Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariOpinioniGiochiSassari ha bisogno di centri culturali e non di bische
Simone Maulu 10 febbraio 2016
L'opinione di Simone Maulu
Sassari ha bisogno di centri culturali e non di bische


Le attiviste e gli attivisti di iRS apprendono con tristezza e sconcerto che a Sassari è stato inaugurato il tempio delle Slot Machine (QUI) alla faccia della mozione approvata dal Consiglio Comunale appena un anno fa che incentivava i commercianti che eliminavano le slot dai propri esercizi commerciali. Leggendogli ultimi dati la spesa complessiva per giocare con slot machine e videolottery nel territorio comunale di Sassari è stata pari a 76 milioni di euro. Una cifra che fa rabbrividire se pensiamo che per realizzare il nuovo centro intermodale ne sono stati preventivati 28 milioni.

E' arrivato il momento che l'amministrazione comunale di Sassari inizi a compiere atti di coraggio e quindi a prendere posizioni chiare anche per quanto riguarda il gioco d'azzardo. Tutti sappiamo che i giocatori affetti da ludopatia, vengono curati al serd da veri e propri specialisti, di conseguenza autorizzando l'apertura di questi luoghi che son dei veri e propri santuari del gioco d'azzardo non si fa altro che agevolare la malattia per poi curarla gravando peraltro sempre sulla spesa pubblica.

Alcuni sindaci, anche in Sardegna, hanno fatto una scelta etica eliminando le slot machine dai propri paesi riducendo notevolmente i casi di malati di gioco. Il comune di Montresta per esempio già diversi anni fa ha avviato un percorso partecipato con la popolazione sul tema del gioco d'azzardo. Il sindaco, stanco di vedere compaesani andare sul lastrico per via delle slot e stanco di sentire i baristi ripetere la cantilena “se non lo fanno nel nostro paese lo fanno altrove” ha deciso di aprire un dibattito pubblico che poi ha portato ad un referendum popolare e all'approvazione di un regolamento per eliminare i videopoker.

Queste sono scelte coraggiose che portano al miglioramento della società, avendo ben chiaro che tra ciò che è legale e ciò che è legittimo c'è una grossa differenza e che la società non migliora se nessuno compie atti di coraggio. E' imbarazzante leggere le dichiarazioni dei gestori della sala di via Vardabasso che dichiarano di dare lavoro a 16 persone senza pensare a quante persone il lavoro lo perderanno grazie alla loro iniziativa. Sassari ha bisogno di centri culturali, di cinema, di scuole di musica, di laboratori d'arte e di centri che ci arricchiscono culturalmente non di sale slot che ci impoveriscono sia a livello economico che intellettuale.

*Portavoce iRS Sassari
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas