Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaAmbiente › Differenziata, esteso porta a porta
A.B. 3 marzo 2016
L´assessore comunale all´Ambiente Fabio Pinna è intervenuto alla riunione della Sesta Commissione consiliare. Il nuovo servizio arriva alla Landrigga e Tignoni Monti Minuddu
Differenziata, esteso porta a porta


SASSARI - Migliorare la raccolta differenziata, estendere il porta a porta ad altre aree del territorio comunale periferiche alla città quindi implementare la comunicazione sui temi della differenziata, così da raggiungere il numero maggiore di cittadini e coinvolgerli direttamente. Questi alcuni dei temi discussi durante l'ultima seduta della Sesta Commissione consiliare-Ambiente presieduta dalla consigliera Valeria Fadda ed alla quale ha partecipato anche l'assessore comunale all'Ambiente Fabio Pinna con il funzionario del Settore Ivano Mulas. «Oggi, il Comune di Sassari è a circa il 46percento di raccolta differenziata – ha ricordato il rappresentante della Giunta di Nicola Sanna – e il prossimo obiettivo da raggiungere rimane quello del 50percento. E una mano a raggiungere questo livello sarà dato dall'estensione del servizio porta a porta che, sebbene più complesso e anche costoso nel breve periodo, nel lungo consente di risparmiare notevolmente».

Durante la seduta, è stato ricordato come ogni anno oltre 30mila tonnellate di rifiuti raccolti nel territorio comunale di Sassari finiscono nella discarica di Scala Erre e che soltanto attraverso la raccolta differenziata, fatta secondo le regole, è possibile diminuire la quantità di rifiuti da portare in discarica. Grazie alla differenziata, è possibile recuperare gli scarti, risparmiare risorse ed evitare emissioni di Co2 in atmosfera. Da qui, la convenienza del porta a porta rispetto alla presenza dei cassonetti stradali che, nel tempo, sono passati da 1200 a 900 e la cui presenza nelle periferie crea un fenomeno che preoccupa l'Amministrazione. Si tratta della migrazione dei rifiuti, cioè l'abbandono dei rifiuti non correttamente differenziati nei cassonetti stradali da parte di chi proviene dai paesi limitrofi per scaricarvi l'immondizia. “Con la raccolta differenziata – è stato detto – si riducono i costi di smaltimento e aumentano i contributi ricevuti dai consorzi di filiera per materiali differenziati quali carta e cartone, plastica, vetro, legno”.

È stato ricordato il forte impulso dato dal sindaco Sanna affinché il porta a porta si estenda il più possibile, così da raggiungere subito il 50percento di raccolta differenziata ed evitare che i cittadini debbano pagare penalità consistenti da coprire con l'aumento della tassa rifiuti. È stato quindi Mulas a riassumere le tappe che hanno portato alla raccolta porta a porta, avviata nel 2013 nelle zone di Li Punti, Ottava e San Giovanni con il coinvolgimento iniziale di 4900 famiglie per un totale di 11mila abitanti. Negli anni, si è passati ad un maggior coinvolgimento del territorio, in particolare di quello che rappresenta il cuscinetto o cintura della città, quindi l'agro, per arrivare a novembre 2015 con quasi un quinto dei sassaresi impegnati nel porta a porta (oltre 9800 famiglie e quasi 25mila abitanti). Dal 2012 al 2015, il secco residuo è calato, passando da 38mila tonnellate alle attuali 32mila. In questi anni, sono state distribuite anche circa 5mila compostiere, che hanno consentito di ridurre il volume dell'umido raccolto. E adesso, le prossime tappe porteranno il porta a porta alla Landrigga e Bancali, con un coinvolgimento di 2400 famiglie per circa 6mila abitanti. «Tra le novità del porta a porta – ha annunciato l'assessore Pinna – è prossima l'estensione all'area di Prato comunale». L'attività del Settore si concentrerà anche nell'ambito della comunicazione che dovrà portare una maggiore diffusione delle regole della differenziata e un più ampio coinvolgimento anche delle scuole.
Commenti
16:35
Raffaele Cadinu, al quale mi lega una vecchissima amicizia, ha inserito nel suo ultimo intervento a riguardo dei recenti avvenimenti che hanno comportato un mutamento delle condizioni del Calich, una serie di dati quantitativi in merito ai contenuti di fosforo e azoto
24/2/2017
Passo in avanti per le bonifiche in Sardegna. La conferenza di servizi convocata dal Ministero dell´Ambiente sul programma di messa in sicurezza e risanamento della falda acquifera dell´area industriale di Portovesme ha infatti avuto un esito positivo
25/2/2017
All’apparire delle alghe nella laguna del Calich, come ad ogni alba che si rispetti, riascoltiamo il medesimo chicchirichì. Il solito costante ritornello, tormentone dei cittadini, che racconta la necessità di nuovi studi per capire cosa sta succedendo nella Laguna del Calich
24/2/2017
Una proposta di legge sulla tutela e valorizzazione delle maschere etno antropologiche. E´ l´iniziativa presentata stamane a Nuoro dai Riformatori Sardi
24/2/2017
L´Amministrazione comunale, in collaborazione con il gestore del servizio, Ambiente 2.0, ha programmato per mercoledì 1 marzo, in piazza Umberto I, un evento aperto al pubblico e alle scuole, durante cui sarà valutata la qualità del materiale conferito nei contenitori dell´indifferenziato
© 2000-2017 Mediatica sas