Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaAmbiente › A Sassari, la rivoluzione del porta a porta
A.B. 15 febbraio 2016
Da lunedì 22 febbraio ed entro fine marzo, altre 2174 famiglie saranno interessate dal nuovo servizio, nelle zone di Bancali, Viziliu, La Landrigga e Monte Oro
A Sassari, la rivoluzione del porta a porta


SASSARI – Da lunedì 22 febbraio ed entro la fine di marzo, altre 2174 famiglie saranno interessate dal servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta. La rivoluzione verde riguarderà le utenze di Bancali, Viziliu, Bancaleddu, Monte Oro e La Landrigga. Nei mesi scorsi, è stata già avviata con ottimi risultati a Li Punti, Ottava, San Giovanni, Caniga, Tottubella, Villassunta, lago di Baratz, La Corte, Canaglia, Campanedda, Saccheddu, l’Argentiera, Palmadula, Biancareddu e La Pedraia, I primi ad essere coinvolti saranno gli abitanti di Viziliu e Bancali bassa (strade vicinali di Serra di Lioni, Maccia di la Fava, Montalè, Santa Maria di Lu Gardu dal civico 1 fino a Viziliu, via Viziliu da Maccia di la Fava a Serra di Lioni, strada provinciale Bancali–Argentiera dal civico 15 al 81), poi, con cadenza settimanale, per concludersi intorno a lunedì 21 marzo, saranno interessati quelli di Bancali alta, Bancaleddu, Monte Oro e La Landrigga.

Continua dunque il progetto dell’Amministrazione Comunale di Sassari per coprire la “cintura” intorno alla città con il servizio porta a porta, «che finora ha dato risultati positivi e molto incoraggianti, con un aumento della percentuale di raccolta differenziata e un miglioramento della qualità conferita», ha commentato il sindaco Nicola Sanna, anche lui direttamente interessato come abitante nelle nuove zone coinvolte da questa novità. Per affrontare al meglio il cambiamento, gli utenti hanno già ricevuto nelle case una lettera che anticipa le informazioni principali sul servizio. Per giovedì 18 febbraio, alle ore 18, nella sede della circoscrizione di Li Punti, è in programma un incontro durante il quale, grazie anche alla collaborazione degli ecovolontari, saranno date tutte le spiegazioni, si risponderà ad ogni dubbio o curiosità sul porta a porta e sarà fornito materiale cartaceo informativo, il calendario del ritiro dei rifiuti (che sarà lo stesso dell’agro) ed il kit per la raccolta. Sabato 20 febbraio, saranno tolti i cassonetti dalla zona e lunedì 22 partirà ufficialmente la raccolta porta a porta.

«I risultati ottenuti finora ci dimostrano che stiamo percorrendo la strada giusta – ha spiegato l’assessore comunale all’Ambiente Fabio Pinna - Lo scopo è raggiungere e superare il 50percento di raccolta differenziata con il pieno coinvolgimento della cittadinanza. Grazie all'impegno degli eco-volontari e al nuovo nucleo di controllo ambientale ci impegneremo ancora di più a evitare la formazione di nuove discariche abusive create da qualche cittadino distratto e dai soliti incivili a seguito della estensione del servizio porta a porta». Con questa ulteriore fase, le famiglie che saranno servite a domicilio saranno circa 8500 in tutto il territorio sassarese.

«Chi già conferisce i rifiuti correttamente differenziati è oltremodo agevolato dal sistema porta a porta – ha spiegato ancora il primo cittadino - Infatti non dovrà fare altro che lasciare i rifiuti fuori dalla propria abitazione, secondo il calendario previsto, anziché manovrare con i vecchi cassonetti. Inoltre mastelli, buste e compostiere sono forniti gratuitamente dal Comune. Sarà invece più facile controllare chi è ancora un po’ restio al rispetto di queste nuove regole per un mondo più pulito e sostenibile. È importante sottolineare, inoltre, che tutto ciò è possibile senza aumentare il costo della tassa rifiuti. Il servizio porta a porta costa di più ma maggiore è la qualità del rifiuto differenziato conferito e minore sarà la possibilità di un aumento tariffario. Infatti grazie alla collaborazione della ditta appaltatrice Ambiente Italia srl il conferimento di carta, plastica, umido e vetro di qualità viene pagato di più dai consorzi di riciclo dei rifiuti e minore è anche il tonnellaggio di rifiuto indifferenziato che viene conferito in discarica. Con questi risparmi non ci saranno ulteriori spese per i cittadini, a patto che questi differenzino al meglio».

«Crediamo molto in questo progetto – ha concluso l’assessore Pinna - Sappiamo che a volte le modifiche delle abitudini consolidate possono spaventare. Ma non lasciamo mai i cittadini da soli in questi momenti di passaggio, e neanche successivamente. Noi stessi partecipiamo agli incontri organizzati con gli utenti; inoltre c’è sempre il supporto degli ecovolontari del Comune, che possono essere contattati non solo durante le riunioni, ma in qualsiasi momento, attraverso la mail ecovolontari.sassari@gmail.com o la pagina facebook Ecovolontari Comune di Sassari. Infine c’è il numero verde 800012572, operativo dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 19».
Commenti
16:35
Raffaele Cadinu, al quale mi lega una vecchissima amicizia, ha inserito nel suo ultimo intervento a riguardo dei recenti avvenimenti che hanno comportato un mutamento delle condizioni del Calich, una serie di dati quantitativi in merito ai contenuti di fosforo e azoto
24/2/2017
Passo in avanti per le bonifiche in Sardegna. La conferenza di servizi convocata dal Ministero dell´Ambiente sul programma di messa in sicurezza e risanamento della falda acquifera dell´area industriale di Portovesme ha infatti avuto un esito positivo
25/2/2017
All’apparire delle alghe nella laguna del Calich, come ad ogni alba che si rispetti, riascoltiamo il medesimo chicchirichì. Il solito costante ritornello, tormentone dei cittadini, che racconta la necessità di nuovi studi per capire cosa sta succedendo nella Laguna del Calich
24/2/2017
Una proposta di legge sulla tutela e valorizzazione delle maschere etno antropologiche. E´ l´iniziativa presentata stamane a Nuoro dai Riformatori Sardi
24/2/2017
L´Amministrazione comunale, in collaborazione con il gestore del servizio, Ambiente 2.0, ha programmato per mercoledì 1 marzo, in piazza Umberto I, un evento aperto al pubblico e alle scuole, durante cui sarà valutata la qualità del materiale conferito nei contenitori dell´indifferenziato
© 2000-2017 Mediatica sas