Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaSanità › Nursing Up: «Pronto Soccorso allo stremo»
A.B. 5 marzo 2016
La Segreteria provinciale dell´Associazione nazionale sindacato professionisti sanitari della funzione infermieristica, lancia un allarme sul servizio dell´Ospedale Santissima Annunziata di Sassari
Nursing Up: «Pronto Soccorso allo stremo»


SASSARI - La Segreteria Provinciale Nursing Up ritorna ad accendere i riflettori sull'ospedale Santissima Annunziata di Sassari, denunciando ancora una volta «la gravissima situazione in cui gli operatori sanitari si trovano ogni giorno, non ultima una rissa all’interno dei locali sedata dalle forze dell’ordine». L'Associazione nazionale sindacato professionisti sanitari della funzione infermieristica spiega come la dotazione organica sia al limite, con gli operatori che «lavorano in situazioni precarie, senza poter usufruire delle ferie e spesso costretti a saltare i riposi».

«Entrando nello specifico, troviamo un infermiere che deve occuparsi di due triage contemporaneamente (pazienti barellati pazienti autonomi), effettuare registrazioni, Ecg, rivalutare minimo ogni 30' i pazienti in attesa, gestire contemporaneamente i bisogni primari dei pazienti. Non esiste nessuna sicurezza per i colleghi che molto spesso sono vittime di aggressioni sia verbali che fisiche, questo anche perché non esiste controllo degli accessi primari e secondari della struttura». Nursing Up sottolinea come negli ambulatori ci siano due soli infermieri (uno per ambulatorio). In caso di Codice Rosso, «un infermiere deve abbandonare la sua postazione per gestire tele l'urgenza, questo porta per forza di cosa all'allungamento dei tempi d'attesa. Tre o al massimo quattro infermieri per turno rende impossibile la gestione dei flussi in entrata nel Pronto Soccorso, arrecando rischi alla cittadinanza e agli stessi colleghi che si trovano di fronte ad uno stress psico fisico sempre crescente».

«Non è possibile smaltire le ferie e spesso succede che i colleghi per far fronte alla carenza di personale debbano svolgere turni notturni consecutivi da dieci ore ciascuno – sottolinea il sindacato - Nonostante i colleghi abbiano più volte denunciato tale situazione nulla è cambiato, anzi la situazione è peggiorata ulteriormente sia per la presenza di malattie e sia per continua perdita di personale adibito ad altri compiti come il controllo dei flussi (controllare i pazienti inviati in consulenza presso altre strutture), inoltre l’anno scorso sono stati chiamati tre colleghi a compiti di coordinamento in altre strutture senza mai essere sostituiti. Questa situazione ha portato al collasso la struttura che riesce a garantire il servizio solo alla abnegazione del personale». La Segreteria Provinciale Nursing Up ricorda anche l’interessamento della struttura del rischio clinico dell'Asl, «ma le conclusioni e i percorsi indicati dalla struttura sono rimasti inascoltati. Ci auguriamo che la Dirigenza dell’Aou, che da due mesi ha preso in carico il Pronto Soccorso, riparta proprio da quei protocolli , i quali sono idonei a dare risposte efficaci al problema», concludono.
Commenti
2/12/2016
Accordo sulle progressioni salariali per i lavoratori della Asl di Carbonia-Iglesias. Oggi pomeriggio, è stato firmato l´accordo tra Regione Autonoma della Sardegna ed i sindacati
2/12/2016
Il Policlinico Duilio Casula è tra i nove migliori centri a livello europeo: durante la giornata l´equipe del professor Roberto Puxeddu ha operato con successo tre pazienti
1/12/2016
In programma domani e sabato, a Donigala Fenughedu, il 14esimo congresso regionale Fadoi Animo, la principale occasione di incontro annuale e aggiornamento professionale per i medici e gli infermieri che lavorano nelle Unità Operative di Medicina Interna dell´Isola
1/12/2016
La Lila di Cagliari celebra così la Giornata mondiale di lotta all´Aids. In Sardegna le cifre sono in calo (63 nel 2014), ma non è il caso di abbassare la guardia
© 2000-2016 Mediatica sas