Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariAmbienteAmbiente › Rifiuti, arrivano le prime sanzioni a Sassari
S.A. 29 febbraio 2016
Prosegue l´attività di sensibilizzazione, prevenzione e controllo. Pronto un programma per intensificare l´attività delle guardie ecozoofile
Rifiuti, arrivano le prime sanzioni a Sassari


SASSARI – Conferimento dei rifiuti fuori dall'orario prestabilito, rifiuti di utenze non domestiche conferiti non correttamente e lasciati fuori dagli stalli prefissati quindi ancora mancata differenziazione e “migrazione” dei rifiuti. Sono queste le tipologie di violazioni che, nell'arco di un mese, hanno portato i barracelli del Comune di Sassari a elevare una serie di sanzioni nei confronti di cittadini per niente rispettosi delle regole per la raccolta dei rifiuti. A queste si aggiungono le sanzioni per omessa custodia dei cani elevate anche dalla polizia municipale. Pronto a partire un programma di controlli delle guardie ecozoofile.

Le violazioni sono state contestate durante l'orario di pattugliamento delle cinque squadre dei barracelli che, in media, sono operative ogni giorno in città e nell'agro nell'arco delle ventiquattro ore. Da ricordare che in campo da tempo, per arginare il problema delle discariche abusive, del conferimento dei rifiuti fuori dagli orari previsti e di ogni altra violazione in materia ambientale, c'è anche la polizia municipale di Sassari. L'attività di controllo viene inserita nella più ampia attività volta al raggiungimento dell'obiettivo di aumentare e migliorare la raccolta differenziata.

Così le sanzioni sono arrivate in via Cilea a Santa Maria di Pisa per conferimenti fuori orario e da non residenti, in via Vardabasso per conferimenti da parte di non residenti, in via Asproni per conferimenti di non residenti e da parte di utenze non domestiche nei cassonetti stradali, stesse violazioni contestate in viale Umberto bassa, e ancora in via Sette Fratelli a Sant'Orsola per conferimenti fuori orari e di non residenti. A queste si aggiungono le sanzioni fatte nell'agro, nella strada vicinale Li Mucci per conferimenti fuori orario e a Viziliu per mancata differenziazione dei rifiuti.

L'importo delle sanzioni, che può essere erogato a seconda della gravità del caso, varia tra i 50 e i 500 euro. «La sanzione – afferma l'assessore all'Ambiente Fabio Pinna – è l'ultimo rimedio. Siamo convinti, infatti, che si debba prima passare attraverso un sistema di controllo che abbia uno scopo preventivo, che eviti le violazioni, quindi a quello sanzionatorio quando educazione, sensibilizzazione e avvertimenti non bastano più». A preoccupare l'amministrazione comunale è la “migrazione” dei rifiuti, cioè il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti non correttamente differenziati nei cassonetti stradali da parte di chi, invece, dovrebbe fare il porta a porta o, addirittura, proviene dai paesi limitrofi per scaricare l'immondizia nei cassonetti situati in zone periferiche di Sassari.

«L'obiettivo è eliminare questo fenomeno – afferma l'assessore all'Ambiente Fabio Pinna – perché oltre a creare inquinamento ha un risvolto negativo sul decoro urbano e riduce la percentuale della raccolta differenziata». Per fare questo il settore Ambiente sta avviando un'azione di controllo in quattro aree specifiche della città. La prima è quella di via Sette Fratelli a Sant'Orsola in prossimità della Buddi Buddi, seguono via Grazia Deledda alta, via Pirandello e zona via Milano alta. Sono queste infatti le zone più critiche, dove sono state registrate le violazioni più importanti.

«Stiamo pensando di realizzare zone video-sorvegliate mobili – aggiunge il rappresentante della giunta di Nicola Sanna – quindi pattuglie in borghese e altre in divisa. Si inizierà anche a censire e a monitorare le aree più critiche, dove si creano discariche abusive, per estendere poi i controlli a tutto il territorio». Per quanto riguarda i controlli su deiezioni canine, custodia dei cani e microcippature a breve inizierà un'attività più serrata da parte delle guardie ecozoofile. Sabato mattina, infatti, l'assessore comunale all'Ambiente ha incontrato alcuni rappresentanti delle squadre che operano in convenzione con il Comune e che già hanno dato la disponibilità per inziare l'attività. «Vogliamo – conclude Fabio Pinna – intensificare i controlli nelle aree del centro storico e nel quartiere di Monte Rosello: qui da oggi le guardie ecozoofile concentreranno l'attività di prevenzione e, nei casi estremi, di sanzione».
Commenti
16:48
Ad un anno di distanza i familiari e l’associazione culturale, costituita per ricordarlo, col patrocinio dell’amministrazione comunale, organizzano una serata in suo onore
18:01
Sul fondale della Baia c´è un tesoro scoperto quarant´anni fa, ma rimasto celato ai più fino ai giorni nostri. Il Comitato di Borgata vorrebbe che ora questo tornasse alla ribalta per essere conosciuto, per divenire un´ulteriore attrazione turistica tra le meraviglie che appartengono al comprensorio di Porto Conte
24/6/2016
Ieri, a Roma, il Comune di Sassari (unico tra gli enti locali di grandi aree) ha ottenuto il riconoscimento da Legambiente e Raee. Il sindaco Nicola Sanna dedica il premio a Massimo Fresi
13:03
Da oggi, il sito riapre al pubblico anche nei fine settimana. L’Università degli Studi di Cagliari propone un’offerta completamente rinnovata, l’orario continuato e visite guidate in lingua straniera con nuovi servizi e spazi da scoprire
22:41
Martedì, l´aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università ospiterà la conferenza finale del progetto finanziato dal Programma Enpi Cbc Med, di cui la Regione Autonoma della Sardegna è l’Autorità di Gestione
24/6/2016
Più controlli nei litorali e verifiche sui rifiuti abbandonati per strada: nuovi indirizzi che aumentano le sanzioni per i trasgressori. L´attività sarà potenziata con l´inserimento in organico di sei vigili stagionali
22/6/2016
«Impegno per semplificazione dei procedimenti ambientali e riduzione dei tempi», spiega l´assessore regionale Donatella Spano
23/6/2016
Fuga dal campo rom, la situazione di degrado insostenibile costringe le famiglie residenti a scappare alla ricerca di aree vivibili
© 2000-2016 Mediatica sas