Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariPoliticaSicurezza › Tula: nuovo bando per la sicurezza
A.B. 4 febbraio 2016
Vista la risposta positiva avuta finora il Comune dà il via a un nuovo bando per la concessione di contributi per l’installazione di sistemi di sicurezza per aziende, privati, associazioni ed istituzioni
Tula: nuovo bando per la sicurezza


TULA - Al via un nuovo bando per la concessione di contributi per l’installazione di sistemi di sicurezza. Il Comune di Tula, dunque, investe ulteriori risorse affinché sia possibile vivere con sempre maggiore serenità. Fino a sabato 30 aprile, ci sarà tempo per presentare le richieste di finanziamento. «In occasione dei due bandi precedenti sono pervenute all’Ente complessivamente ventidue domande, tutte accolte. I privati e le aziende, pertanto, hanno risposto favorevolmente e noi ci riteniamo soddisfatti. Oggi emerge infatti con forza un’esigenza crescente di difesa, costantemente alimentata dai fatti di cronaca nera, che gli amministratori devono necessariamente considerare. E dispiace constatare che a distanza di oltre un anno dalla pubblicazione della graduatoria del bando “Por Fesr 2007-2013–Asse I Società dell’Informazione, Linea di Attività 1.1.1.a–Intervento Reti per la Sicurezza del Cittadino e del Territorio”, circa l’implementazione del sistema di videosorveglianza comunale, la Regione Autonoma della Sardegna non abbia ancora sbloccato il finanziamento di 60mila euro concesso a questo Ente. I numerosi solleciti all’Assessorato degli Affari Generali evidentemente non hanno sortito alcun effetto. Nella medesima situazione, tra l’altro, si trovano tutti i Comuni che avevano partecipato con esito positivo al predetto bando», dichiara il sindaco Andrea Becca.

Nell’ambito del Piano Sicurezza, poiché la rete pubblica non può vigilare capillarmente ovunque, sono state quindi programmate alcune misure a favore dei cittadini mediante la predisposizione di due linee di intervento. «Per la Linea A sono ammessi i proprietari di immobili, siti sia in paese sia in agro, che sono in regola con le disposizioni urbanistico-edilizie e con il pagamento dei tributi locali nell’ultimo quinquennio e che sono in possesso dei titoli edilizi abilitativi. Se l’immobile appartiene a più soggetti, l’assegnatario del sussidio deve essere designato dagli altri titolari. Nella Linea A rientrano anche i vari organismi, come le associazioni, che hanno sede legale e unità operativa nel territorio del Comune di Tula, che sono iscritti negli albi del proprio settore, che sono registrati presso l’Agenzia delle Entrate e che, ove dovuti, sono in regola con il pagamento dei tributi locali nell’ultimo quinquennio. Per la Linea B possono richiedere il contributo le aziende che hanno sede legale nel territorio del Comune di Tula e unità operativa nel territorio del Comune di Tula o in quello di uno dei Comuni confinanti (Erula, Ozieri, Oschiri e Tempio Pausania), che sono iscritte nel Registro delle Imprese o nel Repertorio Economico Amministrativo di Sassari, che sono in regola con il pagamento dei tributi locali nell’ultimo quinquennio e che sono attive e non assoggettate a procedure di liquidazione o di fallimento», spiega il primo cittadino.

I sussidi sono concessi secondo i seguenti parametri: per la Linea A fino al 70percento delle spese riconosciute e regolarmente documentate e per un massimo di mille euro e per la Linea B fino al 55percento delle spese riconosciute e regolarmente documentate e per un massimo di 2mila euro. Sono contemplati i costi supportati per l’acquisto e per l’installazione, al netto dell’Iva, di sistemi di videosorveglianza, di sistemi antintrusione e di altri sistemi di sicurezza. La collocazione degli impianti deve tenere conto, in ogni caso, delle autorizzazioni previste dalla vigente normativa. Le domande di partecipazione possono essere inviate all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata protocollo@pec.comune.tula.ss.it oppure possono essere consegnate a mano all’Ufficio Protocollo. Il Comune può effettuare controlli sui beneficiari del contributo. Il bando e la relativa modulistica sono consultabili sul sito internet istituzionale del Comune. Per ulteriori informazioni, si può contattare l’Ufficio Informatizzazione inviando una e-mail all'indirizzo web info@comune.tula.ss.it o telefonando al numero 079/7189034.
Commenti
29/5/2016
Non approderà più domani pomeriggio a Porto Torres la nave con a bordo i quasi 600 migranti soccorsi nei giorni scorsi a largo delle coste libiche. Riunione operativa al Coc allla presenza dell’assessore dell´Igiene e Sanità Arru, dell’assessore con delega alla protezione civile Spano e del Prefetto di Sassari Giardina
27/5/2016
«Annunciamo che saremo presenti nei Porti del Nord Sardegna previsti per lo sbarco durante l’arrivo degli extracomunitari e non mancherà la nostra battaglia per la difesa dei nostri confini», dichiarano i coordinatori provinciali di Sassari e della Gallura, Luigi Todini e Dario Giagoni
28/5/2016
Incontro Coc di Porto Torres con l’Assessore regionale dell´Igiene e Sanità e dell´Assistenza sociale Luigi Arru e il prefetto di Sassari Pietro Giardina
27/5/2016
I numeri di un anno di attività della Polizia di Stato in provincia di Nuoro illustrati nel corso della cerimonia per il 164/o anniversario di fondazione. Le parole del Questore Fassari
27/5/2016
Riduzione delle rapine dell´8%, il 10 per cento in meno di furti e 22 per cento in meno di danneggiamenti; 320 persone arrestate e 1662 denunciate. Sono alcuni dei numeri di un anno di attività della Polizia di Stato nella provincia di Cagliari
28/5/2016
La manifestazione, tradizionale appuntamento annuale, è nata su iniziativa della Presidenza Nazionale della Lega Navale, ed è organizzata in collaborazione con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto–Guardia Costiera
28/5/2016
Questa mattina, la Guardia Costiera e la sezione locale della Lega Navale Italiana hanno organizzato la manifestazione nel porticciolo oristanese
27/5/2016
Con i bandi sarebbero arrivati a Cagliari fondi del Ministero, che avrebbero creato posti di lavoro, professionalità ed avrebbero inserito i migranti appieno nella nostra vita sociale ed economica
© 2000-2016 Mediatica sas