Sassari News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Sassari News su YouTube Sassari News su Facebook Sassari News su Twitter
Sassari NewsnotiziesassariSpettacoloTeatro › Teatro: doppio appuntamento con la Botte e cilindro
A.B. 29 gennaio 2016
Domani, spazio a Materia Grigia, con “Tutti al macello” di Boris Vian. Domenica 31 gennaio, invece, Is mascareddas proporranno “La donnina che semina il grano”
Teatro: doppio appuntamento con la Botte e cilindro


SASSARI - Doppio appuntamento questa settimana al Teatro il Ferroviario di Sassari, che presenta accanto al tradizionale appuntamento con la rassegna “Famiglie a teatro”, lo spettacolo “Tutti al Macello” di Boris Vian, in scena domani, sabato 30 gennaio, alle ore 20.30. Il lavoro diretto da Pier Paolo Conconi è il momento conclusivo dell'ultimo laboratorio teatrale condotto dall'associazione culturale studentesca Materia Grigia, che in occasione del suo 25esimo anno di attività ripropone il testo del suo primo spettacolo del 1990. Sul palco Anna Argenziano, Cinzia Chiodino, Grazia Desole, Jacopo Falugiani, Alessandro Ginatempo, Alberto Mancosu, Silvia Marinu, Irina Mastinu, Andrea Monti, Laura Mulas, GianFranca Nieddu, Lorella Pepe, Marco Pintus, Simone Saiu, Gabriella Salaris, Giuseppe Sanna, Andrea Scarpa, Maria Lucia Sias,Carlo Sechi, Mary Soro,Tiziana Sotgiu e Piera Tirotto.

Domenica 31, alle 18, appuntamento con la rassegna di teatro ragazzi organizzata dalla compagnia La Botte e il cilindro che vede in scena la compagnia ospite di Cagliari Is Mascareddas, che presenta lo spettacolo di marionette da tavolo “La donnina che semina il grano”. Il testo e la sceneggiatura sono di Elisabetta e Donatella Pau, mentre l'animazione delle marionette è di Donatella Pau ed Antonio Murru. Lo spettacolo inizia con una scena dove appare una donnina (Angelina) seduta su un mucchio di grano. Raccontando del suo orto, dei suoi campi e del suo gran da fare la donnina spiega la potenza dei semi e le differenti fasi di crescita: dai germogli, alle spighe, dai mulini alla farina.

Semplici scene, che svelano le meraviglie della natura. Lo spettacolo, attraverso l'utilizzo di elementi naturali, conduce i bambini, in modo semplice e giocoso, a capire che dalla natura ed il lavoro si ottiene il cibo con cui ci si nutre, un modo questo per avvicinarli a temi più importanti come l'acqua, l'energia ed il rispetto dell’ambiente. Con una struttura narrativa a catena e con una semplicità adatta a bambini dai tre anni in su, viene così illustrata la necessità vitale di non sprecare le risorse naturali e viene evidenziato come la terra e l’acqua siano le fonti primarie dell’alimentazione degli esseri viventi.

Nella foto: La donnina che semina il grano
Commenti
27/8/2016
Si intensifica l’offerta formativa teatrale dell’Assessorato Comunale alle Politiche Sociali e Giovani, che propone un nuovo laboratorio
© 2000-2016 Mediatica sas