Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaPolitica › Pd, guerra aperta su Renato Soru. Marrocu: disgrega il partito, via
Red 11 marzo 2016
Dopo il pesante attacco di Giacomo Spissu in occasione dell´ultima direzione di Oristano, è la volta di Siro Marrocu che chiede un passo indietro del segretario Dem
Pd, guerra aperta su Renato Soru
Marrocu: disgrega il partito, via


SASSARI - E' ormai guerra aperta nel Pd sardo, inasprita ed esasperata dall'impasse registrata nelle due direzioni di Oristano, sulla permanenza o meno di Renato Soru alla segreteria del partito. Dopo il pesante attacco di Giacomo Spissu [LEGGI], a riaccendere le polveri ieri la lettera aperta del segretario agli iscritti, nella quale Soru - che non ha nessuna intenzione di ritirarsi - è arrivato ad evocare il possibile ricorso ai gazebo per dirimere la querelle con renziani ed ex Ds che gli hanno ritirato la fiducia. «C'è chi ritiene che in questo momento il segretario non abbia più una maggioranza e considera terminata l'esperienza politica di questa segreteria» ha scritto Soru, come riporta la Dire.

«Io credo che gli unici in grado di stabilire se il segretario abbia o meno una maggioranza dovrebbero essere i cittadini sardi attraverso lo strumento delle primarie. Questa è l'idea su cui è nato il Pd: sottrarre le decisioni più importanti dal controllo di gruppi ristretti restituendole non solo agli iscritti ma in maniera più ampia a tutti gli elettori del Partito». Se il segretario mediti una sorta di primaria di metà mandato, per ridare la parola agli iscritti, di fatto indicendo un referendum sulla sua permanenza o meno alla segreteria, lo hanno già smentito fonti a lui vicine. Ma chi conosce Soru sa che nelle corde del fondatore di Tiscali non c'è l'idea del traccheggiamento.

Non a caso l'opposizione interna oggi raccoglie il guanto di sfida del segretario. E, mentre la crisi arriva ai livelli nazionali del partito, manda in battaglia un peso massimo come il deputato Siro Marrocu, che chiede con toni perentori il passo indietro al leader. "«L''unico commento che posso fare sulla lettera scritta da Soru è questa: incredibile», dice Marroccu alla Dire. «Penso che in ognuno di noi ci sia sempre una forbice che separa ciò che siamo da ciò che crediamo di essere: nel caso di Soru mi sembra una forbice troppo ampia».

«Dice di volere il bene del Pd, di voler perseguire la sua unità, ma agisce invece creando danno allo stesso partito: è un elemento di disgregazione e non di unità». Marrocu, portavoce di renziani ed ex Ds, rincara poi la dose: «Soru sa bene per statuto che se si dimettesse, facendo il bene del partito, si potrebbe andare a una gestione unitaria dentro l'assemblea. Se invece verrà dimissionato toccherà al congresso e io penso che avverrà proprio questo. Soru poi dimentica di essere stato uno di quelli non ha fatto rispettare le primarie nel caso di Francesca Barracciu» (nel 2013, quando era candidata alla presidenza della Regione, indotta a ritirarsi per l'indagine sulle spese pazze, ndr): «in quell'occasione - conclude Marroccu - non l'ho visto uno strenuo difensore del risultato delle primarie»
Commenti
15:05
I rappresentanti degli otto Comuni - Sassari, Alghero, Castelsardo, Porto Torres, Sennori, Sorso, Stintino e Valledoria - hanno firmato l´atto costitutivo della Rete metropolitana del Nord Sardegna
10:24 video
Il presidente della Regione Francesco Pigliaru e il presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi hanno firmato a Sassari, nell´Aula Magna dell´Università, il Patto per la Sardegna. Renzi, come ha ricordato il sindaco Nicola Sanna, è il secondo premier che viene in visita a Sassari (il primo fu Alcide De Gasperi nell’immediato secondo dopoguerra). Presenti tutte le massime istituzioni
11:06
Il portavoce nazionale del Movimento 5 Stelle e vicepresidente della Camera, insieme alla parlamentare sarda Emanuela Corda, si presenterà per sollecitare l´Agenzia delle Entrate nell´applicazione della legge 228
28/7/2016
Il premier dovrebbe fare due tappe, una in Prefettura l´altra all´Università. Il Patto per la Sardegna, tra continuità territoriale aerea, treni ed energia, vale circa 2,5 miliardi di euro
17:24
Un ritrovato quoziente di ragionevolezza conduce il consigliere Pais e il gruppo consiliare di Forza Italia di guadagnare le posizioni dell’Udc, anche ad oltre sei anni di distanza dal disatteso programma di interventi a favore della famiglia approvato dal consiglio comunale nel 2010 e rimasto lettera morta, così come i precedenti atti in materia di sostegno alla famiglia
28/7/2016
La frenesia di chiudere l’argomento in tempi troppo rapidi e senza far tesoro delle eccezioni e delle riflessioni suggerite praticamente da tutte le forze esterne alla Maggioranza, dentro e fuori il Consiglio Comunale, fa sorgere il sospetto che il sindaco e la sua Maggioranza, non riuscendo a dimostrare a convenienza della proposta, stiano perseguendo obiettivi diversi da quelli che vanno sbandierando. E forse ne sapremo di più quando sapremo a chi sarà affidato il servizio di riscossione esterno dei tributi algheresi
28/7/2016
E’ noto infatti che, pur essendo quest’ultima una società sana e con i conti in regola, la Giunta in carica, dovendo portare a compimento un “regolamento di conti” non finanziari ma legato a guerre politiche interne alla maggioranza, decide di far “saltare per aria” la Secal
© 2000-2016 Mediatica sas