Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariCronacaCronaca › Assenteismo sul posto di lavoro. Condannati 7 dell’Ente Foreste
A.B. 18 febbraio 2016
La Guardia di Finanza di Sassari ha concluso un’operazione in materia di assenteismo: condannati sette dipendenti dell’Ente Foreste di Sassari per truffa ai danni dello Stato, nonché per avere contravvenuto alle norme generali sul lavoro per i dipendenti pubblici
Assenteismo sul posto di lavoro
Condannati 7 dell’Ente Foreste


SASSARI - La Guardia di Finanza di Sassari ha concluso un’operazione in materia di assenteismo: condannati sette dipendenti dell’Ente Foreste di Sassari per truffa ai danni dello Stato, nonché per avere contravvenuto alle norme generali sul lavoro per i dipendenti pubblici. Le Fiamme Gialle hanno proceduto ad un’attività di polizia giudiziaria tesa a monitorare i movimenti dagli uffici in cui risultavano impiegati gli indagati. L’osservazione ed il riscontro fattuale di quanto avveniva all’interno dell’Ente ha costituito il presupposto per acquisire la documentazione di supporto relativa alla disciplina delle assenze: sono stati acquisiti i dettagli riferiti ai fogli di presenza di ogni dipendente (per un totale di 46 unità), alle richieste di permesso, alla corrispondenza intercorsa tra il personale ed i funzionari.

Le indagini dei militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Sassari, coordinate da sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Sassari Mario Leo, hanno preso il via dopo una denuncia del direttore pro tempore dello stesso Ente, che segnalava assenze ingiustificate dal lavoro. Così, i finanzieri hanno messo sotto controllo i dipendenti dell'Ente in servizio negli uffici di Via Roma scoprendo che in sette, “ripetutamente in ritardo sul luogo di lavoro, si sarebbero allontanati dallo stesso nel corso dell’orario giornaliero previsto dal contratto e di aver più volte anticipato l’uscita”.

Le indagini, anche di natura tecnica, hanno quindi evidenziato un contesto di illecite procedure inerenti la timbratura dei cartellini di presenza giornaliera da parte dei sette dipendenti pubblici. Le Fiamme Gialle hanno elaborato i dati, comparandoli con quanto cristallizzato attraverso le intercettazioni video e gli appostamenti eseguiti. In particolare, cinque si assentavano dal posto di lavoro in modo prolungato ed ingiustificato, più volte al giorno, per recarsi in locali pubblici o per semplici passeggiate; gli altri due, invece, attestavano falsamente i permessi di entrata/uscita. Per cinque di essi è stata notificata l’applicazione della misura cautelare della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio. L’attività svolta attesta l’impegno della Guardia di Finanza ad individuare comportamenti illeciti che possono cagionare aggravi di spesa e conseguenti danni all’Erario.
Commenti
27/5/2016
Alberto Pinna e Paolo Enrico Pinna, arrestati due giorni fa, hanno preferito non rispondere alle domande dei gip. L´avvocato del 21enne ozierese, arrestato due giorni fa assieme a Paolo Enrico Pinna, ha annunciato il ricorso al Tribunale del Riesame
27/5/2016
Circa 600 migranti soccorsi in mare al largo della Libia arriveranno a Porto Torres domenica mattina
28/5/2016
Oggi pomeriggio, Luigi Massa stava riparando il tetto della sua casa in campagna, ma la struttura ha ceduto e l´uomo è deceduto sul colpo
28/5/2016
Nelle ultime settimane, la locale Questura ha effettuato diverse attività di controllo in circoli privati e bar del capoluogo
27/5/2016
La decisione è stata presa oggi dal Tribunale del Riesame. Annullato il sequestro preventivo effettuato due settimane fa per presunti abusi edilizi
27/5/2016
Ugo Pinna si è sentito male prima di immergersi nelle acque di Portixeddu ed è stato trovato privo di vista sugli scogli
27/5/2016
Gli agenti di Polizia hanno identificato e denunciato un 31enne della Guinea, presunto scafista dell´imbarcazione a bordo della quale i 387 extracomunitari sono partiti dalle coste della Libia
27/5/2016
Stando ad una prima ricostruzione, la simulazione della rapina ad un benzinaio sarebbe stata architettata per recuperare i soldi utili per coprire alcuni debiti
© 2000-2016 Mediatica sas