Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaCronaca › Alta tensione in cimitero: proteste. Tumulazioni forzate a Sassari
Red 22 febbraio 2016
L’associazione temporanea di imprese ha annunciato la volontà di rivolgersi alla procura della Repubblica di Sassari. Alta tensione in cimitero
Alta tensione in cimitero: proteste
Tumulazioni forzate a Sassari


SASSARI - Momenti di tensione questa mattina (lunedì) nel cimitero di Sassari. L’amministrazione comunale, con l'intervento degli agenti di Polizia locale, ha proceduto alla realizzazione di cinque tumulazioni realizzate dalla società che opera nell'ala del vecchio cimitero.

Presente l'assessore ai Lavori Pubblici Ottavio Sanna. All'origine della protesta di lavoratori e ditta ci sarebbe la mancata corrensponsione da parte del comune di circa 750mila euro.

Soldi che l'associazione d'imprese temporanea cui è stata affidata in regime di project financing la realizzazione e la gestione sino al 2033 della nuova ala del cimitero cittadino e ne cura i servizi cimiteriali dovrebbe percepire per arrestrati datati 2009. Ditta che ha annunciato la volontà di rivolgersi alla Procura della Repubblica.
Commenti
23/5/2016
Oggi, la locale Procura della Repubblica ha notificato l´avviso all´amministratore unico di Abbanoa, in seguito alla denuncia presentata dal sindaco Nicola Sanna per interruzione di pubblico servizio
11:35
E "Mariturismo", il ristorante in via Redipuglia. Il locale era già stato preso di mira nel del 2015. Indagini dei carabinieri che stanno visionando le immagini del sistema di video sorveglianza
22/5/2016
i Carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia, allertati da una telefonata in cui l’interlocutore diceva di volersi suicidare, sono prontamente intervenuti nel Comune di Golfo Aranci
21/5/2016
La denuncia è dell´europarlamentare del Movimento 5 Stelle Giulia Moi, che indica un sito «a circa 200metri dal centro abitato. Dopo anni di colpevole silenzio, Eurallumina ed istituzioni diano ai cittadini le risposte che meritano»
© 2000-2016 Mediatica sas