Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaPolitica › Riformare il Senato: video-messaggio da Sassari
Red 13 marzo 2016 video
Il sindaco di Sassari ribadisce che l´iter deve andare avanti e in un video appello trasmesso a Roma al convegno di Legautonomie sottolinea che i cittadini devono sentirsi partecipi del cambiamento
Riformare il Senato: video-messaggio da Sassari


SASSARI – «La riforma della Costituzione non è una questione di pochi eletti, riguarda tutti i cittadini. E cambiare il bicameralismo perfetto è una opportunità per tutta l'Italia, è una opportunità per gli enti locali perché, per la prima volta, il Senato diventerà il Senato delle autonomie regionali». Lo ha detto il sindaco di Sassari nel video appello trasmesso nei giorni scorsi a Roma, durante il convegno dedicato alla riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione disegnata dal ddl Boschi e che ha visto la partecipazione del ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi e del presidente nazionale di Legautonomie e sindaco di Pisa Marco Filippeschi.

«È importante che questa riforma vada avanti – ha detto ancora il primo cittadino di Sassari che fa parte dell’ufficio di presidenza nazionale della Legautonomie – perché ci sarà una differenziazione di poteri. È importante che gli amministratori locali insieme ai cittadini sostengano con il proprio SI confermativo il cambiamento della Costituzione che porterà l'Italia a essere un paese più moderno, più efficace e anche più democratico».

La riforma del Parlamento a ottobre sarà sottoposta al referendum costituzionale. Il Sindaco Nicola Sanna comunica inoltre di aver cominciato a raccogliere le adesioni dei suoi colleghi sindaci. Durante il convegno è stato ricordato che la riforma vuole dare una grande responsabilità nazionale a Regioni ed enti locali all’interno del Senato, superando l'illusione di poter creare autonomie locali che nel rapporto con lo Stato vivono separate e poi finiscono fatalmente per litigare davanti alla Corte Costituzionale.
Commenti

9:44
La risposta di Sardenya I Llibertat non si fa attendere dopo le esternazioni del gruppo consiliare di Forza Italia in merito alla Fondazione Meta
24/5/2016
I sindaci della Rete metropolitana, che ben si sono guardati a febbraio dall’erigere barricate contro la presa in giro della Rete per consiglieri riottosi, litigano per percentuali di gestione del nulla e si comportano come quella guardia giurata della famosa barzelletta che faceva la guardia al “cassonetto della spazzatura”
23/5/2016
Nel corso della giornata, il Presidente e gli assessori saranno impegnati in una serie di incontri con i rappresentanti istituzionali e di categoria nel territorio. Firma dell´Iti
23/5/2016
Sabato 28 maggio, dalle ore 11 alle ore 18.40, e domenica 29, dalle ore 10.30 alle ore 18.50, sarà possibile conoscere gli interni di quella che fu una delle prime grandi fabbriche della Sardegna
16:27
Al netto della fuffa mediatica, Pigliaru si comporta come un commissario liquidatore del Nord Sardegna, in nome e per conto del Governo, trattando metà dell’isola come se fosse una sorta di bad company da sacrificare a beneficio di altri territori
24/5/2016
L´ex sindaco Carlo Sechi parla di «fallimento della missione» per la Fondazione (e la Secal) e ne chiede pubblicamente la «liquidazione». Il gruppo consigliare di Forza Italia (che Meta e Secal le hanno create con Tedde sindaco) difendono le scelte del passato e attaccano
23/5/2016
«Al di la delle dichiarazioni trionfalistiche circa l’approvazione del Bilancio di previsione 2016, la realtà dei fatti evidenzia tutta un’altra storia che racconta del pressapochismo e della inadeguatezza di questa Amministrazione comunale, che non manca occasione per darne ampia prova», attacca il consigliere forzista
23/5/2016
L´ex sindaco, leader del movimento di sinistra Sardenya I Llibertat chiede al Primo cittadino lo scioglimento della Fondazione che si occupa della gestione degli eventi turistici e culturali ad Alghero. Parole durissime sui conti, l´amministrazione e i risultati
© 2000-2016 Mediatica sas