelte – ha detto ancora il primo cittadino di Sassari – non possono essere calate sul territorio che, invece, ha tutti i requisiti per avere un ospedale di primo livello e un Hub parificato a quello del Sud dell'Isola. Vi è quindi la necessità urgente che la commissione consiliare Sanità della Regione riveda questa proposta, e lo faccia assieme alla giunta».

Tra i concetti che devono essere rivisti, oltre alla questione di comparazione di Hub e alla presenza di ospedale di primo livello, sono stati ribaditi anche quello di una organizzazione del territorio che preveda, tra le altre cose, la presenza di strutture quali la chirurgia pediatrica e il pronto soccorso pediatrico. Quindi ancora è stato richiamato il progetto per la costruzione del nuovo ospedale e la necessità di investire nelle strutture già presenti. Infine, un accenno alla definizione del quadro di accessibilità e viabilità nell'area in cui dovrà sorgere il nuovo ospedale.

«Questo nuovo asse stradale – ha detto il primo cittadino – non può essere finanziato con fondi di cassa del Comune ma attraverso i fondi Cipe di sviluppo e coesione. Noi abbiamo quantificato una esigenza di 7 milioni di euro e abbiamo sollecitato più volte un incontro per la stipula del necessario accordo di programma». Nicola Sanna quindi ha ribadito come la città sia interessata al territorio e alla sua unione. A dimostrazione di questo le proposte, partite proprio dal sindaco di Sassari, di avere un primo cittadino del territorio più interno quale coordinatore della conferenza socio-sanitaria (Ozieri) e un altro ancora coordinatore del distretto sanitario (Valledoria). Due momenti attraverso i quali dare la più ampia rappresentatività ai paesi più lontani da Sassari, nell'ottica di una estensione della rete metropolitana sul territorio.

Tra i vari interventi quelli dei sindaci di Ozieri Leonardo Ladu, di Alghero Mario Bruno che ha puntato il dito sull'assenza di molti consiglieri regionali del territorio [GUARDA], di Cheremule Salvatore Masia, di Thiesi Gianfranco Soletta e Pattada Angelo Sini quindi del vicesindaco di Porto Torres Sebastiano Sassu, della presidente della commissione consiliare Sanità del Comune di Sassari Carla Fundoni e del suo collega del Comune di Alghero Alessandro Nasone, della parlamentare e sindaco di Florinas Giovanna Sanna, del consigliere comunale di Sassari Mario Pala firmatario della mozione per la modifica della delibera regionale.

A questi si aggiungono gli interventi dei commissari dell'Asl e dell'Aou, Agostino Sussarellu e Giuseppe Pintor, dei consiglieri regionali Luigi Lotto e Salvatore Demontis, della presidente della commissioni pari opportunità del Comune di Sassari Consuelo Sari quindi dei sindacalisti Gavino Carta della Cisl e Andrea Tirotto del Nursind. Erano presenti anche la presidente del consiglio comunale di Sassari Esmeralda Ughi, i rappresentanti dei Comuni di Sorso, Stintino, Castelsardo quindi i componenti della commissione consiliare Sanità dei Comuni di Sassari e Alghero. Il prossimo 29 marzo, poi, a Palazzo Ducale si riuniranno le commissioni consiliari sanità dei Comuni di Ittiri, Ozieri, Thiesi, Alghero e Sassari che nel loro ordine del giorno avranno proprio le modifiche alla delibera regionale di definizione della rete ospedaliera sarda.
Commenti
15:38
È il cuore della proposta del consigliere del Psd´Az Marcello Orrù, che oggi ha depositato tre emendamenti al disegno di legge 321 sull´Istituzione dell´Azienda sanitaria unica
17:23
Dal 25 al 17 giugno sarà attivo il servizio medico all’Asinara. La firma della convenzione questa mattina nella sala Giunta del palazzo comunale
11:34
La 45enne insegnante barbaricina è la nuova presidente regionale dela Cri. Da quindici anni, presta la sua opera di volontaria
9:34
Lo scorso 24 maggio è rimasto chiuso l’ufficio ticket del Poliambulatorio di Lanusei. La direzione aziendale difende il proprio operato
28/5/2016
«No al trasferimento di alcuni reparti del Centro traumatologico». Questa mattina, un corteo ha attraversato la città. Poi, una decina di persone ha poi occupato l´aula del Consiglio Comunale
© 2000-2016 Mediatica sas