Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaAmbiente › Nasce a Sassari il nucleo di controllo ambientale comunale
A.B. 13 febbraio 2016
Lo scopo dell´Amministrazione Comunale è quello di coordinare tutti i soggetti che nel territorio sassarese si occupano dei temi ambientali
Nasce a Sassari il nucleo di controllo ambientale comunale


SASSARI - Educare e sensibilizzare sui temi ambientali è la priorità, ma si deve anche monitorare, controllare ed infine sanzionare, quando è necessario. Su questo principio generale si basa l'attività dell'Amministrazione Comunale sassarese, guidata dal sindaco Nicola Sanna, perciò nei giorni scorsi è stato organizzato un tavolo tecnico negli uffici dell'Assessorato Comunale all'Ambiente e Verde pubblico, coinvolgendo la Polizia Municipale e l'Assessorato competente, la società Ambiente Italia, che gestisce l'appalto per la raccolta dei rifiuti, i tecnici del settore, gli ecovolontari, i barracelli e le guardie zoofile. Lo scopo è quello di istituire un nucleo di controllo ambientale comunale per coordinare tutti i soggetti che nel territorio sassarese si occupano dei temi ambientali.

«Negli ultimi tempi abbiamo potenziato la comunicazione alla cittadinanza, grazie soprattutto al lavoro degli ecovolontari - ha spiegato l'assessore all'Ambiente Fabio Pinna - Ora però sono gli stessi sassaresi che ci chiedono, tramite segnalazioni e grazie alla pagina Facebook, maggiori controlli e di sanzionare chi viola le regole sul conferimento dei rifiuti e sulla raccolta delle deiezioni canine. Si comprende che per rafforzare il rapporto di fiducia con i cittadini, è necessario creare e potenziare un sistema di controllo che abbia uno scopo preventivo, che eviti le violazioni, e sanzionatorio quando educazione, sensibilizzazione e avvertimenti non bastano». Da tempo, la Polizia Municipale è in campo per arginare il problema delle discariche abusive, del conferimento dei rifiuti fuori dagli orari previsti e di ogni altra violazione in materia ambientale: «Il controllo deve essere inserito nella più ampia attività volta al raggiungimento all'obiettivo di aumentare e migliorare la raccolta differenziata - ha commentato l'assessore alla Polizia Municipale Antonio Piu - Da parte nostra c'è la massima disponibilità e volontà di contrastare questi comportamenti di pochi che pesano però sulle tasche e l'ambiente di tutti. Ma sappiamo che da soli non possiamo farcela. Per questo è fondamentale costruire un gruppo di lavoro che, ognuno per le sue competenze, operi per raggiungere il massimo risultato. Abbiamo tutti il dovere di dare al cittadino la percezione che si è avviato un nuovo sistema di controllo».

Si partirà prima di tutto da una ricognizione delle risorse umane e dei mezzi a disposizione del progetto. La Polizia Municipale fornirà gli spazi per le riunioni operative e, grazie alla collaborazione di Ambiente Italia, barracelli, guardie ecozoofile ed ecovolontari, si provvederà a una mappatura delle zone più critiche, a corsi di formazione per tutti i membri del nucleo ambientale e insieme si valuterà come agire. «Vogliamo mettere in campo l'autorevolezza - ha continuato Pinna - Dobbiamo dimostrare la volontà dell'Amministrazione di ascoltare le richieste dei cittadini. Dobbiamo dare risposte, difendere quei sassaresi e quelle sassaresi che ogni giorno si impegnano per una corretta raccolta differenziata». «Il lavoro sarà un lavoro di gruppo, con attività di tipo misto, tra chi può sanzionare, chi avrà potere di controllo e chi continuerà la sua opera di sensibilizzazione - ha proposto Piu - Si avranno zone video-sorvegliate mobili, pattuglie in borghese e altre in divisa. Si inizierà dalle zone più critiche per estendere poi i controlli a tutto il territorio. Fondamentali, come lo sono state finora, saranno le segnalazioni degli stessi cittadini».

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
21/4/2018
I carabinieri della compagnia di Porto Torres guidati dal capitano Romolo Mastrolia in collaborazione con i militari dei Noe - Nucleo operativo ecologico - hanno denunciato un portotorrese e due cittadini rom per abbandono di rifiuti pericolosi all’interno del campo nomadi
18:09
Atto storico del Comune di Alghero che tenta di chiudere una vergogna aperta pluridecennale, con insediamenti abusivi sulla costa di Porto Conte. Nonostante la prescrizione nel processo, rimane la lottizzazione senza autorizzazione e il dirigente pubblica l´atto con cui vengono annesse al patrimonio pubblico le 133 piazzole
19:14
«Il Wwf, vista l’ordinanza d’ingiunzione pubblicata nell’albo Pretorio del Comune di Alghero, plaude all’azione intrapresa dal dirigente del settore Demanio del Comune di Alghero Guido Calzia che mira ad acquisire al patrimonio comunale l’area di Sant’Imbenia nel Comune di Alghero», dichiara il delegato Wwf per la Sardegna Carmelo Spada
20/4/2018
A Parigi il percorso individuato è il riconoscimento del corallo come patrimonio dell’umanità. Dopo Alghero, anche la cittadina in provincia di Napoli ha proposto la candidatura della lavorazione artigianale del corallo e del cammeo di Torre del Greco a patrimonio immateriale dell´Umanità Unesco”
© 2000-2018 Mediatica sas