Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSpettacoloConcerti › Febbraio d´autore al circolo Arci Raichina
Red 11 febbraio 2016
Continua la programmazione curata da Officine Musicali al circolo culturale Arci Raichina, in via Alghero 19. Tre eventi dedicati ad altrettanti cantautori a Sassari
Febbraio d´autore al circolo Arci Raichina


SASSARI - Tre eventi dedicati ad altrettanti cantautori. Tre eventi dedicati alla musica d'autore. Continua la programmazione curata da Officine Musicali al circolo culturale Arci Raichina, in via Alghero 19 a Sassari. Per il ciclo fuoriOfficine d’autore tre cantautori, tre songwriters, profondamente diversi ma con in comune il modo di esprimersi, la musica e le parole; la chitarra e la voce. Primo appuntamento è questo sabato 13 Febbraio con Beeside, in arte Federico Pazzona, che continua il giro di presentazione del suo secondo disco "Lullabies of love and hate". Dopo la straordinaria serata del del nove gennaio scorso al circolo Arci Vecchio Mulino, serata che ha registrato il tutto esaurito e dove ha presentato per la prima volta in pubblico il suo secondo lavoro, si replica in un altro contesto, ovvero fra le calorose mura del circolo Arci Raichina, circolo che ha deciso di dedicare tutta la sua programmazione alla musica d'autore, uno spazio raccolto dove poter ascoltare in modo intimo le splendide canzoni di Beeside.

“Lullabies of love and hate”, il nuovo disco di Beeside, è prodotto da Luigi Frassetto e da Officine Musicali Sassari, ed è un viaggio dentro nove favole in cui cullarsi quando ci si sta per addormentare. Iniezioni di sogni, fughe di mezzanotte, ricordi scomodi, e vita vissuta, poi guardata, poi cambiata, e ritorno a casa. Beeside (pseudonimo di Federico Pazzona) è un progetto musicale che affonda le radici nel cantautorato di matrice britannica e traccia percorsi e connessioni fra tradizioni e stili, riportando all'interno di una dimensione intima e personale una summa di emozioni, esperienze e sonorità, distillate in una forma-canzone intensa e immediata. Basandosi sulla combinazione tra voce e chitarra in fingerpicking, e mescolando armonizzazioni e soluzioni sonore delicate e calibrate con testi diretti e aggressivi, Beeside propone nel 2012 il suo primo disco, "Mood Spirals" (Seahorse-Red Birds), il primo punto fermo di un percorso dinamico e in continua evoluzione che approda nel secondo lavoro, “Lullabies of Love and Hate”.

Dopo numerosi live in Sardegna e nel resto del territorio nazionale e una lunga pausa, il secondo lavoro in studio del songwriter prende le distanze in maniera decisa dal disco d'esordio, pur mantenendo intatta la cifra stilistica (anzi portandola a maturazione) che contraddistingue questo artista: si tratta di un lavoro di natura schiettamente intimista, più ruvidamente folk nella ricerca di un sound scarno ed essenziale. Gli arrangiamenti sono quasi interamente affidati a chitarra acustica e voce, poche le tracce in cui fanno comparsa altri strumenti. Il titolo omaggia uno dei maggiori cantautori contemporanei, Leonard Cohen, e allude anche a una presa di posizione: la volontà di tornare a una musica “nuda”, al songwriting nella sua accezione più classica e tradizionale. Secondo appuntamento di questo mese è con Dainocova, che il 20 Febbraio presenterà il suo nuovo disco, pubblicato a Gennaio 2016, "Dark Tropicana".

Il nuovo disco racchiude un paesaggio impressionista di un esistenza ai margini del concetto di bellezza comune. I testi sono infatti il frutto di lunghe camminate notturne senza alcuna meta in cui la decadente periferia muta continuamente i connotati tra fantasie arcaiche, visioni futuristiche, tribolazioni e euforie tropicali. In Dark Tropicana l'amore è uno scambio di cineserie, gli amici sono cartonati sullo sfondo, le erbacce sull'asfalto un microcosmo, la poesia, rabbia creativa in un rifugio senza tempo. Il concept sonoro è quello di un folk nudo e crudo volutamente vicino alla stesura originale dei brani, le canzoni che compongono questo album infatti sono state scritte nell'arco di due mesi e da li a breve registrate voce e chitarra in presa diretta e sviluppate di volta in volta con pochi arrangiamenti estemporanei e dal carattere primordiale. Dainocova è un cantautore polistrumentista, dopo aver suonato e collaborato con numerose band
della scena indie sarda tra cui Trees of mint, Hola la Poyana, Diverting Duo, nel 2003 scrive e registra una serie di brani in chiave pop low-fi con cui inizia ad esibirsi dal vivo.

Fino al 2008 viaggia per l'Europa dai Paesi dell'est fino a Parigi, passando per Vienna e la Germania. Successivamente si trasferisce per un anno in Australia, per due ad Atene e infine a Torino dove collabora con cantautori come Stefano Amen e Matteo Castellano, continua a comporre, affinando le tecniche e includendo ciclicamente la pittura che ne completa spesso l'immaginario. Nell'autunno del 2012 esce “fuga da scuola" il suo primo disco in studio. Nove brani d'autore in chiave pop rock resi caratteristici da una scrittura poetica, trasversale e molto personale, tra questi anche il brano Perso in campagna con cui è stato artista della settimana su MTV new generation. Il disco uscito per Moka Produzioni è stato registrato da Gabriele Boi (ex Rippers, Mojomatics) in una cornice molto suggestiva, lo Sleepwalkers studio, ex location storica dell' Here i stay festival e locale che in Sardegna per anni ha ospitato alcuni tra i migliori nomi nell'ambito indipendente sia a livello nazionale che estero, successivamente è stato missato al Natural head Quarter di Manuel Fusaroli (Max Stirner).

Seguono un minitour nella penisola e anni di intensa e variegata attività live che includono anche i brani rimasti fuori dalle session, sempre incline alla sperimentazione cambia di volta in volta l'approcio sul palco, passa dal full acoustic solo al live looping, da formazioni duo folk minimale a ensamble di stampo post rock. Il 2015 è un anno di pausa lontano dal palco e durante l'estate inizia la stesura e registrazione del secondo album composto da 10 brani inediti intitolato “Dark Tropicana”. Terso appuntamento per questo Febbraio d'autore è con "Chi Sono Io?", il 27 Febbraio infatti il cantautore presenterà i suoi nuovi lavori che presto vedranno la luce nel suo disco solista, intanto si può ascoltare qualche traccia nel suo canale youtube. Chi Sono Io? è il progetto solista di Luca Usai (che collateralmente coltiva anche i progetti Lux Rock e Archè musiche popolari) , di cui la caratteristica è il divenire. Come rispecchia la stessa fatidica domanda “Chi Sono Io? “(sicuramente se guardo bene non sono quello di 2 anni fa, qualcosa è cambiato, in me)… che perciò non può e non vuole avere una risposta se non attimo per attimo istante per istante….ma semmai un’ infinita e curiosa ricerca.

“Chi Sono Io? E’ una domanda che mi faccio spesso. Perché, ogni volta che anche solo ho pensato di essermi finalmente ri-trovato, mi sono puntualmente, o meglio, fortunatamente, perso”. Durante la sua avventura solista, Luca Usai ha incrociato sul palco diverse anime, voci e strumenti come quella di Edda e di Giorgio Canali. Ora è tempo di chiudere queste esperienze in un disco e di farlo sentire. E’ tempo di immergersi nella musica completamente e intimamente con chi sta ad ascoltare. “Chi Sono Io?” nel finire del 2013 e prevede l’esecuzione di brani originali e inediti, eseguiti prevalentemente con chitarra acustica elettrificata e voce sola per lo più urlata. I testi di “Chi Sono Io?” raccontano percorsi intimi, conquiste interiori, perdite, considerazioni sulla vita e sul mondo, ricerche sul Se, ribellioni, sentimenti, disgusto, rabbia, follia, illusioni, noia, amore, piacere, punti di vista, antidoti e domande in cui ognuno si può riconoscere a seconda dello specchio in cui sta guardando. Appunti, embrioni di una serie di pezzi e bozze di brani originali mai eseguiti , in attesa della giusta occasione…
Commenti
21:06
Domani ad Iglesias e mercoledì a Sant’Antioco, è in programma Sacro Cantare, l’incontro del repertorio sacro della Sardegna con quello della tradizione georgiana. Ed ancora, spazio alle imperdibili interviste-concerto con Bruno Gambarotta
20:03
Domattina, si rinnova domattina, alle ore 10, l´appuntamento della manifestazione nella Casa Circondariale: protagonisti, l´arpista Marcella Carboni e l´armonicista Max Aloe. Ed in serata, al Museo del Costume, il concerto del sassofonista Joe Lovano con la cantante Judi Silvano ed ospiti
22:11
Domenica mattina, il flautista algherese è stato introdotto e propiziato da alcuni brani declamati dal poeta Pier Luigi Alvau
27/8/2016
Il piccolo cantante sassarese si è esibito sul palco di Avola al concerto dello Zecchino Summer Show, evento promosso dal maestro Giuseppe Morale del Piccolo Coro Sarah Calvano, facente parte dei cori dell’Antoniano
27/8/2016
Giovedì 8 e venerdì 9 settembre, il Palazzo di Città ospiterà la 14esima edizione della manifestazione musicale
© 2000-2016 Mediatica sas