Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaAmministrazione › Emergenza idrica: amministratori del nord ovest riuniti a Sassari
A.B. 8 febbraio 2016
«La siccità si evita con l´uso di tutte le risorse idriche». Questa mattina, Palazzo Ducale ha ospitato un incontro tra i comuni di Sassari, Alghero, Olmedo, Porto Torres e le associazioni del settore agricolo sull´emergenza idrica
Emergenza idrica: amministratori del nord ovest riuniti a Sassari


SASSARI - Programmazione degli interventi per l'utilizzo di tutte le risorse dei bacini, eventuale utilizzo dei reflui e corretta comunicazione nei riguardi degli agricoltori e dei cittadini sui parametri dell'acqua reflua utilizzata per irrigare. Queste le tematiche discusse questa mattina (lunedì), a Palazzo Ducale, in una riunione che ha visto seduti attorno al tavolo i Comuni di Sassari, Alghero, Porto Torres ed Olmedo con le associazioni di categoria Coldiretti, Cia e Confagricoltura. L'obbiettivo è quello di cercare una soluzione per far uscire il territorio dalla grave crisi idrica che rischia di mettere in ginocchio le aziende agricole del nord ovest della Sardegna. Ed i quasi 10milioni di metri cubi di reflui prodotti dal depuratore di Sassari, che adesso sfociano in mare, potrebbero essere una risorsa per l'agricoltura del territorio ormai a secco. «Di siccità si parla già dall'autunno – ha detto in apertura di incontro il sindaco di Sassari Nicola Sanna – e la preoccupazione era già alta. Se aggiungiamo che circa il 52percento dell'acqua immessa in rete per uso civile si perde lungo il percorso, si crea una situazione di grande difficoltà». Aggravata dalle perdite dell'acqua nelle condotte per uso agricolo, stimata in circa il 30percento.

È stato il presidente del Consorzio di bonifica della Nurra Gavino Zirattu a tracciare un quadro preoccupante della situazione dei bacini che approvvigionano la Nurra. In dieci anni, si è verificata una situazione altalenante, che ha visto i bacini passare dai 66milioni di metri cubi nel 2005 fino ai 98 del 2010, per poi ritornare ai 40 del 2015. «Della siccità non bisogna occuparsene in questo periodo – ha detto – e bisogna fare programmazione per tempo. I bacini devono essere tenuti a livelli ottimali, perché soltanto così si possono superare situazioni come queste». Zirattu ha quindi ricordato che l'utilizzo delle acque reflue depurate, in particolare quelle che provengono dal depuratore di Sassari e che ora si gettano a mare, potrebbero essere utlizzate per alimentare i bacini, in particolare quello del Cuga.

Sarà quindi necessario decidere su questo utilizzo «che – ha sottolineato Battista Cualbu di Coldiretti – vede dubbiosi gli agricoltori» per la necessità di conoscere i parametri dell'acqua. Apertura al dialogo sull'uso delle acque reflue depurate è arrivato dall'assessore all'Ambiente del Comune di Porto Torres Cristina Biancu, che ha auspicato il conivolgimento delle istituzioni locali e degli agricoltori. Apertura anche da parte del Comune di Olmedo, con il vicesindaco Mirko Ferralis e dal presidente della Confagricoltura Matteo Luridiana. Il presidente provinciale della Cia Giovanni Canu, ribadendo la positività dell'idea, ha fatto però presente come si potrebbe incontrare il parere contrario del Comune di Uri, che su quello specchio d'acqua vuole avviare iniziative turistiche ed ambientali. Per questo motivo, ha suggerito il primo cittadino sassarese, sarà anche opportuno un ulteriore incontro con al tavolo anche i Comuni di Uri ed Ittiri, che da quel bacino traggono risorse. Risorse economiche, invece, potrebbero arrivare dalla Regione Autonoma della Sardegna, dove domani saranno i consorzi della Nurra, Gallura e Chilivani-Ozieri. «L'assessore all'Agricoltura – ha aggiunto Gavino Zirattu – si è impegnato a trovare risorse, sta anche a noi proporre le possibili soluzioni».

«Se c'è questa disponibilità – ha rimarcaro l'assessore all'Ambiente del Comune di Alghero Natacha Lampis – allora dobbiamo agire e programmare per non doverci più ritorvare in una simile situazione». Quindi, un passaggio sull'utilizzo dei reflui. «Da parte nostra non c'è nessuna remora – ha detto – ma dovremo avviare una campagna di comunicazione che consenta di spiegare ai cittadini l'utilizzo di questa risorsa». E tra le risorse possibili anche quelle che arrivano dalle acque meteoriche che, per effetto della rete stradale vengono smaltite assieme alle acque nere. «Questo diventa un costo notevole per le amministrazioni – ha detto Nicola Sanna – mentre sarebbe utile che queste avessero un trattamento diversificato». «Dobbiamo fare fronte comune per una soluzione che consenta di superare le emergenze attuali – ha concluso l'assessore alle Politiche ambientali e agricole Fabio Pinna – e che ci veda impegnati in una programmazione a lungo termine».

Nella foto: un momento dell'incontro di oggi
Commenti
26/8/2016
Il consigliere di maggioranza commenta la notizia della mozione urgente presentata dai consiglieri Michele Pais, Maurizio Pirisi e Nunzio Camerada, che proponeva di devolvere il “fondo-Ryanair” alle vittime del terremoto che in questi giorni ha ferito il centro Italia
25/8/2016
I consiglieri Michele Pais, Maurizio Pirisi e Nunzio Camerada hanno presentato una mozione urgente tendente a devolvere il fondo (o parte di esso) alle popolazioni terremotate. «Sarebbe un bel gesto di generosità del comparto produttivo e testimonierebbe la solidarietà degli algheresi», spiegano i tre forzisti. Stessa cosa, mediante la devoluzione di una parte della Tassa di soggiorno, oltre all´indennità di funzione di almeno un mese di sindaco, assessori e consiglieri comunali
11:44
I comunisti (e lo dico sicuro di fare un complimento a chi lo riceve, che si onora di esserlo) non perdono l´odiosa abitudine di provare a decidere chi deve parlare e cosa deve dire. Vecchie reminiscenze di un passato falce&martello, che dal suono della Balalaika li conduce alla "ballalaica" che la giovane classe dirigente, nel caso di specie, utilizza per difendere la "supposta" offerta di appuntamenti culturali che avrebbe proposto la tiepida estate Algherese
25/8/2016
Accordo di gemellaggio tra il comune di Camposano e il comune di Porto Torres. Il progetto è stato sottoscritto nei giorni scorsi allo scopo di favorire un rapporto di collaborazione con le istituzioni locali di altre Regioni
© 2000-2016 Mediatica sas